Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

La scommessa dello sciopero del 26 ottobre.

sciopero-cub-26-ottobre
Lo sciopero del 26 Ottobre arriva in un momento difficile in cui i consensi a Lega e Movimento 5 Stelle sono altissimi nel paese. Parliamo non solo delle dichiarazioni di voto, ma di una egemonia culturale e politica, degli stereotipi oggettivati passati a luoghi comuni e ripetuti sui giornali, in tv e nei luoghi di lavoro. Non solo le elezioni locali del profondo Nord, anche i sondaggi confermano che in caso di elezioni anticipate la compagine governativa uscirebbe decisamente rafforzata con il ridimensionamento del Movimento 5 Stelle a vantaggio della Lega. Agli occhi del popolo un solo uomo politico si oppone alla...
Continua a leggere
  488 Visite
  0 Commenti

Restiamo umani, ma torniamo ostili. Lotta continua di ottobre in diffusione.

0001-B
Articoli e interventi. Quale antirazzismo? L’estate 2018 è stata vissuta all’insegna della battaglia “ideale” fra razzismo e antirazzismo. Quale antirazzismo dovrebbe affermarsi? Secondo noi l’antirazzismo per acquistare forza e credibilità deve saper parlare anche dei problemi sociali, deve essere accompagnato da pratiche coerenti, individuare le cause dei flussi migratori. Lotta di classe e antirazzismo si intrecciano si intrecciano e assumono la valenza di una forte opposizione culturale, sociale e politica al modo di produzione capitalistico. La solidarietà non si arresta. Comunicato di solidarietà e complicità con Mimmo Lucano. La migliore difesa dall’attacco al modello Riace è quello di diffonderlo. Accordo...
Continua a leggere
  5748 Visite
  0 Commenti

La povertà e i poveri crescono sempre più

fila-banco-alimentare
Nel rapporto 2018, la Caritas parla di aumento del 182% dei poveri che ormai si attestano a quota 5 milioni. Una sintesi del rapporto in http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato2886715.pdf Un «esercito di poveri» per i quali si chiede il Rei, il reddito di inclusione. I poveri sono soprattutto giovani, basti pensare che oltre 1 milione e 208 mila sono i minorenni in condizione di povertà assoluta, 1 milione 112mila (il 10,4 per cento) i giovani nella fascia 18-34 anni. Il rapporto evidenzia la stretta correlazione tra povertà economica e i livelli di istruzione, i poveri insomma sono i meno istruiti e destinati ad una esistenza precaria all'insegna della miseria....
Continua a leggere
  1400 Visite
  0 Commenti

Libertà di opinione contro l’obbligo di fedeltà!

vignetta-mafalda-sulla-liberta-di-parola
LETTERA APERTA DAI LUOGHI DI LAVORO. LA LIBERTA’ DI OPINIONE CONTRO L'OBBLIGO DI FEDELTÀ! Sono sempre più frequenti i provvedimenti disciplinari da parte delle aziende contro lavoratori/trici e delegati sindacali che esprimono opinioni pubbliche dentro e fuori i luoghi di lavoro che concernono le condizioni lavorative, le vertenze le ristrutturazioni o sui problemi di sicurezza e appalti. Diventano più frequenti anche le sentenze con cui la magistratura conferma la legittimità del cosiddetto “obbligo di fedeltà” nei confronti dell'azienda.  L’articolo del codice civile che ne parla è il 2105. Il titolo di questo articolo è infatti proprio “ Obbligo di fedeltà...
Continua a leggere
  1291 Visite
  0 Commenti

Pensioni, austerità, equità.

pensioni_ue_1217
      La proposta di legge M5S-Lega sulle pensioni d’oro andrà realmente a cancellare privilegi e trattamenti di favore oppure è dettata solo da ragioni elettorali e demagogiche? E la quota 100 creerebbe l'indebitamento dello Stato e manderebbe all'aria i conti pubblici? Domande dirimenti che meriterebbero risposte anche dal sindacato che invece sta semplicemente alla finestra o addirittura parteggia, più o meno esplicitamente, per la Fornero.      I privilegi pensionistici riguardano un numero decisamente ristretto di persone, alcuni parlano di poco più di 30 mila casi con un risparmio di 150 milioni di euro. Non si dice tuttavia che con la...
Continua a leggere
  748 Visite
  0 Commenti

Le app che distruggono le professionalità abbassando il costo del lavoro

app
Oggi i professionisti sperimentano sulla loro pelle quanto è già accaduto da anni agli operai ossia la progressiva riduzione del costo della manodopera, il venir meno dei contratti nazionali e di un sistema di regole a tutela dei lavoratori.  La tecnologia e le moderne app all'attacco delle corporazioni? In rete basta navigare per qualche minuto e accorgersi delle innumerevoli offerte, piattaforme on line costruite appositamente per offrire servizi a costi decisamente irrisori rispetto ai prezzi di mercato. E così sarà possibile acquistare un complesso documento di valutazione del rischio o un attestato di  prestazioni energetiche o la certificazione antisismica o moduli già...
Continua a leggere
  990 Visite
  0 Commenti

Le compagnie di volo aumentano i loro profitti

Le compagnie di volo aumentano i loro profitti
Sono pochi a conoscere i profitti delle compagnie in volo che nonostante il caro petrolio e gli scioperi continuano a guadagnare utili. Aumentano i passeggeri mentre i servizi aeroportuali sono soggetti a processi di liberalizzazione e alle logiche di appalto e subappalto che determinano condizioni di vita e di lavoro sempre piu' precarie, e insicure, salari al ribasso, orari flessibili e con tante pause non retribuite (i cosiddetti tempi morti a carico del lavoro) Gli utili crescono in termini esponenziali da almeno 10 anni , due lustri nei quali i posti di lavoro stabili nel settore aeroportuali sono invece decisamente...
Continua a leggere
  971 Visite
  0 Commenti

Basta morti sul lavoro!

Basta morti sul lavoro!
Le morti sul lavoro non sono mai una fatalità. Anche oggi, a Carrara, un operaio di 39 anni è morto in porto durante le operazioni di scarico di una nave. I nostri pensieri e la nostra vicinanza alla famiglia, agli amici e ai colleghi di Alessandro, vittima di una strage silenziosa che vede l’Italia tra i paesi con più morti e infortuni sul lavoro. L’aumento dei carichi di lavoro, i ritmi forsennati, i contratti a termine, il mancato rispetto di norme sulla sicurezza sono tra le cause questa strage senza precedenti. Quanto accaduto in porto a Carrara ci ricorda che...
Continua a leggere
  1126 Visite
  0 Commenti

L’occupazione di una caffetteria unisce studenti e lavoratori a New York

L’occupazione di una caffetteria unisce studenti e lavoratori a New York
L’occupazione di una caffetteria unisce studenti e lavoratori a New York. Una tra le migliori celebrazioni del ’68 è andata in scena presso la New School di New York City, prestigiosa università privata la cui sede di Manhattan è stata teatro di un’occupazione che ha visto lottare uniti studenti e lavoratori. Nella mecca della finanza, in una città dominata da Wall Street e icona del turbocapitalismo mondiale, un gruppo di studenti ha scelto di lottare in prima persona a fianco dei lavoratori della caffetteria dell’istituto su cui pendeva la minaccia del mancato rinnovo del contratto. La peculiarità del luogo non...
Continua a leggere
  849 Visite
  0 Commenti

Depressione e mobbing sempre più connesse

Depressione e mobbing sempre più connesse
Mobbing sul lavoro, ma anche in ambito sociale, e depressione sono strettamente legati a tal punto che oggi abbiamo perfino una Assicurazione Inail riconoscendo la malattia professionale causata dalle attività svolte, e subite, nei luoghi di lavoro   Anni fa uscirono statistiche per denunciare l'abuso di psicofarmaci, altre inchieste hanno documentato le crescenti sindrome depressive causate dal lavoro dove la tanto decantata mobilità e produttività hanno alimentato dinamiche spesso opprimenti.  La sindrome depressiva in questo caso è legata ad una condotta vessatoria subita dal lavoratore ma prima dell'indennizzo bisogna dimostrare la fondatezza e l'avvenuta vessazione. Tutto parte dall'ennesima sentenza di Cassazione che...
Continua a leggere
  1014 Visite
  0 Commenti

Vai in ferie? In futuro guadagnerai meno. Come un diritto si traforma in privilegio

Vai in ferie? In futuro guadagnerai meno. Come un diritto si traforma in privilegio
Nell'Italia post-guerra, le fabbriche si fermavano in Agosto, il mese vacanziero per eccellenza. Con gli anni poi è passato un altro concetto, ossia favorire le ferie da Giugno a Settembre per scongiurare la chiusura delle aziende. Le ferie sono un diritto, al lavoratore è riconosciuto questo diritto irrinunciabile, si parla di “ferie annuali retribuite” per favorire il recupero delle energie e la realizzazione di esigenze anche ricreative personale e familiari. La durata minima delle ferie è fissata in quattro settimane e fino ad oggi questo era un limite sotto il quale i contratti di lavoro non potevano andare, una sorta...
Continua a leggere
  736 Visite
  0 Commenti

Lavorare fino a 70 anni? Non è eccezione sta diventando la regola

Lavorare fino a 70 anni? Non è eccezione sta diventando la regola
Sicuramente i 60 anni di oggi sono un'età diversa dai 60 anni di 30\40 anni fa quando si arrivava a questa età con quasi 40 anni di contributi iniziando, nei cosiddetti 30 anni gloriosi, l'attività lavorativa poco dopo i 20 anni di età, anzi in tanti casi dopo la fine della scuola dell'obbligo. C'è tuttavia una età oltre al quale lavorare rappresenta un rischio per la salute e sicurezza e non solo del diretto interessato, possiamo aprire un dibattito su quale sia l'età ma vedere settantenni ancora in produzione desta non poche inquietudini. Ora sappiamo che lavorare fino a 70 anni...
Continua a leggere
  841 Visite
  0 Commenti

Giustificato obiettivo del licenziamento o libero arbitrio padronale?

Giustificato obiettivo del licenziamento o libero arbitrio padronale?
Proseguono le sentenze sfavorevoli ai lavoratori, questa volta la Corte di Cassazione, sentenza n.19731/2018, stabilisce che un licenziamento puo' essere oggettivamente giustificato anche quando al posto del lavoratore cacciato il datore assume lavoratori a termine o interinali. Siamo ormai al libero arbitrio e la ragionevolezza del diritto sembra avere smarrito la retta via? Parliamo della soppressione di un reparto, di successivi licenziamenti per causa oggettiva e successiva assunzione di personale precario, il lavoratore licenziato ha fatto ricorso al Tribunale del lavoro che ha ritenuto non valide le sue obiezioni L'azienda è quindi libera di licenziare ma subito dopo di ricorrere a manodopera...
Continua a leggere
  757 Visite
  0 Commenti

Lavoro: un altro capolavoro del Jobs Act

Lavoro: un altro capolavoro del Jobs Act
Il Jobs act ha ridotto al lumicino le ispezioni nei luoghi di lavoro di Franco Astengo L'Espresso ha fornito recentemente i dati sulle ispezioni nelle aziende per il 2017 segnalando il gran numero di irregolarità e le pochissime ispezioni eseguite.   Vigilanza contratti ( controlli dei Ministero) Aziende ispezionate 122.240 Irregolari 73. 152 Lavoratori irregolari 88.484 Lavoratori in nero 38.775 Vigilanza previdenziale ( controlli dell'INPS ) Aziende ispezionate 24.291 Irregolari 15.458 Lavoratori irregolari 114.043 Lavoratori in nero 5.328 L'articolo precisa che il problema è quello del crollo delle ispezioni perchè non ha funzionato la riunificazione degli Ispettori di INPS, INAIL...
Continua a leggere
  667 Visite
  0 Commenti

Il padrone chiude e chiede i danni agli operai

Il padrone chiude e chiede i danni agli operai
La Piaggio decide di rifornirsi dove il costo del lavoro è più basso e le fabbriche dell’indotto di Pontedera chiudono. E agli operai della TMM vengono richiesti i danni per aver impedito lo smantellamento dei macchinari. Un anno fa una fabbrica dell'indotto Piaggio, la TMM, produttrice di marmitte per conto Piaggio, in regime di mono-committenza, ha chiuso i battenti. Una decisione improvvisa, effettuata poco prima delle ferie estive dopo mesi di intensa produzione con gli operai che ricordano le ore di straordinario chieste espressamente dal padrone. Altri operai raccontano che i magazzini Piaggio erano saturi di marmitte. Da anni ormai...
Continua a leggere
  340 Visite
  0 Commenti

Aeroporti: massimi profitti e massimo sfruttamento

Aeroporti: massimi profitti e massimo sfruttamento
Assemblea\ presidio solo pochi giorni fa davanti all'ingresso Partenze del Galilei. Ad organizzare l'iniziativa il sindacato Generale di Base di Pisa e Sgb dell'appalto CFT.    Rinviamo anche al video del presidio scaricabile dalla pagina FB del sindacato Sgb di Pisa https://www.facebook.com/Sindacato-Generale-di-Base-SGB-PISA-1748941978504241/?ref=bookmarks   Aeroporto Galilei: presentato il progetto di ampliamento „ All'indomani del presidio due notizie importanti  il 25 % delle quote di Corporacion America Italia (socio di maggioranza del Galilei e dello scalo di Peretola) è stato acquistato  a Investment Corporation of Dubai che fa riferimento direttamente allo sceicco del Dubai. Questo signore non è certo un personaggio sconosciuto...
Continua a leggere
  540 Visite
  0 Commenti

Crisi delle collaborazioni e miraggio del tempo indeterminato

Crisi delle collaborazioni e miraggio del tempo indeterminato
Nella mente di qualche giurista confindustriale, o governativo, il passaggio da un contratto precario a uno stabile era frutto non solo della volontà padronale ma anche di aiuti concreti dello stato alle imprese, una sorta di incentivo economico unito a pacchetti di agevolazioni fiscali per spingere alla trasformazione dei contratti e  cosi' creare occupazione piu' stabile. Se questo ragionamento fosse valido, negli anni passati, in corrispondenza ad agevolazioni fiscali e incentivi, avremmo un elevato numero di contratti trasformati a tempo indeterminato ma , al contrario, i contratti aumentano in misura ridotta e in numerosi casi non sopravvivono oltre i 3...
Continua a leggere
  480 Visite
  0 Commenti

Lo scopone scientifico interclassista. A proposito della beatificazione di Marchionne

Lo scopone scientifico interclassista. A proposito della beatificazione di Marchionne
Veniamo da giorni di beatificazione mediatica di Sergio Marchionne. Nel bene e nel male è stato detto praticamente tutto, gli smanettatori dei social si sono agitati per giorni come i servili giornalisti. Potremmo passare per ore in rassegna la stampa e cogliere innumerevoli contraddizioni, per esempio gli approfondimenti sull'uomo Marchionne che per anni aveva costruito un muro impenetrabile per salvaguardare la privacy della sua famiglia. Marchionne sta morendo in un ospedale svizzero dove solo per essere visitati pensiamo (non ne siamo certi) servano tanti soldi che molti di noi non potrebbero permettersi. Non è vero che di fronte alla sofferenza...
Continua a leggere
  217 Visite
  0 Commenti

Ombre sul contratto dei rider del 18 luglio

Ombre sul contratto dei rider del 18 luglio
Per i rider non si annunciano cambiamenti sostanziali che migliorino la loro condizione di vita e di lavoro, infatti la flessibilità di orario viene demandata ad accordi tra le parti, sappiamo bene che sindacati complici  sono sempre ben disposti ad accordare deroghe e condizioni favorevoli solo alle aziende . Sono questi i contenuti dell'accordo sottoscritto il 18 luglio da Confetra, Fedit, Assologistica, Federspedi, Confartigianato trasporti, Fita-Cna, Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti nell’ambito del Ccnl logistica , un accordo che qualcosa di positivo presenta considerando i fattorini della Gig economy come subordinati al contrario di quanto accade oggi soprattutto dopo le sentenze di Milano e...
Continua a leggere
  405 Visite
  0 Commenti

Tempo determinato: le critiche da destra di PD e padroni

Tempo determinato: le critiche da destra di PD e padroni
Il Governo ha licenziato il decreto dignità. Dal Pd e dagli ambienti padronali la critica piu' gettonata è stata quella di volere favorire la disoccupazione come se occupazione fosse sinonimo di precarietà. E' questo l'aspetto saliente di una critica " da destra" al decreto dignità mentre "da sinistra", e a ragione, si è manifestata opposizione al ritorno del voucher. Il sindacato nel suo complesso è stato silente spettatore, eppure le assunzioni flessibili e la precarietà dovrebbero essere oggetto di spietata critica. E poi se la ripresa occupazionale dipende dai contratti a tempo, qualcuno vorrà spiegarci cosa si intenda per occupazione...
Continua a leggere
  425 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema