Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

Bianca revisited

02clt1sottoconvegno-alluniversita-con-pietro-valpreda-norberto-bobbio-bianca-guidetti-serra-torino-1 Bianca Guidetti Serra, Norberto Bobbio, Pietro Valpreda, Torino 1971 Palazzo Nuovo [Dario Lanzardo]
Recentemente diversi eventi pubblici e articoli apparsi su «La Stampa» hanno voluto tratteggiare un’immagine di Bianca rivisitata secondo punti di vista tendenti a limitarne la complessità politica e personale e circoscriverla entro confini molto istituzionali. Ne risultava insomma un’immagine “ammorbidita” delle sue idee per farle rientrare in una convenzionalità gradita alla comunità intellettuale. Sento a questo punto e a dieci anni dalla sua morte di dover intervenire per rappezzare la sua memoria e difenderla dalle strumentalizzazioni.In un’occasione ho tentato di rispondere a uno degli articoli pubblicati da La Stampa ma, non inaspettatamente, “non sono riusciti” a pubblicare la mia lettera. Curioso...
Continua a leggere
  405 Visite
  0 Commenti

Eros Francescangeli, «Un mondo meglio di così», La Sinistra rivoluzionaria in Italia, 1943-1978

UnMondoMeglioDiCos
Eros Francescangeli, «Un mondo meglio di così», La Sinistra rivoluzionaria in Italia, 1943-1978Roma, Viella, 2023, pp. 361, € 32.00La scelta del titolo di questo volume è caduta sul refrain del brano Stupendo, di Vasco Rossi. Era l’inverno 1993, nell’Italia di Tangentopoli, degli assetti incerti e della, conseguente, esplosione delle bombe che avrebbe segnato con il sangue la primavera – estate di quell’anno. L’album è Gli Spari sopra, considerato un po’ come quello della cesura con la Vita spericolata, della messa della testa a posto, interpretando le paure, così come gli interrogativi che ci si andavano facendo in quel periodo. La traccia...
Continua a leggere
  404 Visite
  0 Commenti

Marco Rossi, Le Ombre di Fiume, tra nazionalismo e sovversione, 1919-1924

Fiume
Marco Rossi, Le Ombre di Fiume, tra nazionalismo e sovversione, 1919-1924Milano, Zero in condotta, 2023, pp. 382, € 20.00L’Impresa fiumana gode ormai d’una consistente bibliografia di studi storici in senso revisionista, da intendersi nel significato puro dell’aggettivazione. Una bibliografia tutto sommato recente, se si considera l’epoca descritta, in cui si è effettuato un lavoro di affrancamento dall’immagine fatta propria dalla propaganda fascista, che ha inglobato quell’esperienza, tramandandola come prodromo del Ventennio. Mancava all’appello l’autore forse più titolato a scriverne, colui che nella contemporaneità ha gettato sul tavolo della ricerca storiografica e del dibattito politico – culturale, inevitabilmente ad essa collegato, il...
Continua a leggere
  3026 Visite
  0 Commenti

Franco Ferrari, Indagine su Picelli, Fatti, documenti, testimonianze. Recensione di Silvio Antonini

picellii-a
Franco Ferrari, Indagine su Picelli, Fatti, documenti, testimonianze Lecce, Youcanprint, 2023, pp. 236, € 20.00 Il ricercatore e saggista parmense Franco Ferrari presenta qui un lavoro che può per certi versi rappresentare un completamento de La Mia divisa, a cura di William Gambetta (Bfs, 2021). È, cioè, una ricostruzione, con criteri storiografici, della biografia e del pensiero di Guido Picelli che, nonostante le celebrazioni e le incensature della figura, o forse proprio in virtù di queste, erano rimasti sostanzialmente inediti sino a tempi tutto sommato recenti.  A motivare il titolo, e a fornire le ragioni che ogni pubblicazione ha con sé, la polemica,...
Continua a leggere
  2101 Visite
  0 Commenti

Il 25 aprile e l'antifascismo oggi

partigiani-foto-b
IL 25 APRILE E L’ANTIFASCISMO OGGI.INTERVISTA ALLO STORICO SILVIO ANTONINI SULL’ANTIFASCISMO.Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da una costante opera di delegittimazione dell'antifascismo e degli antifascisti, la Repubblica fondata dalla Resistenza non ha mai fatto i conti fino in fondo con il ventennio e una volta indebolito il movimento sindacale e comunista i revisionisti hanno avuto la strada spianata Che cosa intendiamo con il “fare i conti con il fascismo”?L'amnistia Togliatti liberò migliaia di fascisti, molti di loro fecero ritorno ai loro posti di lavoro nello Stato, nelle Prefetture, nelle forze armate e in quelle dell'Ordine, l'amnistia si poneva come obiettivo la...
Continua a leggere
  3479 Visite
  0 Commenti

Marco Rossi, Morire non si può in aprile, L’Assassinio di Teresa Galli e l’assalto fascista all’Avanti!, Milano, 15 aprile 1919

moriree
Marco Rossi, Morire non si può in aprile, L’Assassinio di Teresa Galli e l’assalto fascista all’Avanti!, Milano, 15 aprile 1919Milano, Zero in condotta, 2022, I ed. 2019, pp. 175, € 10.00. Terminato di leggere proprio a ridosso del 104° anniversario della giornata su cui il volumetto, qui alla terza edizione, si concentra. Un lavoro prezioso perché riguarda dettagliatamente un avvenimento crocevia per l’Italia contemporanea, quello passato alla storia come l’assalto alla Redazione milanese de “l’Avanti”. L’autore è Marco Rossi, tra i principali studiosi in Italia del nesso tra combattentismo di guerra e sovversivismo, sancito dalla sua opera più conosciuta a livello nazionale...
Continua a leggere
Tag:
  1912 Visite
  0 Commenti

"Lottare per le idee". Il percorso culturale di Roberto Roversi nell’ultimo lavoro di Giuseppe Muraca.

giuseppe
Lottare per le idee. Il percorso culturale di Roberto Roversi nell’ultimo lavoro di Giuseppe Muraca.Con questo saggio, Lottare per le idee. Roberto Roversi, poeta e protagonista della cultura italiana contemporanea, PENDRAGON, Bologna, Giuseppe Muraca prosegue nella sua analisi del pensiero critico che ha contribuito a preparare e sostenere l’affermazione dei movimenti sociali degli anni Sessanta e Settanta. Muraca ci ricorda come quel ciclo di protagonismo e azione diretta di una parte della gioventù politicizzata sia stata anche connotata dalla “battaglia delle idee”, dall’apporto dato da alcuni intellettuali di valore alla formazione delle giovani generazioni che si opponevano in vario modo alle...
Continua a leggere
Tag:
  2632 Visite
  0 Commenti

Von Banditen erschossen (su Mattarella e le foibe) di Sergio Bologna

foibe
Il testo di Sergio Bologna è stato scritto quattro anni fa, a nostro parere conserva del tutto la sua validitàCome cittadino, come storico del nazismo e soprattutto come triestino sono rimasto sconcertato, amareggiato e disgustato dalle dichiarazioni del Presidente Mattarella sulla questione delle foibe.Avevo otto anni quando i partigiani di Tito, il 1 maggio del 1945, proprio sotto casa mia fermarono la loro avanzata per non esporsi al tiro della guarnigione tedesca, asseragliata nel Castello di San Giusto. Erano scesi dall’altipiano del Carso in due colonne, una si era diretta all’edificio del Tribunale dove i tedeschi avevano installato il Comando e...
Continua a leggere
  2282 Visite
  0 Commenti

Il fascismo indiscreto del Movimento Sociale Italiano

almirante
 Chissà perché proprio ora, con questa rilevanza, si tira in ballo il Movimento Sociale Italiano (MSI). Certo vi è il motivo della sua fondazione, 26 dicembre 1946, ma questo potrebbe essere letto come pretestuoso stando all’importanza datagli. E poi, da parte della figlia, senatrice, di un suo esponente, Pino Rauti, non certo illibato, e da parte di un figlio, Ignazio la Russa, Presidente del Senato, di famiglia missina sin dalle origini per la politica del padre in Sicilia. Solo che i due hanno giurato sulla Costituzione antifascista e rivendicano le loro radice fasciste. Già perché l’MSI era un partito fascista. Ma non...
Continua a leggere
  2937 Visite
  0 Commenti

Un flop il docufilm “Lotta Continua”: la solita narrazione

lotta-continua-film
Un flop il docufilm “Lotta Continua”: la solita narrazioneUna sala non piena, un pubblico freddo, poche domande al regista Tony Saccucci (tempi contingentati). L’anteprima del docufilm Lotta Continua al Torino Film Festival non ha avuto l’accoglienza sperata dalla produzione. E nemmeno meritata a detta di chi era presente.Noi l’abbiamo visionato nella sua versione lunga, quattro episodi su Rai Play, per averne un’idea precisa ma la delusione è stata inevitabile. Abbiamo visto una sequenza dei soliti personaggi: ex leader, un paio di femministe, un outsider impresentabile come Mughini scelto “per dare una visuale esterna” ma in realtà presenza quasi provocatoria nella sua...
Continua a leggere
Tag:
  3952 Visite
  0 Commenti

Cinquant'anni fa l'assassinio di Mario Lupo: un giovane partigiano degli anni Settanta

barricate-parma-oltrettorrent_20180922-221031_1
 Sono passati 50 anni da quella sera del 25 agosto 1972 in cui una squadra di neofascisti aggredì a Parma due compagni, ferendone gravemente uno e colpendo a morte Mario Lupo, militante di Lotta Continua.Quest’omicidio va collocato dentro un contesto generale segnato dalla presenza di robusti movimenti nelle fabbriche, nelle scuole, nel sociale, che reclamano radicali cambiamenti sociali e politici. Questa domanda di trasformazione che si scontra con una forte azione repressiva portata avanti dai diversi corpi del comando capitalista con l’appoggio delle squadre neofasciste del Movimento Sociale Italiano attorno cui ruota una galassia di gruppetti di picchiatori e bombaroli nazifascisti.L’obiettivo...
Continua a leggere
Tag:
  2222 Visite
  0 Commenti

Dove inizia la discesa lungo un piano inclinato dei salari italiani? Governo Craxi e referendum sulla scala mobile

scala-mobile

DOVE INIZIA LA DISCESA LUNGO UN PIANO INCLINATO DEI SALARI IN ITALIA? GOVERNO CRAXI E REFERENDUM SULLA SCALA MOBILE.Da poco l’Ocse ha certificato il calo dei salari italiani del 3% dal 1990 al 2020 al netto dell’inflazione, mentre in tutti gli altri paesi dell’Unione Europea sono aumentati, in Francia del 31%, in Germania del 34%. In questi giorni di chiamata dei cittadini a votare 5 referendum il pensiero non può non andare al referendum della scala mobile del giugno 1985.I fatti. Il 14 febbraio 1984 il governo presieduto da Bettino Craxi vara un decreto (Il decreto di San Valentino) che, tra...
Continua a leggere
  3350 Visite
  0 Commenti

Guido Picelli, La Mia Divisa, Scritti e discorsi politici a cura di William Gambetta

picellii-b
 Guido Picelli, La Mia Divisa, Scritti e discorsi politicia cura di William GambettaGhezzano, Bfs, 2021, pp. 158, € 16.00Si appresta il centenario delle Barricate di Parma, l’episodio più celebre di vittoriosa contrapposizione all’avanzata del movimento fascista prima della Marcia su Roma, e questa pubblicazione, editata dalla Biblioteca Franco Serantini, ne è senza dubbio il più significativo viatico. Lo è perché di Guido Picelli, il più noto Ardito del popolo, almeno prima che fosse recuperata a pieno la figura di Argo Secondari, abbiamo l’immagine, la percezione della statura morale ed umana ma un vero e proprio strumento che ne raccogliesse esaustivamente ed...
Continua a leggere
Tag:
  2773 Visite
  0 Commenti

Tonino Miccichè: la memoria per il presente

tonino
Quarantasette anni fa, nel quartiere della Falchera, a Nord di Torino, nel corso della più grande occupazione di case della Città, veniva assassinato Tonino Miccichè da una guardia giurata iscritta alla Cisnal, il sindacato fascista del tempo.RicordareTonino non è un’operazione “memorialista”. Vogliamo richiamare la memoria di un compagno che, nella sua breve vita, ha sintetizzato un percorso di lotte proletarie condotte in attacco fra la fine degli anni Sessanta e la prima metà degli anni Settanta. Per LOTTA CONTINUA Tonino personifica uno dei passaggi più intelligenti della sua pratica politica: l’elaborazione e la messa in atto del programma “Prendiamoci la città”.Tonino,...
Continua a leggere
  3566 Visite
  0 Commenti

Sono passati 45 anni dall’assassinio del compagno Francesco. La nostra rabbia è sempre la stessa. La lotta continua!

francesco
Francesco Lorusso, un compagno, un militante di Lotta Continua muore a Bologna 45 anni fa, colpito alla schiena da un appartenente alle forze della repressione. E' sempre nei nostri ricordi.                                                                                                         (da un documento del 77)Alle 10, assemblea di Comunione e Liberazione: circa 400 persone. Cinque compagni di Medicina, presentatisi all'entrata, vengono malmenati e scaraventati fuori dall'aula. La notizia si sparge nell'università e accorrono una trentina di compagni che vengono dapprima fronteggiati da un centinaio di squadristi ciellini. L'aggressione da parte dei cosiddetti "autonomi" consiste nel lancio di slogan e scambi verbali (ad esempio: "Barabba libero", "Seveso, Seveso"). Scatta la provocazione...
Continua a leggere
  2672 Visite
  0 Commenti

Carlos Marighella, il comunista: perché la sua lotta è presente, oggi, domani e sempre

marighella-foto-b
Carlos Marighella, il comunista: perché la sua lotta è presente, oggi, domani e sempreLo storico dice "Ha amato con tutta l'intensità possibile, la vita, le donne, gli amici e l'umanità lavorativa"Luciano Mendonca de LimaBrasile infatti | João Pessoa (PB) |7 novembre 2021La storia ci insegna che coloro che hanno scelto e/o sono stati costretti a combattere il capitalismo , dalla sua genesi, tra il XVI e il XVIII secolo, fino ai giorni nostri, non hanno mai avuto e non avranno vita facile finché questo ordine sociale persiste.Scartare, la classe dirigente (proprietaria dei mezzi materiali e immateriali di produzione e riproduzione della...
Continua a leggere
  4102 Visite
  0 Commenti

Franco Dominici, Giulietto Betti 1921, La Strage fascista di Roccastrada

recB
Franco Dominici, Giulietto Betti1921, La Strage fascista di Roccastrada  Pitigliano, Le Strade bianche di stampa alternativa, 2021, pp. 87, almeno € 5. Recensione di Silvio AntoniniNell’affrontare lo stragismo legato al periodo fascista si fa automaticamente riferimento al suo tragico epilogo, vale a dire ai 18 mesi del 1943-43, alle stragi perpetrate dall’occupante nazista in collaborazione con il fascismo locale. In realtà, il ricorso allo strumento stragista contro la popolazione civile, contro cittadini inermi, è già del tutto riscontrabile nello spirito fascista degli esordi, durante quella “guerra civile dimenticata” collocata tra il 1919 ed il 1925.In questo frangente, i seguaci, più o meno...
Continua a leggere
  2740 Visite
  0 Commenti

Lotta Continua a Cosenza nei ricordi di un militante. Di Francesco Cirillo

Gasp-il-sud

Esce il libro di Giovanni Iera che racconta gli anni di lotta a CosenzaDi Francesco CirilloBisogna prima parlare di queste due piccole casa editrice, edizioni Erranti e Coessenza, che convivono in una piccola sede a Cosenza nel centro storico, entrambe dirette da un gruppo di volenterosi che credono nella piccola editoria e soprattutto in quegli scrittori che le scelgono, pur consapevoli di restare fuori dai grandi circuiti commerciali, ma di rendere un enorme servizio alla memoria e alla conoscenza della vera storia, quella nasce dal basso. Sarà difficile vedere gli autori invitati nei talk show nazionali, dove vengono invece circuitati i...
Continua a leggere
Tag:
  2908 Visite
  0 Commenti

52 anni fa iniziava la storia di Lotta Continua.

lotta-continua--1-novembre-69-b
Il 1° novembre del 1969, nel mezzo dei conflitti dell’autunno caldo esce il primo numero di Lotta Continua, si tratta di un numero unico. Non si può affermare che questa sia la data di “fondazione” dell’Organizzazione rivoluzionaria, non c’è stato insomma un congresso di fondazione, come spesso si è verificato in altre esperienze del movimento comunista e rivoluzionario. Né si può ignorare che non ci sia stato nulla in precedenza. I compagni e le compagne che si riconoscono nel periodico hanno vissuto in prima persona l’esperienza del Movimento Studentesco del 68, alcuni sono stati attivi nelle formazioni giovanili dei Partiti della...
Continua a leggere
  3131 Visite
  0 Commenti

Mimmo Franzinelli, Alessandro Giacone, "1960, L’Italia sull’orlo della guerra civile" di Silvio Antonini

1960-b
Mimmo Franzinelli, Alessandro Giacone, 1960, L’Italia sull’orlo della guerra civile Milano, Mondadori, 2020, pp. 294, € 22.00. Una colonna di fumo che si alza da una camionetta della Celere, aste e pietre sul pavimento, folla in agitazione. Questa è l’immagine che immediatamente la mente associa a Tambroni, cioè lo scenario dei disordini a Genova, contro il VI Congresso nazionale dell’Msi. Più difficile è aver nitida la fisionomia di colui che, principalmente a causa di questi disordini, vide l’eclissi delle proprie fortune politiche.Qui viene in soccorso questa monografia, corposa, articolata ed avvincente alla lettura, ad opera di quattro, autorevoli, mani. Quel luglio 1960 viene,...
Continua a leggere
  3418 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema