Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Le contraddizioni degli eventi in Bielorussia. Un contributo per aprire una discussione.

bielorussia

Quando ragioniamo sui recenti fatti della Bielorussia corriamo due rischi. Da una parte sostenere acriticamente il governo di Lukashenko seguendo una vulgata secondo la quale vanno sempre difese tutte le posizioni che si oppongono all’imperialismo e all’Occidente, oppure sostenere in modo acritico le opposizioni senza comprendere da chi siano composte e quali finalità le spingano all’opposizione di piazza.

Interveniamo solo ora sulla questione bielorussa perché abbiamo voluto evitare un comportamento da tifosi dell’una o dell’altra posizione. È più importante capire quanto sta succedendo in Bielorussia, affrontando, da un punto di vista internazionale e sociale, i problemi che agitano i paesi dell’ex Urss. Non si tratta di elogiare il ruolo di Putin e della Russia, né tantomeno di quello di opposizioni orientate verso politiche neoliberiste, sostenute dall’opinione pubblica vicina a Trump. Prendendo anche le distanze dalle sanzioni dell’Unione Europea, sanzioni che spesso sono state orientate a piegare la resistenza dei popoli, oppure a imporre diktat per imporre privatizzazioni, distruzioni del welfare, politiche di austerità.

Se guardiamo ai numeri delle piazze degli ultimi giorni ci rendiamo conto che il consenso di Lukashenko non è minoritario. C’è questo vecchio vizio delle potenze occidentali di considerare illegittime quelle elezioni vinte da chi persegue obiettivi antitetici al libero mercato. È accaduto in America Latina, accade ora in Bielorussia.

Ma da qui a sostenere Lukashenko, evitando di affrontare i nodi salienti della contraddizione fra capitale e lavoro nel Paese, corre una grande differenza. Negli scioperi si agita una corrente che vorrebbe ripetere l’esperienza di Solidarnosc, un’esperienza che è partita da legittime rivendicazioni operaie per finire nelle mani del papato, degli Stati Uniti e della destra più retriva e conservatrice.

Di sicuro negli ultimi anni il Paese è attraversato da una crisi economica e sociale, da processi di privatizzazione che ad esempio hanno portato negli ultimi anni a proporre una tassa a chi non avesse raggiunto un certo numero di giornate lavorative nel corso dell’anno. Una tassa a carico dei disoccupati, in un Paese dove i settori pubblici sono stati dominanti, ma che oggi cominciano a subire i colpi delle privatizzazioni.

Negli anni passati la classe lavoratrice godeva di condizioni relativamente buone, tuttavia queste sicurezze si sono disgregate, lo sviluppo economico ha subito un rallentamento e sono cresciute le disuguaglianze. Questa situazione ha creato un malessere che è cresciuto con la diffusione del covid.

Da che parte stare allora? Sicuramente non dalla parte di Lukashenko, né dalla parte degli oppositori filo-occidentali spesso travestiti da blogger e da sindacalisti sul modello di Walesa.

Sicuramente vanno sostenuti gli scioperi promossi in molte aziende e luoghi di lavoro sui temi delle condizioni salariali, sperando che questi scioperi forniscano una sponda alle rivendicazioni legittime della classe lavoratrice.

Grave decisione dell’Università di Brescia
In ricordo di Nello. Un suo scritto sull'organizza...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti 1

Ospite - Virgilio il Sabato, 22 Agosto 2020 08:08

In politica non siamo allo stadio. Non ha senso scrivere da che parte stare anche nel caso Bielorusso. Al momento mi sembra che sul pianeta si ripeta lo scontro tra capitalismo liberista e capitalismo statalista, dove in entrambi i casi la difesa degli interessi del proletariato è inesistente! Nel corso del '900 lo scontro e avvenuto tra sistema liberista yankee e nazismo/fascismo, oggi tra gli stessi liberisti impersonificati con "impero del bene" e "sovranisti". Uno scontro che non ha niente a che vedere coi problemi del proletariato e dei sudditi dei due "imperi"

In politica non siamo allo stadio. Non ha senso scrivere da che parte stare anche nel caso Bielorusso. Al momento mi sembra che sul pianeta si ripeta lo scontro tra capitalismo liberista e capitalismo statalista, dove in entrambi i casi la difesa degli interessi del proletariato è inesistente! Nel corso del '900 lo scontro e avvenuto tra sistema liberista yankee e nazismo/fascismo, oggi tra gli stessi liberisti impersonificati con "impero del bene" e "sovranisti". Uno scontro che non ha niente a che vedere coi problemi del proletariato e dei sudditi dei due "imperi"
Già registrato? Login qui
Ospite
Giovedì, 03 Dicembre 2020

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema