Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

I vortici elettrizzanti di Ennio Calabria

catania-foto
I VORTICI ELETTRIZZANTI DI ENNIO CALABRIA Scrivere di Ennio Calabria è un privilegio. Mi è capitato altre volte ma oggi lo voglio fare in modo diverso. Vorrei trasmettere, cioè, non un’idea o un insieme di idee su di lui e sulla sua ricerca pittorica ma piuttosto il senso fisico di una necessità: come mangiare, bere, respirare. Parlo della necessità, anzi dell’urgenza di non perdere la grande retrospettiva ottimamente curata da Gabriele Simongini e allestita, come meglio non si poteva, con il contributo prezioso di Rita Pedonesi, che, fino al 12 gennaio, sarà visitabile al Museo di Palazzo Cipolla di Via...
Continua a leggere
Tag:
  131 Visite
  0 Commenti

Le parole rubate. Contro-dizionario per la sinistra

parole-rubate
di Roberto Gramiccia e Simone Oggionni Prefazione di Alberto Olivetti Mimesis edizioni, 2018   Chiarire le nozioni, screditare le parole intrinsecamente vuote, definire l’uso delle altre attraverso analisi precise, ecco un lavoro che potrebbe preservare delle vite umane. (S. Weil, 1937)  All’inizio del nuovo secolo, nel corso del video-documentario “In viaggio con Vittorio Foa”, a cura di Paolo Medioli, l’ormai anziano ex azionista poneva la questione nascente dell’“irrilevanza della parola”: di una parola, cioè, destituita da qualsivoglia univocità e conseguente obbligo di osservanza. Una parola “liquida”, diremmo oggi, che non designa più i confini stessi della “cosa” rendendosi intercambiabile ad...
Continua a leggere
  308 Visite
  0 Commenti

La banalità del male

mimmo-b
Non mi fa orrore il sindaco di Lodi che separa i bambini bianchi dai bambini "stranieri" (ammesso che un bambino possa mai essere considerato uno straniero), che li esclude dalla mensa dei bianchi e che li costringe a fare ogni mattina 6 chilometri a piedi perché l'autobus è loro precluso. Non mi fa orrore l'arresto del sindaco di Riace colpevole di un matrimonio messo in piedi per impedire a una persona di essere mandata via dal Paese. Non mi fa orrore la circolare del Viminale che deporta un intero paesino ricostruito da zero dai migranti, dove nessuno faceva del male...
Continua a leggere
  1031 Visite
  0 Commenti

I bagliori del crepuscolo, autunno 1980.

1-giovanni-f
ASSEMBLEA AL CINEMA SMERALDO. TORINO 15 OTTOBRE 1980 (…) Infine prende la parola Giovanni Falcone. Il suo discorso è un lucido testamento politico collettivo, filtrato dal linguaggio caldo, diretto, dell’autobiografia: “Un compagno, poche sere fa – racconta a un uditorio fattosi d’improvviso muto – mi diceva: ‘è un fatto storico. Un altro compagno come noi aveva parlato nel 69, stavolta parli tu, e si chiude un’epoca. Allora si apriva, ora si chiude’. Mi lascia l’amaro in bocca questo. Perché per me dodici anni di lotta non sono stati semplicemente dodici anni di lotta così, ma è stata una lunga esperienza...
Continua a leggere
  519 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema