Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Cassandra Crossing...dove è finita la protezione idrogeologica?

alluvione

Cassandra Crossing...dove è finita la protezione idrogeologica?

Cassandra Crossing

Nella distrazione di massa adottata come tecnica di repressione del pensiero critico, il biasimevole presidente del senato invita (e ricatta) gli attivisti di Ultima Generazione a spalare il fango romagnolo. Nel dramma collettivo in corso, il problema dunque sono loro e più in generale tutti quelli che si oppongono all'attuale stato di cose, creando scalpore o disagio per tentare di comunicare la gravità del punto di non ritorno climatico. 

Si può essere d'accordo oppure no sui metodi della protesta, ma è evidente che coloro che devono essere chiamati in causa non sono "i ribelli" bensì coloro che avendo responsabilità, politiche, tecniche o amministrative, hanno chiuso gli occhi per decenni.

Oggi emergono informazioni a dir poco inquietanti sui mancati progetti di protezione idrogeologica, sui soldi non spesi o spesi male, sui numeri della cementificazione, sullo stupro dei corsi d'acqua, sulle opere che hanno reso ancora più insicuro un territorio già vulnerabile. 

Azioni e omissioni che costano caro e che sono figlie di una mentalità ottusa e predatoria, in cui la conoscenza e il rispetto delle regole e dei limiti imposti dalla natura vengono considerati come ostacolo al progresso, alla crescita economica, al benessere.

Sappiamo già che non sarà una eventuale indagine della magistratura a cambiare il corso di tali comportamenti e che non ci sarà alcuna giustizia. 

Quello che manca e che non si afferma, è un diverso modo di pensare e di vivere, una diversa cultura in cui finalmente si tiene conto di quei limiti e del comune interesse ad agire in modo sensato e coerente.

 Alla sbarra, dunque, gli imbrattatori per cui si pensa a severe punizioni penali, e invece gloria ai passacarte, agli ominicchi, ai servi delle multinazionali di petrolio, gas e carbone.

Impunità assoluta per le 21 principali compagnie del settore che, secondo una recente analisi pubblicata dalla prestigiosa rivista One Earth, a fronte di profitti giganteschi, sono direttamente responsabili per danni ambientali quantificati in almeno 209 miliardi di dollari all'anno. 

Un valore calcolato per l'insieme delle estinzioni e degli ecosistemi colpiti, per la perdita di vite umane, di abitazioni e di mezzi di sussistenza. Una ferita sempre più profonda che in termini di denaro ricade esclusivamente sui cittadini e sul loro reddito, in particolare di quelli dei paesi più poveri. 

Non un centesimo di risarcimento viene richiesto dai governi a coloro che da molto tempo sanno che cosa comporta l'uso massivo dei combustibili fossili e che, nonostante ciò, hanno orchestrato una macchina che ha infiltrato ogni ganglio della politica, della ricerca, dei media e delle altre industrie, e che ha bloccato la lotta al cambiamento climatico per almeno trent'anni.

Una macchina che, come nel romanzo di Robert Katz (Cassandra Crossing), piuttosto che affrontare le proprie responsabilità, manda al macello chi non ne ha.

Max Strata - ecologo

 

In Messico il Sud resiste!
Diminuzione del 53% delle riserve idriche in 30 an...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 30 Settembre 2023

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema