Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

La mia africa: la missione italiana in Niger

La mia africa: la missione italiana in Niger
Il Parlamento italiano a poche ore dal preannunciato Decreto Presidenziale di scioglimento delle Camere, lo stesso il cui Senato lo scorso 23 dicembre ha affossato definitivamente la tanto attesa legge sullo Ius Soli Temperato per mancanza del numero legale, approverà la richiesta del Governo Gentiloni relativa all'invio di una nuova Missione militare in Niger. Al di là delle soggettive riflessioni sulla funzione del Parlamento e del Governo di rispondere ai mutamenti sociali e alle richieste di diritti da parte di oltre 800.000 bambini e adolescenti "Italiani senza cittadinanza" cerchiamo di comprendere le motivazioni, il contesto geopolitico, i costi, i rischi...
Continua a leggere
  827 Visite
  0 Commenti

Narrazione della crisi e ottimismo indotto

Narrazione della crisi e ottimismo indotto
Le statistiche Istat arrivano con una tempistica singolare, in coincidenza con l'approvazione della Legge di stabilità in parlamento e diffondono ottimismo sulla ripresa economica e sulla fiducia di famiglie e imprese nel futuro, quindi un sostanziale plauso all'iniziativa  Governativa. Ottimismo indotto o derivante dalla crescita del 10% delle ordinazioni interne? A leggere bene gli stessi dati  (che prendiamo per buoni senza entrare nel merito dei metodi della ricerca) si capisce poi che la situazione in sostanza non cambia almeno nella seconda metà del 2018, con alcuni passi in avanti rispetto alla prima parte dell'anno che sta per finire ma con...
Continua a leggere
  439 Visite
  0 Commenti

Produci, consuma... crepa: a proposito dell'apertura dei centri commerciali a Natale.

1-1-a-consumism_20180917-180549_1
E' civilità lavorare 365 giorni alll'anno? Pensiamo sia una sorta di schiavitu' piu' o meno occultata dalle luci delle vetrine . I negozi sono ormai aperti 365 giorni all'anno, gli orari dilatati, la pausa pranzo soppressa, ma queste innovazioni (si fa per dire ) non hanno prodotto posti di lavoro e contratti stabili ampliando invece la giungla della precarietà. Mentre ogni giorno vengono cancellati diritti individuali e tutele collettive (per dirne una hanno perfino inventato le ferie solidali cedute al collega malato per non corrispondere un trattamento dignitoso ai lavoratore alle prese con gravi problemi di salute) , si racconta...
Continua a leggere
  467 Visite
  0 Commenti

Contratto del pubblico impiego: un bidone!

1-1-a-bidon_20180917-180440_1
«Un risultato storico. Un contratto che da più diritti e archivia la legge Brunetta». Sono le dichiarazioni della segretaria generale della Fp Cgil, Serena Sorrentino, e stridono con quanto scritto nella bozza di contratto e pubblicata sul sito del Sindacato generale di base nei giorni scorsi al contrario di Cgil Cisl Uil che quella bozza l'hanno tenuta nascosta senza mai discuterla con delegati Rsu e con i lavoratori e le lavoratrici delle funzioni centrali. Non è vero, al contrario, di quanto scrivono i sindacati firmatari, che il contratto archivia la Brunetta, anzi a leggere la bozza è vero piuttosto l'esatto...
Continua a leggere
  474 Visite
  0 Commenti

Italia 2016: aumentano la povertà e le disuguaglianze

sito-povert-e-disuguaglianza-itali_20180922-124644_1
Italia 2016: aumentano la povertà e le disuguaglianze nonostante cresca la ricchezza prodotta. La crisi economica iniziata nel 2007/08, la più grave registrata dal sistema capitalistico dopo quella del 29', ha provocato una lunga e accentuata recessione dalla quale gli stati sviluppati sono usciti in ordine sparso dopo il 2010, con gli Stati Uniti in testa grazie alle politiche di bilancio espansive attuate da Obama, caratterizzate da un forte intervento dello stato nell'economia. Nell'area dell'Euro, invece, il modello neoliberista associato alle politiche di austerity ha prodotto il duplice risultato di allungare i tempi di uscita della crisi e di aumentare...
Continua a leggere
  486 Visite
  0 Commenti

Un giornale in tempi eccezionali

img20171206_1902125_20180922-124729_1
Per costruire una proposta politico-editoriale. Da questo numero Lotta Continua da giornale con uscite occasionali, si trasforma in mensile. Sarà un periodico che si confronta con le crisi (economiche, ecologiche, umanitarie, culturali, sociali) che attraversano il nostro sistema sociale, che si misura con le logiche emergenziali diventate oramai forme di vita normali del capitalismo moderno. L’emergenza, lo shock, l’eccezione, la crisi trasformate in meccanismi per creare profitti e controllo sociale. Assumeremo lo sguardo e il punto di vista delle classi subalterne, di chi vive in basso, pensando e agendo da “partigiani” nel senso che Gramsci diede a questo termine. Quelli...
Continua a leggere
  641 Visite
  0 Commenti

Il programma dei padroni

confindustri_20180922-124453_1
Mentre negli Usa si abbattono le tasse alle imprese per favorire plusvalenze in Borsa, cosa si fa in Italia? Soffermiamoci, come premessa, sull'ultima manovra di Trump, il Senato, due giorni fa, ha approvato una riforma fiscale che farebbe impallidire anche la presidenza Reagan con la riduzione dell’aliquota d’imposta per le imprese dal 35 al 20% (in vigore dal 2019). Ne beneficeranno anche le cosiddette società pass-through, quelle che vedono i profitti a esclusivo beneficio della proprietà, con uno sconto delle tasse pari al 23%, società che ricordiamo sono quasi interamente di proprietà di quell'1% straricco della popolazione. Il vero problema della manovra Trump...
Continua a leggere
  504 Visite
  0 Commenti

Correvo pensando ad Anna. Una storia degli anni 70

FullSizeRende_20180922-124400_1
RECENSIONE di Nicola Abatangelo al libro di Pasquale Abatangelo Correvo pensando ad Anna Una storia degli anni settanta                                                                                           La storia è il risultato dell'azione delle condizioni sociali                                                                                                                     sull'uomo e dell'azione dell'uomo sulle condizioni sociali                                                                                                                                                                                        Ka rl Marx e Friedrich Engels                                                                                                                       Su Ĺ'Ideologia Tedesca       Il libro "Correvo pensando ad Anna" di Pasquale, ripercorrendo l'intero arco personale della sua vita in stretta connessione dialettica con gli anni '70 è, allo stesso tempo, un libro autobiografico e un testo di Storia Collettiva di quegli anni.  Storia collettiva narrata da lui stesso, in prima...
Continua a leggere
  1300 Visite
  0 Commenti

Roma, 15 novembre presidio per Nuriye e Semih, Ambasciata turca

Roma, 15 novembre presidio per Nuriye e Semih, Ambasciata turca
PER LA DIFESA DEI DITTI UMANI E LA LIBERTA' DI ESPRESSIONE. PER LA FINE DELLO STATO DI EMERGENZA IN TURCHIA. Mercoledì 15 novembre alle ore 17 a Roma, presidio davanti all'ambasciata della Turchia, in via Palestro, angolo via San Martino della battaglia. La loro lotta è la lotta di tutti noi!
  514 Visite
  0 Commenti

Repressione in Turchia

Repressione in Turchia
 “Non stiamo scrivendo sulla sabbia ma nella STORIA” Pubblichiamo l'intervista tradotta dal francese a Veli Saçılık apparsa su Kedistan ( http://www.kedistan.net/…/turquie-convergence-luttes-socia…/ ) all’indomani della liberazione di Semih e pubblicata in originale il 21 ottobre 2017 su Gazete Duvar in turco. Veli, sociologo, è diventato uno dei simboli della Resistenza di Strada Yuksel ad Ankara in appoggio a Semih e Nuriye dopo essere stato a sua volta purgato da Erdogan dall’insegnamento nei licenziamenti massicci nel post 15 luglio e l’instaurazione dello stato di emergenza. Innumerevoli le volte in cui Veli è stato tradotto in stato di fermo e torturato, pestato e...
Continua a leggere
  539 Visite
  0 Commenti

27 ottobre sciopero!

27 ottobre sciopero!
IL 27 OTTOBRE I SINDACATI DI BASE SGB, CUB, SICOBAS, SLAICOBAS E USI-AIT HANNO DICHIARATO LO SCIOPERO GENERALE. Perché partecipare e sostenere il 27 ottobre? La piattaforma di convocazione dello sciopero è a nostro avviso quella giusta. Guarda ai problemi reali come il potere di acquisto e di contrattazione, alla difesa dei salari. Ai giovani che per trovare lavoro hanno bisogno anche di una legge sulla previdenza che non costringa a rimanere il servizio fino a 70 anni, magari con lo spettro di una pensione da fame. Ma il problema non è convocare lo sciopero generale, bensì quello di farlo riuscire, di praticarlo nei...
Continua a leggere
  535 Visite
  0 Commenti

La fortezza Europa contro gli ultimi del mondo

La fortezza Europa contro gli ultimi del mondo
“Quello che succede ogni giorno non trovatelo normale. Di nulla sia detto: “è naturale” in questi tempi di sanguinoso smarrimento, ordinato disordine, pianificato arbitrio, disumana umanità, così che nulla valga come cosa immutabile” L’eccezione e la regola (Bertolt Brecht). Non occorrono particolari doti da indovini per prevedere che l’agenda politica e il discorso pubblico dei prossimi mesi continuerà a essere occupato dalla “questione migranti”. Lo spettacolo violento, che è andato in scena ultimamente sotto forma di colpevolizzazione del migrante, è troppo redditizio per tutte le forze politiche, per non pensare di continuare a specularci sopra. I ceti politici, coadiuvati dal...
Continua a leggere
  707 Visite
  0 Commenti

Sull'antifascismo

Sull'antifascismo
Il partigiano Ambrogio Confalonieri, nome di battaglia "Il Biondo":  era un operaio tornitore, nacque l'11 luglio 1915; nel 1943 andò a combattere in montagna unendosi, il 15 ottobre, alla 40esima  Brigata Matteotti. La notte del 2 giugno 1944, Confalonieri era con un gruppo di partigiani scesi da Biandino per attaccare il presidio fascista di Ballabio. Durante lo scontro, i fascisti lo colpirono al petto con una raffica di mitra e, per disprezzo, lasciarono il suo corpo esposto per lungo tempo al pubblico, quale monito per tutti. Poi lo seppellirono tra i rovi sotto pochi centimetri di terra. Ho iniziato l'articolo...
Continua a leggere
  1508 Visite
  0 Commenti

3 luglio 69, Fiat: la lotta continua!

inde_20180922-182154_1
La giornata del 3 luglio non è un episodio isolato o un'esplosione incontrollata di rivolta. Essa viene dopo cinquanta giorni di lotta che ha coinvolto un numero enorme di operai, ha bloccato completamente il ciclo produttivo, ha segnato il punto più alto di autonomia politica e organizzativa finora raggiunto dalle lotte operaie distruggendo ogni capacità di controllo sindacale. Espulsi totalmente dalla lotta operaia, i sindacati hanno tentato di deviarla dalla fabbrica verso l'esterno, e di riconquistarne il controllo, proclamando uno sciopero generale di 24 ore per il blocco degli affitti. Ma ancora una volta l'iniziativa operaia ha avuto il sopravvento....
Continua a leggere
  803 Visite
  0 Commenti

Muri, dannati della terra e urgenza del conflitto

Muri, dannati della terra e urgenza del conflitto
All’indomani dell’abbattimento del muro di Berlino, il “Muro” per eccellenza, veniva annunciata l’apertura di un’epoca di pieno dispiegamento delle libertà. Quel muro che divideva Berlino aveva anche il valore simbolico di separare il “bene” dal “male”. Era visibile, rassicurante. Al di qua del muro stava la “civiltà”, al di là del muro stava la “barbarie”. Non è stato “l’ultimo muro” come si declamava con una sola voce, anzi non ne sono mai stati innalzati tanti come dopo l’89. Il 2016 sarà ricordato come l’anno dei muri e delle recinzioni. Muri che non nascono certo negli anni più recenti. Sarebbe troppo...
Continua a leggere
  887 Visite
  0 Commenti

La lotta contro il capitale è mondiale

La lotta contro il capitale è mondiale
Ecco, quando mollerete gli ormeggi da questo angusto orizzonte fatto da individualità "patriottiche" che segmentano e scelgono i popoli a cui accompagnarsi, forse e dico forse, ci potremo rincontrare. Fino ad allora meglio questi compagni di strada. – Quando Trump parla di recuperare le frontiere degli Stati Uniti, dice che è quella col Messico, ma lo sguardo del finquero punta al territorio Mapuche. La lotta dei popoli originari non può né deve limitarsi al Messico, deve alzare lo sguardo, l’ascolto e la parola ed includere tutto il continente, dall’Alaska fino alla Terra del Fuoco. – Quando per voce del Subcomandante...
Continua a leggere
  834 Visite
  0 Commenti

I muri sopra, le crepe in basso (e a sinistra)

I muri sopra, le crepe in basso (e a sinistra)
Febbraio 2017 La tormenta sul nostro cammino. Per noi, popoli originari zapatisti, la tormenta, la guerra, c’è da secoli. Arrivò nelle nostre terre con la menzogna della civilizzazione e della religione dominanti. Allora, la spada e la croce dissanguarono la nostra gente. Col passare del tempo, la spada si è modernizzata, e la croce è stata detronizzata dalla religione del capitale, ma si è continuato a chiedere il nostro sangue come offerta al nuovo dio: il denaro. Abbiamo resistito, abbiamo sempre resistito. Le nostre ribellioni sono state soppiantate dalla disputa di uni contro altri per il Potere. Alcuni ed altri,...
Continua a leggere
  1047 Visite
  0 Commenti

Povertà è bello… ce lo dice Grillo!

Povertà è bello… ce lo dice Grillo!
Nei suoi auguri di fine anno il Grillo Qualunque, prende a prestito uno scritto di Goffredo Parise del 1974 contro il consumismo per indicare agli italiani un modello di vita nei tempi di crisi del capitalismo. Si tratta della ridistribuzione della ricchezza socialmente prodotta, penserà forse qualcuno? Il conflitto sociale per riprenderci quanto ci viene quotidianamente estorto, ipotizzerà qualche “antagonista per Grillo”? No, nulla di tutto questo. Il testo dello scrittore che titola “Il rimedio è la povertà”, è un breve scritto in cui Parise (scrittore e giornalista del Corriere) critica il consumismo in questi termini: “Povertà non è miseria,...
Continua a leggere
  1470 Visite
  0 Commenti

Timoniere di due rivoluzioni

Timoniere di due rivoluzioni
Timoniere di due rivoluzioni Raúl Zibechi Come le precedenti, la rivoluzione cubana ha avuto nei suoi momenti iniziali di euforia una forte vocazione utopica, per atterrare in un crudo realismo quando si sono accumulate le difficoltà. Ma lo spirito ribelle è rinato quando il collasso economico provocato dalla caduta dell’URSS ha minacciato di abbatterla. In ambedue i momenti, Fidel ne è stato alla guida. La rivoluzione cubana è stata quella che ha lasciato la maggiore impronta in America Latina, un continente abituato alle rivoluzioni. Né la prima rivoluzione nera trionfante nel mondo, quella haitiana del 1804, né le decapitate rivolte...
Continua a leggere
  1149 Visite
  0 Commenti

Note sul voto americano -- prima parte

Note sul voto americano -- prima parte
Partiamo dai dati. Qualsiasi valutazione di un fenomeno sociale deve basarsi su una presa d’atto delle dinamiche reali se vuole sfuggire alla prevalenza della componente emotiva e soggettivista oggi largamente dominante. Pur nella consapevolezza che il fenomeno sociale non è mai un evento assimilabile alla sfera fisico-naturale. Uno sguardo sui dati delle elezioni Usa ci consegna una realtà che, quantitativamente, non è quello stravolgimento rappresentato della gran parte dei media. La netta vittoria di Trump si misura nel numero dei “grandi elettori” che sono il risultato di un sistema elettorale che sovradimensiona il voto delle campagne e dei piccoli stati....
Continua a leggere
  3632 Visite
  1 Commento

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema