Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Confindustria batte cassa. I contratti “rivoluzionari” che vuole Bonomi.

confin

 Il Governo non ha ancora sciolto i nodi dirimenti per il paese, lo dice Confindustria affidando al Presidente Bonomi il compito di lanciare un messaggio all'Esecutivo attraverso una intervista al quotidiano padronale.

Giorni fa scrivevamo che i ritardi nel rinnovo dei contratti erano legati a due fattori: da una parte il mancato stanziamento di fondi da parte del Governo per i 3 milioni di dipendenti pubblici, dall'altra le richieste di Confindustria che prima di sottoscrivere accordi e intese avanzano richieste ben precise. 

Bonomi dice di non essere contrario al rinnovo dei contratti scaduti e riguardanti milioni di lavoratrici e lavoratori ma solo che non intendono limitarsi alla firma, vogliono dei contratti rivoluzionari. E in cosa consisterebbe questa rivoluzione?

Intanto il potenziamento degli accordi di secondo livello per consentire alle aziende di aggirare i contratti nazionali attraverso un sistema di deroghe, sono disposti ad accordare piu' potere agli Enti bilaterali ma non prima di avere ottenuto come merce di scambio lo stravolgimento dell'attuale assetto contrattuale. Non che quello attuale sia soddisfacente ma l'obiettivo padronale è ancora piu' ambizioso e mira a circoscrivere ulteriormente il potere di acquisto e di contrattazione.

Il leit motive poi è sempre lo stesso, affermare una cultura aziendale e industriale rimuovendo gli atavici pregiudizi che poi sono solo la salvaguardia di diritti, salari, pensioni, welfare.

Ogni qual volta si affermano i processi di ristrutturazione, per giustificarne l'operato inizia una campagna ideologica, i padroni sono bravi a presentarsi come vittime di un sistema assistenziale, anzi presunto tale, per portare a casa il massimo risultato.

In questi anni le aziende hanno beneficiato di ingenti aiuti a fondo perduto, è stata accordata la cassa integrazione a chi non ne avrebbe avuto bisogno, si sono scaricati sulla collettività i costi di impresa, alcune grandi multinazionali made in Italy hanno spostato le loro sedi in altri paesi nel silenzio assenso dei Governi via via succedutesi.

In questi anni hanno ottenuto di tutto e di più, dallo stravolgimento dell'art. 18 e del sistema Previdenziale fino a regole sulla rappresentanza così inique da costituire una sorta di sindacato di potere sotto la forma della maggiore rappresentatività. Vogliono di più, mirano direttamente a contrarre ulteriormente gli spazi di democrazia e partecipazione e per farlo rivendicano, al pari dei sindacati firmatari di contratto, una legge sulla rappresentanza ma vorrebbero mettere le mani sui fondi europei tacendo ovviamente sulle condizioni di erogazione e sui costi da scaricare interamente sullo stato, anzi sulla collettività

La lettera inviata da Bonomi alle associazioni di Confindustria segna un passaggio decisivo, i padroni non solo battono cassa ma avanzano richieste molto precise al Governo, criticano i decreti attuativi e tutti i meccanismi burocratici ma quello che vogliono è bypassare ogni strumento di controllo pubblico consapevoli della debolezza dell'Esecutivo e del fatto che a ridosso delle elezioni possono portare a casa molti risultati.

Bonomi mira direttamente a ripristinare la libertà di licenziamento perché ad anno nuovo molte aziende vogliono ridurre la forza lavoro e per farlo necessitano di un quadro normativo che permetta ampia libertà di azione alle imprese. È questa, e non altra, la cultura di impresa, la cultura della libertà di licenziamento, della privatizzazione dei profitti e della socializzazione delle perdite.

Vogliono smantellare i centri per l'impiego per accaparrarsi, attraverso agenzie private, il business della formazione e dell'aggiornamento, vogliono decidere loro come e se ricollocare le migliaia di lavoratori e lavoratrici in esubero. E lo Stato, anzi il Governo, in questi anni non ha fatto nulla per restituire alle Province quel ruolo di formazione che un tempo avevano anche se nel corso degli anni, soprattutto con le privatizzazioni e gli appalti, quel ruolo è stato fortemente ridimensionato, diremmo vanificato e ridotto a ben poca cosa.

Se il codice Ipca per il rinnovo dei contratti ha determinato perdita del potere di acquisto reale dei salari, oggi mirano ad ottenere un sistema di calcolo ancora piu' svantaggioso per la forza lavoro alimentando al contempo la parte variabile del salario attraverso il secondo livello, le deroghe, lo scambio iniquo tra produttività e salari che diventeranno una sorta di variabile dipendenti dai profitti di impresa.

E non mancano di invocare la riforma del welfare, il nostro sistema sarebbe troppo sbilanciato verso gli anziani, eppure chi andrà in pensione tra 15\20 anni avrà assegni così bassi dal costringere lo Stato ad intervenire con misure, pagate dalla collettività, di supporto previdenziale. E non siamo noi a dirlo ma le proiezioni sulle pensioni di domani.

La demagogia fraudolenta delle sedizioni tanto abiurata dai padroni è in realtà la atavica e acritica esaltazione del libero mercato, loro vogliono uno Stato asservito alle logiche padronali che anteponga magari ad ammortizzatori e aiuti sociali gli aiuti alle imprese.

Per raggiungere questi obiettivi hanno bisogno dell'aiuto dei sindacati complici, eliminare sul nascere ogni forma conflittuale rispetto alla chiusura di aziende, ai licenziamenti, rievocano il Patto sottoscritto nel 2016 sulla ricollocazione per imporre agenzie formative private e costruire una sorta di ricatto alla forza lavoro per accettare lavori magari part time e sottopagati, costringendo famiglie a cambiare residenza indebitandosi per contrarre un mutuo o semplicemente per un affitto.

Queste ricette padronali oggi rappresentano l'insieme delle richieste al Governo, necessitano da una parte della partecipazione attiva del Governo e dall'altra del sostegno dei sindacati complici.

Di questo dovremmo iniziare a parlare in vista del Prossimo autunno perché i processi di ristrutturazione sono già iniziati

Redazione pisana di Lotta Continua

(da: https://delegati-lavoratori-indipendenti-pisa.blogspot.com)

 

 

 

Alcune note sull’assemblea del 12 settembre di lav...
Il gioco si a duro: allungati i tempi per il rinno...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 21 Ottobre 2020

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema