Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

Ma perché la pubblica amministrazione viene esclusa dai limiti imposti al tempo determinato?

Ma perché la pubblica amministrazione viene esclusa dai limiti imposti al tempo determinato?

Il “decreto dignità” e le normative sul contratto a tempo determinato escluderanno la pubblica amministrazione.
Parliamo di oltre 3 milioni di lavoratori e lavoratrici a tempo indeterminato, altri migliaia con contratti precari e a tempo determinato. Il pubblico dovrebbe dare il buon esempio ma invece accade il contrario. Tutto ciò avviene mentre si ipotizzano tagli alla sanità e al welfare nella manovra economica di fine anno. Altri, meglio di noi, sapranno fornire spiegazioni giuridiche, tireranno in ballo la Madia ma alla fine il pubblico potrà continuare ad abusare dei contratti a tempo determinato, eppure proprio il lavoro pubblico avrebbe bisogno di un cambio generazionale capace di ringiovanire la forza lavoro piu' anziana della Ue. Non possiamo che constatare la continuità tra la Riforma Brunetta e la Madia, è pur vero che il lavoro pubblico è soggetto a regole diverse ma non per questo bisogna sottostare alla precarietà o , peggio ancora, pensare che il contenimento della spesa continui ad essere dominante.
Quindi nel pubblico non saranno introdotte le causali, i contratti a termine nella Pubblica Amministrazione sono per forza di cose casuali ma solo in teoria, basti pensare alle educatrici, ai tecnici, agli autisti degli scuolabus a tempo a sostituire personale di ruolo che non viene assunto o perchè non previsto nel Piano occupazionale triennale o per non superare i tetti di spesa.  Molte delle assunzioni a tempo nella Pubblica amministrazione di eccezionale hanno ben poco come del resto i contratti precari nella ricerca o le sostituzioni lunghe degli insegnanti.
Poi c'è l'interinale che nel corso degli anni non è cresciuto ma continua ad esistere per non parlare poi delle altre tipologie contrattuali precarie.

Altro aspetto importante è rappresentato dalla mobilità, prima delle assunzioni e dei contratti corre l'obbligo di prevedere bandi di mobilità da altri enti con il risultato che l'occupazione non cresce e la forza lavoro non si rinnova\ringiovanisce. Per anni invece di scorrere le graduatorie concorsuali si è fatto ricorso alla mobilità, esistono centinaia di esempi in tal senso senza che il legislatore sia mai intervenuto per porre fine a questa autentica vergogna.
Alcuni settori della Pubblica amministrazione subiscono ondate di tempi determinati e non ci sembra che la esclusione del pubblico dalle novità del decreto Dignità siano giustificabili soprattutto se per anni si rinnovano i contratti nella ricerca e nell'università o nella scuola .E il problema non puo' essere affrontato, e men che mai liquidato , con la cosiddetta indennità risarcitoria nel caso di superamento del tetto massimo per il tempo determinato
Per tutte queste ragioni, anche la Pubblica amministrazione ha bisogno di rivedere le normative sui contratti a tempo e precari nella direzione del loro superamento.

 FEDERICO LOTTA CONTINUA PISA

Pubblicato da Delegati e Lavoratori Indipendenti Pisa

 

A proposito di voucher
Nebbie e luci sul tempo determinato
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 19 Ottobre 2018

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Social Extensions
Sghing - Messaggio di sistema