Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

Sea Watch: la solidarietà è lotta di classe

seaa

Mentra la nave Sea Watch 3, con a bordo quarantadue migranti, non ha ancora ottenuto il permesso per attraccare a Lampedusa, il teatrino della politica nostrana ha mostrato tutta la sua vacuità. Tra gli strepiti disumani della destra, i balbettii legalitari dei cinque stelle e il bigotto umanitarismo del centro-sinistra, si apre tuttavia la possibilità di avviare una riflessione sul tema delle migrazioni.

In questo baccano infernale, giocato sulla pelle di quarantadue persone in fuga da povertà e persecuzioni, il ragionamento politico deve articolarsi attorno a due concetti fondanti: solidarieta’ e lotta di classe. Se non leggiamo gli eventi attraverso queste due lenti, rischiamo di finire schiacciati su posizioni specularmente funzionali al capitale e al suo disegno neocoloniale: razzismo e sterile solidarismo clericale.

Le migrazioni attuali sono causate da miseria e guerre, alimentate dallo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali africane da parte di multinazionali statunitensi, europee e cinesi. La ricchezza prodotta dalla manodopera locale, in condizioni di lavoro spesso disumane, viene accumulata da questi grandi gruppi transnazionali, che in cambio distribuiscono laute prebende a questo o quel despota locale. All’interno di questo spartito, i vari Stati-nazione, con più o meno successo, difendono i propri attori economici attraverso accordi commerciali e militari, lottando tra di loro per territori e risorse. Si tratta della forma contemporanea dell’imperialismo, in cui lo Stato è spesso costretto a inseguire il capitale piuttosto che a indirizzarlo nelle proprie aree di influenza geopolitica.

In questo risiko postcoloniale, combattere contro l’imperialismo significa trasformare la solidarietà da sentimento privato ad azione collettiva. Negli scorsi mesi i portuali di Genova ci hanno mostrato come fare: sono scesi in sciopero e hanno impedito alla Bahri Yambu, nave battente bandiera saudita, di caricare armi destinate al proseguimento della guerra in Yemen. I camalli del Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali e della Filt Cgil hanno costretto la nave a ripartire dal porto senza aver completato le operazioni prefissate con un’azione diretta e militante. Negli ultimi giorni gli stessi portuali hanno manifestato la loro disponibilità ad aprire il porto alla Sea Watch 3, per permettere lo sbarco dei migranti.

Sempre in questi giorni, negli Stati Uniti, sono entrati in sciopero i lavoratori della catena Wayfair, dopo aver scoperto che l’azienda fornisce i  letti ai campi di detenzione per minori non accompagati e separati dalle proprie famiglie, voluti da Trump. La dirigenza aziendale aveva rifiutato di sospendere la fornitura, citando la necessità da parte dei dipendenti di accettare la “diversità intellettuale” dei padroni. La risposta dei lavoratori è stata un’azione diretta di sciopero, per sottolineare la loro volontà di avere voce nelle decisioni aziendali.

Queste storie indicano chiaramente la strada da percorrere per trasformare la solidarietà da nobile sentimento a arma politica nello scontro di classe. Attraverso azioni dirette, i lavoratori hanno posto di nuovo con forza la questione del controllo e indirizzo operaio della produzione. In questo senso la solidarietà attiva è immediatamente una forma di lotta di classe.

Fateli scendere!

Lorenzo -- Redazione pisana Lotta Continua  (28 giugno 2019)

 

 

I morti sul lavoro, nonostante la forte diminuzion...
Se questo è umano

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti 1

Ospite - Francesco Giordano il Sabato, 29 Giugno 2019 05:21

Era il 27 giugno 2017, nessuno ricorda Concetta?

Si, Concetta, la donna in fila all'INPS 'Torino Nord'.

Concetta, in fila allo sportello con la sua rabbia che respirava la
rabbia di tanti, che se ne nutriva.

Già, quella Concetta di cui ormai non parla più nessuno perché la
morte, specie se cruenta, è quella che fa la notizia.

E non solo perché l’informazione ha le sue regole.

Concetta aveva perso il lavoro, era disoccupata.

Allo sportello la fila scorreva lenta e la sua rabbia montava. La
'Naspi', l'indennità di disoccupazione, non arrivava. Ma è arrivato il
suo turno: signorina a che punto è la pratica?

Come? Ci vogliono tempi tecnici? Altre verifiche? La rabbia che monta
ancor di più e un senso d'impotenza che non le lascia scampo: tira
fuori dalla borsa due bottigliette di alcol e, stappatane una, si
spruzzo addosso il liquido infiammabile appiccando le fiamme prima che
la potessero fermare.

Poi l’oblio.
A chi interessa di una ex donna delle pulizie e del suo stato di salute?

Era il 27 giugno 2017.

Era il 27 giugno 2017, nessuno ricorda Concetta? Si, Concetta, la donna in fila all'INPS 'Torino Nord'. Concetta, in fila allo sportello con la sua rabbia che respirava la rabbia di tanti, che se ne nutriva. Già, quella Concetta di cui ormai non parla più nessuno perché la morte, specie se cruenta, è quella che fa la notizia. E non solo perché l’informazione ha le sue regole. Concetta aveva perso il lavoro, era disoccupata. Allo sportello la fila scorreva lenta e la sua rabbia montava. La 'Naspi', l'indennità di disoccupazione, non arrivava. Ma è arrivato il suo turno: signorina a che punto è la pratica? Come? Ci vogliono tempi tecnici? Altre verifiche? La rabbia che monta ancor di più e un senso d'impotenza che non le lascia scampo: tira fuori dalla borsa due bottigliette di alcol e, stappatane una, si spruzzo addosso il liquido infiammabile appiccando le fiamme prima che la potessero fermare. Poi l’oblio. A chi interessa di una ex donna delle pulizie e del suo stato di salute? Era il 27 giugno 2017.
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 23 Agosto 2019

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema