Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

La vera causa della “crisi dei migranti”

La vera causa della “crisi dei migranti”
Dagli Stati uniti all’Europa, la «crisi dei migranti» suscita accese polemiche interne e internazionali sulle politiche da adottare riguardo ai flussi migratori. Ovunque però essi vengono rappresentati secondo un cliché che capovolge la realtà : quello dei «paesi ricchi» costretti a subire la crescente pressione migratoria dai «paesi poveri». Si nasconde la causa di fondo: il sistema economico che nel mondo permette a una ristretta minoranza di accumulare ricchezza a spese della crescente maggioranza, impoverendola e provocando così l’emigrazione forzata. Riguardo ai flussi migratori verso gli Stati uniti, è emblematico il caso del Messico . La sua produzione agricola è...
Continua a leggere
  1397 Visite
  0 Commenti

Le insidie della Gig Economy

Le insidie della Gig Economy
Gig economy (l’economia dei lavoretti), sono migliaia di lavoratori super-sfruttati. Sono ormai cosi' numerosi i lavoratori della Gig da non potere essere piu' ignorati perfino dal Governo e dal legislatore, anzi una qualche forma di regolamentazione viene richiesta anche dalle aziende per figure innumerevoli che poi non sono solo rider, ma colf, baby sitter ma anche figure con elevata specializzazione.   Quando parliamo di Gig economy bisogna pensare alla diminuzione degli addetti nella industria, circa 1 milione in meno rispetto a pochi anni fa. Al contrario la forza lavoro perduta nell'industria la ritroviamo nel terziario che poi ha subito profonde...
Continua a leggere
  477 Visite
  0 Commenti

Ministro Bongiorno: da avvocato dei potenti alla ennesima crociata contri i /le dipendenti della pubblica amministrazione

Ministro Bongiorno: da avvocato dei potenti alla ennesima crociata contri i /le dipendenti della pubblica amministrazione
In una lunga intervista al Corriere della Sera ( https://www.corriere.it/economia/18_giugno_23/bongiorno-impronte-digitali-ministro-pubblica-amministrazione-c0a74cb0-771b-11e8-b055-7e55445aba73.shtml) , la neo ministra Bongiorno ha rilanciato la campagna contro i cosiddetti furbetti del cartellino. Argomenti già noti, un leitmotiv già caro al ministro Brunetta. Andiamo ad analizzare quanto detto dalla Bongiorno, certi che questa prima uscita del ministro con delega alla Pubblica amministrazione dimentichi i veri problemi, primo tra tutti il ricambio generazionale di una forza lavoro che risulta la piu' vecchia, e la meno pagata eccezion fatta per i dirigenti, d'Europa. Ricambio generazionale, riscrittura dei profili professionali, assunzioni fuori da ogni vincolo (rispettato dal Pd e dall'attuale governo),...
Continua a leggere
  1040 Visite
  0 Commenti

Grecia: basta raccontare bugie!

Grecia: basta raccontare bugie!
La Grecia sta uscendo dal tunnel? Al di là dei proclami la situazione resta ben diversa da quella che leggiamo sui giornali, dopo otto anni di tagli e di austerità il paese è alla fame, altro che ritorno sui mercati finanziari. Non esiste alcun alleggerimento del debito pubblico, in gioco è il controllo della Bce sulla politica economica della Grecia, si parla di nuove privatizzazioni, di rinegoziare alcuni debiti ma  sempre all'insegna della austerità.  Il Fondo monetario internazionale vuole che il debito greco sia ulteriormente abbassato , si parla a sproposito di generosi aiuti economici quando invece è accaduto l'esatto contrario con...
Continua a leggere
  561 Visite
  0 Commenti

Il ministro dell’inferno e il movimento reazionario di massa della lega si sono materializzati ieri anche a Spoleto

Il ministro dell’inferno e il movimento reazionario di massa della lega si sono materializzati ieri anche a Spoleto
SOLIDARIETA’ ASSOLUTA E SENZA DISTINGUO AI 5 RAGAZZI FERMATI DALLA POLIZIA PER LA CONTESTAZIONE A SALVINI. Il ministro Salvini, addetto al censimento dei ROM, al blocco dei porti per le navi dei disperati della terra, alla schedatura di massa degli oppositori che manifestano ( per i suoi fans ieri niente schedatura ovviamente) secondo le regole classiche dello stato di polizia, è apparso ieri a Spoleto per dispensare il suo credo fondato sulla discriminazione verso i poveri della terra, l’egoismo dei ricchi, la paura delle vittime della crisi capitalista, la barbarie dei senza cultura e la vigliaccheria dei forti sui deboli....
Continua a leggere
  273 Visite
  0 Commenti

Mi Domando:lettera aperta a Nicolò in carcere

Mi Domando:lettera aperta a Nicolò in carcere
Pubblichiamo la bella lettara di Luisella la madre di Nicolò sottoposto a carcerazione preventiva per aver partecipato alla manifestazione contro Casapound a Torino il 22 febbraio di quest'anno Caro Nicolò, oggi sono andata a spasso per le vie del centro della nostra città, c’è un mercatino di fiori e erbe aromatiche. Ti sarebbe piaciuto, soprattutto capire quali erbe piantare nel tuo orto; ti saresti fermato a chiedere informazioni, così curioso e desideroso di apprendere, di mettere in pratica. Nicolò sono ormai mesi che quando faccio qualcosa, qualsiasi cosa, respirare l’aria, vedere gente, camminare in montagna, il pensiero va a te,...
Continua a leggere
  851 Visite
  0 Commenti

Governo e condizione dei rider: alcune note iniziali

Governo e condizione dei rider: alcune note iniziali
Dai primi provvedimenti in materia di lavoro e previdenza potremo capire quali siano gli indirizzi del Governo. Intanto chi pensava alla cancellazione della Fornero dovrà ricredersi e non parliamo solo della Previdenza ma anche di quella normativa iniqua che vieta il reintegro al lavoro in caso di licenziamento illegittimo. In questi giorni la discussione riguarda i rider e saranno il banco di prova per i primi provvedimenti da intraprendere. Una recente sentenza ha stabilito il carattere non subordinato della prestazione lavorativa dei rider, la bozza in discussione al Governo va nella direzione opposta. Se così fosse sarebbe un segnale incoraggiante...
Continua a leggere
  369 Visite
  0 Commenti

La cumbia della destra colombiana: sulle elezioni in Colombia

La cumbia della destra colombiana: sulle elezioni in Colombia
di Marco Consolo Tutto come previsto in Colombia. Con il 97% dei voti scrutinati il nuovo Presidente è Ivan Duque, candidato della destra estrema del “Centro democratico” e soprattutto dell’ex-Presidente Alvaro Uribe, il vero burattinaio di queste elezioni. Dei circa 36 milioni di elettori chiamati alle urne, ha votato il 52 %.  Ivan Duque vince con il 54 % dei voti (più di 10 milioni di suffragi), contro il 42 % di Gustavo Petro (più di 8 milioni di voti), candidato del centro-sinistra, e con 800.000 (4 %) schede bianche che hanno finito per favorire Duque. Nonostante la bancarotta morale...
Continua a leggere
  534 Visite
  0 Commenti

Uscire dalla crisi e dai tagli draconiani della UE

Uscire dalla crisi e dai tagli draconiani della UE
Siamo certi che per la Grecia sia stato un vantaggio la moneta unica (l'Euro) e l'adesione alla Ue? A sentire il popolo greco diremmo di no, la letteratura ha descritto gli effetti della crisi (a parte Markaris sono rari gli autori greci tradotti e pubblicati), gli economisti sono i soli a pensarla diversamente e parlano di stabilità finalmente raggiunta dopo privatizzazioni e svendite di proprietà statali, dopo i licenziamenti di massa negli enti pubblici che hanno comportato la chiusura di scuole, atenei e ospedali.  In giro si parla insistentemente di “rischio Grecia” una minaccia per gli altri paesi europei con economie...
Continua a leggere
  156 Visite
  0 Commenti

Appalti: non conta solo l’onestà e la trasparenza. Dei lavoratori chi parla?

Appalti: non conta solo l’onestà e la trasparenza. Dei lavoratori chi parla?
L'attuazione del codice degli appalti è in ritardo ma pensiamo che il problema non sia solo quello di garantire legalità e trasparenza ma anche precise clausole sociali a vantaggio delle lavoratrici e dei lavoratori. L'esatto contrario di quanto sta accadendo con numerose sentenze che ormai fanno giurisprudenza e vedono, nei cambi di appalto, perdita di posti di lavoro e di ore per salvaguardare solo gli interessi aziendali.  In queste ore si è scatenata l'ennesima polemica con l'autorità anticorruzione a difendersi dalle critiche del Governo.  In Italia la corruzione esiste e si va rafforzando, diventa sempre più palese che norme e regolamenti possono...
Continua a leggere
  370 Visite
  0 Commenti

A forza di scegliere il male minore il popolo va a destra

A forza di scegliere il male minore il popolo va a destra
Analisi del voto nel comune di Pisa 42 seggi al Pd, 43 al centrodestra., tradotto in percentuale il candidato del centrosinistra Serfogli totalizza 13.338 voti, il candidato del centrodestra Conti (ex consigliere di Alleanza Nazionale e oggi, come numerosi suoi ex sodali di partito, in quota Lega) porta a casa 13795 voti, in percentuale la differenza tra i due candidati a sindaco è di 1,1%. Staccati gli altri candidati, Amore del 5 stelle (che a pochi giorni dal voto se la prende con i consiglieri comunali passati responsabili, a detta sua, del mancato radicamento sul territorio) con 4094 voti, Veronese,...
Continua a leggere
  716 Visite
  0 Commenti

Troppe tasse sul lavoro

Troppe tasse sul lavoro
In Italia a pagare troppe tasse non sono i padroni e i redditi elevati ma i lavoratori. Partiamo da questa semplice constatazione per arrivare ad un obiettivo comune: costruire una iniziativa sindacale e sociale per giungere al risultato di abbattere le tassazioni sui redditi inferiori a 35 mila euro. Con il 42,6% l’Italia è il Paese Ue con la più alta tassazione sul lavoro a fronte di una media dell’Europa a 28 Stati pari al 36,1%. Questi dati sono estrapolati dal rapporto della Commissione europea sul fisco , rimandiamo a una sintesi video per chi non avesse voglia di leggere...
Continua a leggere
  201 Visite
  0 Commenti

Centri per l'impiego al collasso

Centri per l'impiego al collasso
Da anni parliamo delle politiche attive e di formazione in materia di lavoro, ne parliamo spesso senza cognizione di causa o con pochi elementi oggettivi. In Italia si spende poco, e male, per tanto tempo abbiamo ignorato i limiti dei centri per l'impiego, limiti che nascono anche dalle privatizzazioni. Molti servizi pubblici avevano bisogno di personale a tempo determinato per il reclutamento del quale si attingeva direttamente dagli uffici di collocamento, ora centri per l'impiego. Questo personale serviva per tenere aperti plessi scolastici e per innumerevoli funzioni nel frattempo esternalizzate. La crisi dei centri per l'impiego nasce anche da qui,...
Continua a leggere
  237 Visite
  0 Commenti

Tanto cara mi fu questa iva

Tanto cara mi fu questa iva
Alzare o abbassare l'Iva? Una questione non facile da affrontare per le ripercussioni che potrebbe avere sull'economia ma più semplicemente sulle nostre buste paga. Ma quanto torna dall'Iva nelle casse pubbliche? Più o meno siamo attorno a 35 miliardi in Italia ma tra tutti i dati ve ne è uno significativo, quello relativo alla evasione di questa imposta sul valore aggiunto adottata in una sessantina di nazioni , ebbene parrebbe che l'Italia il paese con il tasso di maggiore evasione, un quarto della evasione in Ue. La questione Iva allora sarà al centro dell'analisi economica ma anche della querelle politica, si...
Continua a leggere
  353 Visite
  0 Commenti

Su alcune questioni della fase attuale

Su alcune questioni della fase attuale
INTERVISTA AI COMPAGNI DELLA REDAZIONE PISANA DI  LOTTA CONTINUA Quali differenze vedete, ad un primo sguardo, fra la politica di ieri e quella di oggi? Ricordo un vecchio film di Nichetti, Ratataplan, dove il protagonista, addormentandosi davanti alla televisione, si risveglia dopo tanti anni. Se paragonassimo una tribuna politica di 30 anni fa con qualche odierno salottino televisivo alla presenza di ministri e leader politici saremmo assaliti dalla disperazione. Non tanto per l'uso o meno del congiuntivo, ma perché troveremmo le discussioni di un tempo noiose, abituati come siamo ormai ad essere presi per mano e indirizzati verso gli stati di...
Continua a leggere
  442 Visite
  0 Commenti

Assistenza socio-sanitaria per stranieri: pesanti limiti e vincoli al diritto alla salute

Assistenza socio-sanitaria per stranieri: pesanti limiti e vincoli al diritto alla salute
Nell’ambito della popolazione migrante, se i richiedenti asilo affrontano difficoltà ormai note, la fascia della cosiddetta “migrazione economica ”vive in condizione di precarietà e  l’assistenza socio-sanitaria. corre seri pericoli soprattutto se andranno in porto le istanze securitarie del nuovo Governo. Negare servizi ai migranti non significa rafforzare quelli oggi esistenti per gli autoctoni, i diritti alla salute, alla casa e alla istruzione dono universali e non possono cedere al ricatto dei tetti di spesa né tanto meno a discriminazioni etniche 1) QUADRO NORMATVO DI RIFERIMENTO Il cittadino straniero non regolare, privo di residenza e di lavoro e/o, -se proveniente dall’area...
Continua a leggere
  479 Visite
  0 Commenti

Con Sacko contro sfruttamento e miseria

Con Sacko contro sfruttamento e miseria
Il ministro dell'Interno dovrebbe essere in queste ore nel comune di San Fernando. Ma al contrario, invece, Matteo Salvini continua a soffiare sul fuoco tanto da giudicare le Ong e le cooperative che si occupano della accoglienza migranti alla stessa stregua degli scafisti. Che esistano interessi attorno al business dell'immigrazione è cosa risaputa, come del resto la presenza del terzo settore che sovente sfrutta la propria forza lavoro dimenticando che lo sfruttamento non ha colori L'omicidio di Sacko Soumayla, delegato sindacale dei migranti che lavorano nei campi e esso stesso lavoratore stagionale impiegato nella raccolta dei campi, è avvenuto per...
Continua a leggere
  247 Visite
  0 Commenti

Manifestazione regionale " no guerra no Camp Darby" un corteo di 450 per dire no alla ferrovia per il trasporto di armi

Manifestazione regionale " no guerra no Camp Darby" un corteo di 450 per dire no alla ferrovia per il trasporto di armi
Manifestazione regionale "No Guerra No Camp Darby": un corteo colorato e pacifico di 450 persone per dire No alla costruzione della nuova ferrovia per il trasporto delle armi. di Serena Campani (Gruppo Insegnanti di Geografia Autorganizzati) Pisa, 2 Giugno. In occasione della festa della Repubblica, per ribadirne i suoi principi costituzionali contro la guerra, è stata organizzata una manifestazione regionale contro la costruzione di una nuova ferrovia che permetterà agli USA di caricare e trasportare armi e logistica da guerra sia verso le altre basi militari presenti sul territorio italiano, che direttamente negli scenari di guerra del Mediterraneo, del Nord...
Continua a leggere
  617 Visite
  0 Commenti

2 giugno manifestazione a Camp Darby

2 giugno manifestazione a Camp Darby
 da Rete Civica Livornese contro la nuova normalità della guerra, Livorno Camp Darby è la più grande base di logistica militare del pianeta al di fuori degli Stati Uniti, e il più grande deposito munizioni dell’Esercito degli Stati Uniti in Europa (audizione del Colonnello Vaira del 23 maggio 2017 in Commissione parlamentare d’inchiesta sulle cause del disastro del traghetto Moby Prince).  Sommergibili e portaerei a propulsione nucleare possono accedere al Porto di Livorno (lettera del 17 gennaio 2017 della Prefettura di Livorno), per ricaricare da Camp Darby  i loro tubi di lancio con missili e siluri o i loro aerei...
Continua a leggere
  265 Visite
  0 Commenti

Perché partecipare alla manifestazione del 2 giugno a Camp Darby

Perché partecipare alla manifestazione del 2 giugno a Camp Darby
Il 2 giugno ripudia la guerra e la militarizzazione. Manifestazione a Camp Darby contro la guerra e per la smilitarizzazione del territorio. La manifestazione prevede il concentramento alle 1430 davanti alla Basilica di San Piero a Grado da dove partirà una marcia di 5 km per arrivare ai cancelli della base Usa di Camp darby ne abbiamo parlato con alcuni degli organizzatori nel corso della conferenza stampa tenutasi il 1 Giugno davanti al Comune di Pisa Perchè questa manifestazione? Innanzitutto vogliamo, come promotori della iniziativa, restituire al 2 giugno, festa della Repubblica, il suo senso civile inficiato da troppo tempo da...
Continua a leggere
  553 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema