Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

L’occupazione di una caffetteria unisce studenti e lavoratori a New York

L’occupazione di una caffetteria unisce studenti e lavoratori a New York
L’occupazione di una caffetteria unisce studenti e lavoratori a New York. Una tra le migliori celebrazioni del ’68 è andata in scena presso la New School di New York City, prestigiosa università privata la cui sede di Manhattan è stata teatro di un’occupazione che ha visto lottare uniti studenti e lavoratori. Nella mecca della finanza, in una città dominata da Wall Street e icona del turbocapitalismo mondiale, un gruppo di studenti ha scelto di lottare in prima persona a fianco dei lavoratori della caffetteria dell’istituto su cui pendeva la minaccia del mancato rinnovo del contratto. La peculiarità del luogo non...
Continua a leggere
  781 Visite
  0 Commenti

Depressione e mobbing sempre più connesse

Depressione e mobbing sempre più connesse
Mobbing sul lavoro, ma anche in ambito sociale, e depressione sono strettamente legati a tal punto che oggi abbiamo perfino una Assicurazione Inail riconoscendo la malattia professionale causata dalle attività svolte, e subite, nei luoghi di lavoro   Anni fa uscirono statistiche per denunciare l'abuso di psicofarmaci, altre inchieste hanno documentato le crescenti sindrome depressive causate dal lavoro dove la tanto decantata mobilità e produttività hanno alimentato dinamiche spesso opprimenti.  La sindrome depressiva in questo caso è legata ad una condotta vessatoria subita dal lavoratore ma prima dell'indennizzo bisogna dimostrare la fondatezza e l'avvenuta vessazione. Tutto parte dall'ennesima sentenza di Cassazione che...
Continua a leggere
  894 Visite
  0 Commenti

Vai in ferie? In futuro guadagnerai meno. Come un diritto si traforma in privilegio

Vai in ferie? In futuro guadagnerai meno. Come un diritto si traforma in privilegio
Nell'Italia post-guerra, le fabbriche si fermavano in Agosto, il mese vacanziero per eccellenza. Con gli anni poi è passato un altro concetto, ossia favorire le ferie da Giugno a Settembre per scongiurare la chiusura delle aziende. Le ferie sono un diritto, al lavoratore è riconosciuto questo diritto irrinunciabile, si parla di “ferie annuali retribuite” per favorire il recupero delle energie e la realizzazione di esigenze anche ricreative personale e familiari. La durata minima delle ferie è fissata in quattro settimane e fino ad oggi questo era un limite sotto il quale i contratti di lavoro non potevano andare, una sorta...
Continua a leggere
  680 Visite
  0 Commenti

Lavorare fino a 70 anni? Non è eccezione sta diventando la regola

Lavorare fino a 70 anni? Non è eccezione sta diventando la regola
Sicuramente i 60 anni di oggi sono un'età diversa dai 60 anni di 30\40 anni fa quando si arrivava a questa età con quasi 40 anni di contributi iniziando, nei cosiddetti 30 anni gloriosi, l'attività lavorativa poco dopo i 20 anni di età, anzi in tanti casi dopo la fine della scuola dell'obbligo. C'è tuttavia una età oltre al quale lavorare rappresenta un rischio per la salute e sicurezza e non solo del diretto interessato, possiamo aprire un dibattito su quale sia l'età ma vedere settantenni ancora in produzione desta non poche inquietudini. Ora sappiamo che lavorare fino a 70 anni...
Continua a leggere
  789 Visite
  0 Commenti

Giustificato obiettivo del licenziamento o libero arbitrio padronale?

Giustificato obiettivo del licenziamento o libero arbitrio padronale?
Proseguono le sentenze sfavorevoli ai lavoratori, questa volta la Corte di Cassazione, sentenza n.19731/2018, stabilisce che un licenziamento puo' essere oggettivamente giustificato anche quando al posto del lavoratore cacciato il datore assume lavoratori a termine o interinali. Siamo ormai al libero arbitrio e la ragionevolezza del diritto sembra avere smarrito la retta via? Parliamo della soppressione di un reparto, di successivi licenziamenti per causa oggettiva e successiva assunzione di personale precario, il lavoratore licenziato ha fatto ricorso al Tribunale del lavoro che ha ritenuto non valide le sue obiezioni L'azienda è quindi libera di licenziare ma subito dopo di ricorrere a manodopera...
Continua a leggere
  698 Visite
  0 Commenti

Lavoro: un altro capolavoro del Jobs Act

Lavoro: un altro capolavoro del Jobs Act
Il Jobs act ha ridotto al lumicino le ispezioni nei luoghi di lavoro di Franco Astengo L'Espresso ha fornito recentemente i dati sulle ispezioni nelle aziende per il 2017 segnalando il gran numero di irregolarità e le pochissime ispezioni eseguite.   Vigilanza contratti ( controlli dei Ministero) Aziende ispezionate 122.240 Irregolari 73. 152 Lavoratori irregolari 88.484 Lavoratori in nero 38.775 Vigilanza previdenziale ( controlli dell'INPS ) Aziende ispezionate 24.291 Irregolari 15.458 Lavoratori irregolari 114.043 Lavoratori in nero 5.328 L'articolo precisa che il problema è quello del crollo delle ispezioni perchè non ha funzionato la riunificazione degli Ispettori di INPS, INAIL...
Continua a leggere
  614 Visite
  0 Commenti

Il padrone chiude e chiede i danni agli operai

Il padrone chiude e chiede i danni agli operai
La Piaggio decide di rifornirsi dove il costo del lavoro è più basso e le fabbriche dell’indotto di Pontedera chiudono. E agli operai della TMM vengono richiesti i danni per aver impedito lo smantellamento dei macchinari. Un anno fa una fabbrica dell'indotto Piaggio, la TMM, produttrice di marmitte per conto Piaggio, in regime di mono-committenza, ha chiuso i battenti. Una decisione improvvisa, effettuata poco prima delle ferie estive dopo mesi di intensa produzione con gli operai che ricordano le ore di straordinario chieste espressamente dal padrone. Altri operai raccontano che i magazzini Piaggio erano saturi di marmitte. Da anni ormai...
Continua a leggere
  279 Visite
  0 Commenti

Aeroporti: massimi profitti e massimo sfruttamento

Aeroporti: massimi profitti e massimo sfruttamento
Assemblea\ presidio solo pochi giorni fa davanti all'ingresso Partenze del Galilei. Ad organizzare l'iniziativa il sindacato Generale di Base di Pisa e Sgb dell'appalto CFT.    Rinviamo anche al video del presidio scaricabile dalla pagina FB del sindacato Sgb di Pisa https://www.facebook.com/Sindacato-Generale-di-Base-SGB-PISA-1748941978504241/?ref=bookmarks   Aeroporto Galilei: presentato il progetto di ampliamento „ All'indomani del presidio due notizie importanti  il 25 % delle quote di Corporacion America Italia (socio di maggioranza del Galilei e dello scalo di Peretola) è stato acquistato  a Investment Corporation of Dubai che fa riferimento direttamente allo sceicco del Dubai. Questo signore non è certo un personaggio sconosciuto...
Continua a leggere
  508 Visite
  0 Commenti

Crisi delle collaborazioni e miraggio del tempo indeterminato

Crisi delle collaborazioni e miraggio del tempo indeterminato
Nella mente di qualche giurista confindustriale, o governativo, il passaggio da un contratto precario a uno stabile era frutto non solo della volontà padronale ma anche di aiuti concreti dello stato alle imprese, una sorta di incentivo economico unito a pacchetti di agevolazioni fiscali per spingere alla trasformazione dei contratti e  cosi' creare occupazione piu' stabile. Se questo ragionamento fosse valido, negli anni passati, in corrispondenza ad agevolazioni fiscali e incentivi, avremmo un elevato numero di contratti trasformati a tempo indeterminato ma , al contrario, i contratti aumentano in misura ridotta e in numerosi casi non sopravvivono oltre i 3...
Continua a leggere
  452 Visite
  0 Commenti

Lo scopone scientifico interclassista. A proposito della beatificazione di Marchionne

Lo scopone scientifico interclassista. A proposito della beatificazione di Marchionne
Veniamo da giorni di beatificazione mediatica di Sergio Marchionne. Nel bene e nel male è stato detto praticamente tutto, gli smanettatori dei social si sono agitati per giorni come i servili giornalisti. Potremmo passare per ore in rassegna la stampa e cogliere innumerevoli contraddizioni, per esempio gli approfondimenti sull'uomo Marchionne che per anni aveva costruito un muro impenetrabile per salvaguardare la privacy della sua famiglia. Marchionne sta morendo in un ospedale svizzero dove solo per essere visitati pensiamo (non ne siamo certi) servano tanti soldi che molti di noi non potrebbero permettersi. Non è vero che di fronte alla sofferenza...
Continua a leggere
  176 Visite
  0 Commenti

Ombre sul contratto dei rider del 18 luglio

Ombre sul contratto dei rider del 18 luglio
Per i rider non si annunciano cambiamenti sostanziali che migliorino la loro condizione di vita e di lavoro, infatti la flessibilità di orario viene demandata ad accordi tra le parti, sappiamo bene che sindacati complici  sono sempre ben disposti ad accordare deroghe e condizioni favorevoli solo alle aziende . Sono questi i contenuti dell'accordo sottoscritto il 18 luglio da Confetra, Fedit, Assologistica, Federspedi, Confartigianato trasporti, Fita-Cna, Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti nell’ambito del Ccnl logistica , un accordo che qualcosa di positivo presenta considerando i fattorini della Gig economy come subordinati al contrario di quanto accade oggi soprattutto dopo le sentenze di Milano e...
Continua a leggere
  368 Visite
  0 Commenti

Tempo determinato: le critiche da destra di PD e padroni

Tempo determinato: le critiche da destra di PD e padroni
Il Governo ha licenziato il decreto dignità. Dal Pd e dagli ambienti padronali la critica piu' gettonata è stata quella di volere favorire la disoccupazione come se occupazione fosse sinonimo di precarietà. E' questo l'aspetto saliente di una critica " da destra" al decreto dignità mentre "da sinistra", e a ragione, si è manifestata opposizione al ritorno del voucher. Il sindacato nel suo complesso è stato silente spettatore, eppure le assunzioni flessibili e la precarietà dovrebbero essere oggetto di spietata critica. E poi se la ripresa occupazionale dipende dai contratti a tempo, qualcuno vorrà spiegarci cosa si intenda per occupazione...
Continua a leggere
  392 Visite
  0 Commenti

I contratti a tempo determinato e i mille ripensamenti governativi

I contratti a tempo determinato e i mille ripensamenti governativi
E che voucher sia, è singolare ma il Governo riparte proprio da dove il Governo Renzi aveva fatto un passo indietro, ossia sui buoni lavoro. Ci saremmo attesi un decreto decisamente piu' coraggioso ma stando al testo provvisorio (altre novità arriveranno dal dibattito parlamentare) possiamo dire che per restituire dignità al lavoro serviranno ben altri interventi. Intanto i contratti a tempo determinato legati alle attività stagionali potranno essere prorogati o rinnovati liberamente, quindi scompare la causale proprio come richiesto dai padroni. E anche sul fronte dell’aggravio contributivo per ciascun rinnovo dei contratti a termine, ci si muove sulla strada già...
Continua a leggere
  152 Visite
  0 Commenti

A proposito di voucher

A proposito di voucher
Di Maio giudica probabile la reintroduzione del voucher, anzi ne caldeggia la approvazione in alcuni casi specifici che vanno dai lavori agricoli, alle pulizie, al giardinaggio senza dimenticare il babysitteraggio, insomma casi che se approvati aprirerebbero la strada ad un utilizzo del buono massiccio e incontrollato come nel passato Il primo decreto lavoro del Governo si annuncia come un compromesso inaccettabile soprattutto se pensiamo a  chi aveva criticato il voucher e oggi si presenta come loro fautore. «Una doverosa riflessione»  viene annunciata dal Mov 5 stelle sul voucher, il buono tornerà ad affiancare il contratto a chiamata giudicato dalle aziende...
Continua a leggere
  454 Visite
  0 Commenti

Ma perché la pubblica amministrazione viene esclusa dai limiti imposti al tempo determinato?

Ma perché la pubblica amministrazione viene esclusa dai limiti imposti al tempo determinato?
Il “decreto dignità” e le normative sul contratto a tempo determinato escluderanno la pubblica amministrazione. Parliamo di oltre 3 milioni di lavoratori e lavoratrici a tempo indeterminato, altri migliaia con contratti precari e a tempo determinato. Il pubblico dovrebbe dare il buon esempio ma invece accade il contrario. Tutto ciò avviene mentre si ipotizzano tagli alla sanità e al welfare nella manovra economica di fine anno. Altri, meglio di noi, sapranno fornire spiegazioni giuridiche, tireranno in ballo la Madia ma alla fine il pubblico potrà continuare ad abusare dei contratti a tempo determinato, eppure proprio il lavoro pubblico avrebbe bisogno di...
Continua a leggere
  333 Visite
  0 Commenti

Nebbie e luci sul tempo determinato

Nebbie e luci sul tempo determinato
Questa estate sicuramente non passerà senza che il decreto Dignità non rimetta mano anche alla disciplina dei contratti a termine. Dagli ambienti di Confindustria stanno arrivando critiche, per altro analoghe a quelle dei Renziani, sulla necessità di non introdurre causali e tetti al contratto a termine.  I lavoratori non pensano certo che porre condizioni e limiti diventi sinonimo di rigidità e causa di mancate assunzioni, veniamo del resto da anni nei quali proprio la flessibilità ha rappresentato lo strumento con cui aggirare tutele e ridimensionare il contratto a tempo indeterminato. Dal Jobs act ad oggi, tutte le riforme in materia...
Continua a leggere
  250 Visite
  0 Commenti

L’operaio massa e la rivolta di piazza statuto (7-8-9 luglio 1962)

L’operaio massa e la rivolta di piazza statuto (7-8-9 luglio 1962)
Di Giuseppe Muraca. Negli anni del boom economico una nuova schiera di operai venne assunta dalle imprese industriali del nord, proveniente dal mezzogiorno e dalle aree più depresse del nostro paese. Si affermava un nuovo tipo di operaio, il cosiddetto “operaio massa” (molto diverso dal vecchio operaio di mestiere), senza qualifica e non sindacalizzato. Allora la FIAT era la più grande industria italiana, ma gli operai alla catena di montaggio erano costretti a lavorare in uno stato di totale isolamento, in un ambiente altamente nocivo e sottoposti a ritmi massacranti. <> (Testimonianza di Luciano Parlanti, in G. Polo, I tamburi...
Continua a leggere
  736 Visite
  0 Commenti

Tra miseria e povertà

Tra miseria e povertà
Negli ultimi anni le famiglie in povertà assoluta sono in continua crescita, è sufficiente rinviare ai dati Istat o semplice guardarsi attorno, uno sguardo disincantato rivolto alle periferie, alle famiglie straniere. Partire dai dati è comunque sempre utile, come del resto per contravvenire il luogo comune della presunta invasione di migranti. Secondo l'Unhcr (parliamo delle Nazioni Unite, insomma di una fonte non di parte) l’Italia non rientra tra i paesi più impegnati nella accoglienza dei rifugiati, anzi la tanto deprecata Malta, con Austria, Germania e Svezia, accolgono molti più immigrati di noi In un articolo de Lavoce. info ( http://www.lavoce.info/archives/54043/rifugiati-quando-i-numeri-smentiscono-le-narrazioni/) si analizza il...
Continua a leggere
  435 Visite
  0 Commenti

Alcune questioni in merito al ruolo della polizia municipale

Alcune questioni in merito al ruolo della polizia municipale
Abbiamo intervistato alcuni delegati del Sindacato Generale di Base della Toscana in merito al ruolo della Polizia municipale in un paese sempre più ossessionato dalle derive securitarie D La Polizia municipale è una forza di polizia? R: Una domanda per noi resta dirimente: vogliamo arrestare la deriva che spinge la polizia municipale a svolgere sempre più mansioni di ordine pubblico? o riteniamo inutile farlo? Cosa ne pensano le varie Rsu? Pensano che il solo argomento da discutere sia quello legato ai progetti, all'utilizzo dei proventi del codice della strada, magari a favore della previdenza integrativa, alle nuove indennità oppure vogliono...
Continua a leggere
  690 Visite
  0 Commenti

Tanto cara mi fu la pensione

Tanto cara mi fu la pensione
Da quando hanno introdotto il sistema di calcolo basato sui contributi effettivamente versati le nostre pensioni hanno iniziato a perdere potere di acquisto. Ma attenzione: il peggio deve ancora venire, quando tutti gli anni lavorativi saranno calcolati con un unico sistema (il contributivo) gli effetti saranno tangibili con una perdita dell'assegno superiore del 30%  Chi andrà in pensione tra 15\20 anni potrà confrontare l'assegno previdenziale con quello dei loro padri e scoprire che le riforme previdenziali per 20 anni hanno avuto un solo obiettivo quello di tagliare l'assegno condannando gli anziani di domani a una vita grama. Chi ha maturato contributi dopo il 1995...
Continua a leggere
  380 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema