Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

Il nostro sostegno alla docente di Palermo. Va riammessa subito al lavoro!

sorvegl

Non vogliamo limitarci ad esprimere Solidarietà alla docente di Palermo, Rosa Maria Dell’Aria, sospesa per 15 giorni per «omessa vigilanza» sugli studenti a causa di un video da loro realizzato in occasione della “Giornata della Memoria”, video che accostava le Leggi razziali del 1938 al Pacchetto sicurezza del Ministro Salvini.

La solidarietà non basta perché siamo davanti a fatti inauditi come i licenziamenti di lavoratori condannati per reati legati a manifestazioni politiche o a licenziamenti decisi per atti moralmente discutibili (quali??) o per non avere comunicato il domicilio in caso di malattia (basterebbe solo detrarre dalla busta paga i giorni di malattia). La condotta poi fuori dal posto di lavoro è sorvegliata e all’occorrenza punita con il licenziamento, anzi la Corte di Cassazione ha emesso alcune sentenze che ritengono alcuni comportamenti non legati al lavoro subordinato tali da avere pur sempre un rilievo penale come se andassero a ledere interessi morali e patrimoniali del datore di lavoro o minassero il rapporto di fiducia e di correttezza e buona fede.

Ci pare evidente che il licenziamento di un dipendente pubblico sia ormai una sorta di libero arbitrio nelle mani di funzionari ai quali viene chiesto da dirigenti, provveditori, datori di lavoro di procedere con atti repressivi anche quando la condotta sul lavoro è all'insegna della professionalità, della competenza e lungi da ombre.

Una legislazione repressiva rafforzata ulteriormente dal Ministro Bongiorono che va inquadrata dentro un contesto più generale, quello della riduzione di agibilità democratiche. 

Prendiamo ad esempio il cosiddetto sguardo da vicinato che viene considerato collaborazione del cittadino "onesto" con le forze dell'ordine ma potrebbe all’occorrenza trasformarsi in qualcosa di diverso. 

Chi ha segnalato la professoressa di Palermo non voleva solo colpire la libertà di insegnamento della docente ma anche determinare nuove regole didattiche, per esempio la non libertà di espressione e di critica, affermare il pensiero unico in un paese dove ormai il diritto alla conoscenza critica, al dissenso viene messo alla berlina.

In una scuola dove regna l'abbandono prima di conseguire un diploma, dove una volta maturati è raro trovare un impiego attinente alle materie studiate, in una scuola dove mancano aule, laboratori e palestre ci si preoccupa di sorvegliare e punire il contenuto di certi lavori didattici nell'ottica di riscrivere i libri di storia all'insegna del revisionismo colpendo la libertà di insegnamento e minacciando, o praticando, alla occorrenza i licenziamenti

La misura è decisamente colma!

Federico Giusti – Lotta Continua Pisa

C'è ancora spazio per la cultura antiautoritaria?
Pisa: proibito sfilare!

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 18 Giugno 2019

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema