Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Italia. Solidarietà internazionalista al militante anarchico Alfredo Cospito, detenuto in un "carcere-tomba"

cospito

Italia. Solidarietà internazionalista al militante anarchico Alfredo Cospito, detenuto in un "carcere-tomba"

Da Resumen Latinoamericano il 1 febbraio 2023

La Coordinadora Simón Bolívar del Venezuela aderisce all'"Appello nazionale e internazionale
per fare uscire, vivo, il compagno Alfredo Cospito dalla" TOMBA PER ESSERI VIVENTI "

Alfredo Cospito è un compagno anarchico italiano nato nella città di Pescara nel 1967, che, per la sua formazione politica, è sempre stato in prima linea nella lotta, mai disposto a scendere a compromessi o arrendersi. Il suo primo confronto con il sistema repressivo è stato quando è stato imprigionato per non aver svolto il servizio militare. Nel 2012 viene arrestato e condannato a 16 anni e 6 mesi, rivendicando la responsabilità del colpo alla gamba ai danni del dirigente della compagnia "Ansaldo Nucleare" Roberto Adinolfi, atto compiuto il 7 maggio dello stesso anno a Genova.
Già detenuto, Alfredo è stato nuovamente processato per un altro attentato e condannato in primo e secondo grado per essere stato riconosciuto anche come autore dell'esplosione di due ordigni esplosivi a basso potenziale, nella notte tra il 2 e il 3 giugno 2006, nei pressi della scuola degli studenti dell'Arma dei Carabinieri nella città di Fossano. I fatti si riferiscono a un procedimento giudiziario, svolto dalla Procura della città di Torino, che ha portato a un maxiprocesso a carico dei militanti della "Federazione Anarchica Informale", di cui Cospito, secondo le accuse, era "capo e organizzatore della associazione con finalità terroristiche».  Per questi reati Cospito è stato condannato in primo e secondo grado a 20 anni di reclusione.
Dopo che l'allora ministro della Giustizia, Marta Cartabia, firmò il decreto il 5 maggio, Alfredo fu portato nel carcere di Bancali, in Sardegna. Nel luglio 2022, la Corte di Cassazione, con evidente atteggiamento persecutorio e perverso, ha ridefinito il contesto del reato già prima processato, da “omicidio contro la pubblica sicurezza” a “omicidio contro la sicurezza dello Stato”; reato che, se necessario, la pena dell'ergastolo e l'applicazione del regime 41 Bis.

Alfredo, che per anni ha continuato a contribuire con articoli e proposte al dibattito anarchico internazionale, è stato addirittura oggetto di censura totale nella sua corrispondenza e gli è stato proibito e negato ogni tipo di contatto con l'esterno.
Il 41 bis è un regime carcerario destinato proprio all'annientamento del detenuto, in quanto studiato per provocare danni fisici e psichici attraverso la tecnica della deprivazione sensoriale. È una condanna alla morte politica e sociale, che cerca di spezzare ogni forma di contatto e relazione con il mondo esterno. Il trattamento riservato ad Alfredo ci ricorda le parole attribuite a Benito Mussolini a proposito di Gramsci: "Bisogna impedire che questo cervello funzioni per vent'anni".

Nel corso del dibattimento in secondo grado di appello, la difesa ha chiesto ai giudici di rivedere il regime 41bis, ma la Corte ha rigettato la richiesta. Questo nonostante i giudici, che hanno accolto il ricorso, abbiano riconosciuto l'esiguità dell'aggressione, vista anche l'assenza di danni o lesioni a persone e che alle stesse conclusioni fossero giunti, tra l'altro, anche gli stessi Pubblici ministeri in precedenti processi.

Il regime del 41 Bis consiste nell'isolamento totale e disumano dei detenuti. Il detenuto vive in cella singola e non può avere contatti con altri detenuti e non ha accesso alle parti comuni del carcere.
Viene concesso solo per alcuni tipi di reati e prevede un massimo di due ore di aria al giorno… anche se ad Alfredo ne viene concessa solo una. Naturalmente, quel tempo "d'aria" si svolge senza alcun contatto con altri detenuti.
Il detenuto è costantemente monitorato da un reparto speciale del corpo di polizia penitenziaria. Lo stesso dipartimento non può avere contatti con altri agenti di polizia penitenziaria. Una volta al mese, il colloquio con i familiari è consentito solo per alcuni tipi di reati. Il colloquio dura al massimo un'ora. I detenuti possono vedere i loro parenti solo attraverso vetri blindati e sistematicamente registrati. Non c'è contatto fisico. Se il colloquio non è possibile, il direttore del carcere può autorizzare, solo con specifiche motivazioni, un colloquio telefonico di 10 minuti al mese.
Le guardie aprono, leggono e possono autorizzare lettere scritte o ricevute dal detenuto.
Esistono seri limiti alle somme di denaro, beni e oggetti che i detenuti possono acquistare all'interno del carcere o ricevere dall'esterno (penne, quaderni, bottiglie...). Il detenuto in 41 Bis non può detenere alcun libro o rivista se non con speciali autorizzazioni. Nel caso di Alfredo, la direzione del carcere non gli concede nemmeno la possibilità di avere le foto dei suoi genitori...

Negli anni non sono mancate le critiche al 41-bis. Nel 1995, il Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani e degradanti ha definito il 41 bis come trattamento inumano e degradante. “La contenzione prolungata ha causato effetti dannosi che hanno alterato le facoltà sociali e mentali dei detenuti, spesso in modo irreversibile”.
Nel 2000 la Corte dei diritti dell'uomo ha ritenuto che il 41 bis non fosse contrario alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, ma ne ha censurato alcuni contenuti e aspetti applicativi.
Nel 2003, Amnesty International ha affermato che il 41 bis, in alcuni casi, costituisce un trattamento inumano e degradante del detenuto: E nel 2007 (immaginate!) un giudice degli Stati Uniti ha negato l'estradizione del boss mafioso Rosario Gambino perché, secondo lui, il carcere duro è paragonabile alla tortura.

Alfredo, per protestare contro la sua condizione di detenzione ai sensi del 41 Bis, ha intrapreso uno sciopero della fame da più di 104 giorni e nonostante le sue gravi condizioni di salute, ha ribadito la sua chiara volontà di continuare il digiuno e di rifiutare qualsiasi nutrimento forzato.

Secondo le dichiarazioni di Angelica Milia, il medico di fiducia che segue settimanalmente Alfredo, “…il 20 aprile Alfredo sarà morto. Un'attesa così lunga è incompatibile con le tue condizioni. La situazione è estrema, non mangia da più di 100 giorni e ha perso più di 40 chili. La letteratura medica ha dimostrato che quando una persona perde metà del proprio peso, il danno è irreparabile. Non può aspettare così a lungo, da un momento all'altro potrebbe crollare e dovranno rianimarlo e alimentarlo forzatamente. Ma ha già scritto che rifiuta l'alimentazione forzata. Ora cosa succederà?"

“La notte tra il 25 e il 26 gennaio Alfredo è caduto sotto la doccia e in clinica lo hanno curato per sanare la frattura multipla che ha alla base del naso, ma ha perso molto sangue... è debole, ha difficoltà a mantenere la normale termoregolazione del corpo. Ha piastrine molto basse (nel sangue) e una ferita, anche se piccola, può causare una potente emorragia, che, date le sue condizioni di salute generali e tenendo conto che non mangia da più di 100 giorni, può avere conseguenze molto gravi . Infatti, non esce più a fare passeggiate in cortile, si sente molto debole, tanto da usare una sedia a rotelle, che lo degrada molto.
Il dolore della caduta di stanotte e del trattamento in clinica è stato ridotto. Ma non può avere una normale termoregolazione, … cerca di riscaldarsi, indossa tre pantaloni e quattro maglioni. È chiaro che non può continuare in questo carcere, deve essere trasferito in una struttura che possa garantirgli un'adeguata assistenza sanitaria".

Ma la persecuzione non si è ancora placata!! Al contrario!

Il 23 gennaio il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria di Sassari, città della Sardegna dove Alfredo è detenuto, il Direttore Carmen Forino, ha presentato formale interdizione nei confronti della dottoressa Angélica Milia, il medico che ha visitato Alfredo Cospito nel carcere de Bancali, di rilasciare dichiarazioni alla stampa, pena la revoca dell'autorizzazione a visitare Alfredo. Tutto ciò "al fine di NON annullare le finalità del regime previsto dall'art. 41 bis».

In sintesi, i funzionari del Dipartimento penitenziario – sulle cui spalle ricadono le responsabilità materiali per la sopravvivenza o meno dei detenuti – vorrebbero che Alfredo non solo morisse in quella tomba in cui è stato rinchiuso, ma anche che morisse nel silenzio generale.

Essendo la parte più feroce e ottusa delle istituzioni statali – abituata a non dover rendere conto a nessuno della propria opera repressiva -, queste guardie sono anche la parte più stupida. Infatti, solo pochi sciocchi possono scrivere che il fatto stesso di riferire sullo stato di salute di un detenuto in sciopero della fame da novantasei giorni riesce a «annullare le finalità del regime di cui all'art. 41bis”.

Ecco, allora, lo scopo del 41 bis, dichiarato apertamente e spudoratamente dalla signora Forino: bandire dal mondo dei vivi i suoi reclusi, corpi muti di cui nessuno dovrebbe parlare. Feroci, stupidi e sciocchi, otterranno l'esatto contrario.

Il regime penitenziario previsto dal regime 41Bis è il modo più crudele per far scomparire “istituzionalmente” la persona… quelle “incompatibili” con il sistema capitalista, razzista, fascista di quel Paese, di quella “fortezza” europea.

In Italia mai nessuno degli autori, materiali e/o intellettuali degli attentati in Italia, come la bomba alla sede di una banca a Milano (17 morti il ​​12 dicembre 1969), la bomba in una piazza a Brescia (8 morti il ​​28 maggio 1974) la bomba al treno Italicus nei pressi di Bologna (12 morti il ​​4 agosto 1974), la bomba alla stazione ferroviaria di Bologna (85 morti il ​​2 agosto 1980), NESSUNO è stato condannato all'ergastolo e 41 bis!!
Solo il compagno Alfredo Cospito – accusato di aver aggredito un dirigente d'azienda e di aver lanciato un ordigno esplosivo (ufficialmente riconosciuto a basso potenziale), senza uccidere nessuno né fare vittime – è invece detenuto sotto la tortura disumana del 41 bis!!
Come in molte "tombe per esseri umani" sparse in molti paesi latini (e non solo), Alfredo preferisce andare all'estremo della sua resistenza umana contro questo sistema di tortura.
“Mi opporrò all'alimentazione forzata con tutte le mie forze! Saranno costretti a legarmi al letto” “…Affermo che siccome ultimamente si è presentata la possibilità di cure obbligatorie…alla loro crudeltà e crudeltà opporrò la mia forza, tenacia e volontà di consapevole anarchico e rivoluzionario…. Continuerò fino alla fine. Contro il 41 bis e l'ergastolo ostativo. La vita non ha significato in questa tomba per i vivi."

Nonostante ciò, proprio in quelle ultime ore, e nonostante diversi interventi pubblici di settori e personalità della politica e della cultura italiana - oltre ai continui cortei di protesta - per rivendicare e difendere la vita del compagno Alfredo, e farlo uscire dal 41Bis, i settori più recalcitranti dell'attuale governo fascista italiano, ancora una volta radicalizzino la loro posizione per condannarlo a morte certa!
Il sottosegretario all'Interno, Emanuele Prisco, auspica che... "sia confermato il carcere duro per Alfredo Cospito, anche per lanciare un segnale chiaro e deciso che le condizioni non si tratta con i violenti"... “La violenza non è mai tollerata – ha sottolineato Prisco – e questo non è certo il governo che si fa intimidire da chi la commette. Non si tratta con chi li pratica".
«È evidente che la lunga scia di sangue e di attentati (i cortei di protesta) testimoniano come quest'uomo riesca a dare segnali esterni con attacchi e violenze contro le istituzioni. Lo Stato non può tornare indietro", dice il sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro... respingendo l'ipotesi di clemenza per l'anarchico detenuto in regime 41 bis nel carcere di Sassari.
«Per quanto riguarda l'aspetto politico, non si può recedere dal 41 bis, e all'ergastolo ostativo. Sono strumenti speciali per affrontare la mafia e il terrorismo senza legge. L'applicazione è di competenza della magistratura, ma noi non vi priveremo mai di questo strumento”, ha aggiunto il sottosegretario di Stato.
Ebbene, se Alfredo muore, la verità è che l'ha ucciso lui, l’ha ucciso quello Stato, quelle Guardie, quel Governo, quei falsi "democratici"!!!

CHIEDIAMO A TUTTI I VERI DEMOCRATICI, TUTTI I NON CONFORMI A QUESTI SISTEMI OLIGARCICI, ANTAGONISTI DI ITALIA, EUROPA E AMERICA LATINA, DI MOSTRARE SOLIDARIETA' ALLA LOTTA DI RESISTENZA DEL COMPAGNO ALFREDO.

MANIFESTARE DAVANTI ALLE AMBASCIATE O ALLE STRUTTURE ITALIANE PERCHÉ OGNI GRANELLO DI POLVERE POSSA DIVENTARE TEMPESTA DI SOLIDARIETÀ

Compagne e compagne di Roma, del Venezuela e del mondo.

 Coordinadora Simón Bolívar Caracas – Venezuela .
1° febbraio 2023.
Traduzione a cura della Redazione Lotta Continua

 

Corrispondenze dai conflitti sociali N. 1
Possiamo ancora dirci di sinistra? La sinistra è s...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 12 Luglio 2024

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.

Care lettrici, cari lettori: a causa di alcuni problemi, il coordinamento dei vari collettivi redazionali, e quindi l’organizzazione, la struttura del giornale e l’aggiornamento del sito hanno subito un rallentamento. Con molto ritardo stiamo cercando di correre ai ripari, ma nonostante questo alcuni aggiornamenti del software del nostro provider hanno portato a un non corretto funzionamento del sito (lo slideshow degli ultimi 5 articoli non funziona più). A questo va aggiunto che il software con cui il sito è stato sviluppato a breve non sarà più supportato e l’aggiornamento richiederebbe più impegno che fare un sito nuovo con un altro software. Quindi a breve (speriamo) metteremo online la nuova versione.

Sghing - Messaggio di sistema