Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

Verso il 25 Aprile tra fake news e memoria manipolata

partigia
Ripetere una bugia all'infinito finisce con il trasformarla in verità, non siamo noi a dirlo ma il ministro della propaganda nazista, J. Goebbels, un antesignano delle notizie spazzature che alimentano falsità amplificate a tal punto da sembrare luoghi comuni, indissolubili principi, verità assolute che si appropriano della nostra mente. Immettere nel circuito dei social false notizie, costruire una sapiente regia nella manipolazione dei motori di ricerca diventa un lavoro, impegno quotidiano per chi vuole manipolare le coscienze collettive, creare un clima favorevole, un humus su cui potranno attecchire teorie e pratiche dedite alla intolleranza e all'odio. In questi giorni scopriamo l'esistenza...
Continua a leggere
  593 Visite
  0 Commenti

Note a margine di un fine settimana antifascista e ambientalista.

clima
Cinquemila persone in piazza a Prato per opporsi alla commemorazione della nascita del fascismo da parte di Forza Nuova, centomila in marcia Roma per dire no alle grandi opere e alla devastazione dei territori: un fine settimana del genere mancava da lungo tempo! E non dobbiamo dimenticare lo “sciopero del clima” organizzato dagli studenti medi il venerdì precedente, che ha riempito le piazze di tutta Italia di giovanissimi alle prese con le prime manifestazioni. Ad un primo sguardo, l’inizio di questa primavera sembra aver portato una ventata di attivismo e militanza inaspettati, dopo un autunno e un inverno tra i più...
Continua a leggere
  314 Visite
  0 Commenti

Gli scioperi del 1 marzo 1944: una lotta operaia che ha segnato la storia d'Italia

scioperi-44
 Come sempre ricordiamo gli scioperi operai del 1 marzo 1944. Scioperi rivolti contro l’invasore nazifascista. Scioperi che segnarono un punto di svolta nella Resistenza dimostrandone il radicamento nei settori decisivi della classe operaia delle grandi fabbriche. Da ricordare ancora, in questo giorno così importante per la nostra memoria storica, l’efferatezza che reca sempre con sé la guerra. Gli scioperi del 1 marzo 1944 furono prima di tutto un atto di “fierezza operaia” anche se furono soprattutto il frutto di una meticolosa organizzazione politica.   Quella giornata va tenuta ancora come esempio di sacrificio e di dedizione alla causa comune della pace...
Continua a leggere
  326 Visite
  0 Commenti

Von Banditen erschossen (su Mattarella e le foibe)

violantefini-770x470
di Sergio Bologna Come cittadino, come storico del nazismo e soprattutto come triestino sono rimasto sconcertato, amareggiato e disgustato dalle dichiarazioni del Presidente Mattarella sulla questione delle foibe. Avevo otto anni quando i partigiani di Tito, il 1 maggio del 1945, proprio sotto casa mia fermarono la loro avanzata per non esporsi al tiro della guarnigione tedesca, asseragliata nel Castello di San Giusto. Erano scesi dall’altipiano del Carso in due colonne, una si era diretta all’edificio del Tribunale dove i tedeschi avevano installato il Comando e l’altra al Castello di San Giusto, dove il vescovo Santin svolgeva il ruolo di mediatore...
Continua a leggere
  492 Visite
  0 Commenti

Sono una militante antifascista dai tempi delle scuole medie...

partigia
Sono una militante antifascista dai tempi delle scuole medie (all’epoca ci si politicizzava presto erano gli anni in cui i fascisti mettevano le bombe nelle piazze e sui treni, nelle banche e, a Trieste, persino nelle scuole elementari della minoranza slovena - e qui fortunatamente senza vittime). Ho sempre visto la Resistenza ed i militanti di essa come dei modelli cui tendere, per il coraggio e la forza che avevano dimostrato schierandosi dalla parte “sbagliata” per chi stava loro intorno ma “giusta” in senso assoluto. Uno dei primi libri a segnare la mia crescita politica nell’adolescenza è stato “Senza tregua” di...
Continua a leggere
  775 Visite
  0 Commenti

L'estrema destra: un fenomeno globale

estrema
di Michael Lowy* Negli anni recenti, l'estrema destra reazionaria, autoritaria e/o fascista è cresciuta in tutto il mondo: già ne governa metà dei paesi. Tra gli esempi più noti troviamo: Trump (Stati Uniti), Modi (India), Orbán (Ungheria), Erdogan (Turchia), Daesh (Stato Islamico), Salvini (Italia), Duterte (Filippine), e ora Bolsonaro (Brasile). E in diversi altri paesi ci sono governi vicini a questa tendenza, anche se non vengono identificati alla stessa maniera: Russia (Putin), Israele (Netanyahu), Giappone (Shinzō Abe), Austria, Polonia, Burma, Colombia e così via. Di fatto, la distinzione tra questi due gruppi è assolutamente relativa. “Post-fascismo”, non “populismo” In ogni paese,...
Continua a leggere
  990 Visite
  0 Commenti

Buon 2019 a chi confligge con il Capitale!

prendiamoci-la-cit
L'anno che verrà è ricco di incognite e ogni mattina, al nostro risveglio, siamo assaliti da rabbia e rassegnazione. Per noi il nuovo giorno non è un Capodanno in attesa del socialismo nel quale in pochi ormai credono. Quel socialismo fatto di retorica e ideologia, ma incapace di cambiare lo stato delle cose presenti non ci è mai piaciuto. L'ideologia consolatoria non serve alla classe. Da anni ci siamo fermati, postiamo sui social network immagini di un tempo per sopperire alla odierna impotenza. Nel 2019 vogliamo tornare a fare i conti con noi stessi, con i nostri errori e difetti, ma...
Continua a leggere
  632 Visite
  0 Commenti

Casa Pound a Pontedera: i fascisti del nuovo millennio sbarcano in Valdera

antifascismo
Abbiamo chiesto a Federico e Ludovico della redazione pisana di Lotta Continua di parlarci della manifestazione di Sabato 15 Dicembre contro l'apertura della sede di Casa Pound Come possiamo spiegare il tentativo neofascista di insediarsi a Pontedera? Pontedera è un 'area fertile, basti pensare che da oltre 10 anni opera anche Forza Nuova, certo con scarsi successi e proseliti, ma una presenza preoccupante se pensiamo ai contenuti e alle pratiche di cui sono portatori. Uno degli obiettivi di Fn è stato don Armando Zappolini, un prete di frontiera attivo nella solidarietà ai migranti ma anche agli operai in lotta colpiti dalla...
Continua a leggere
  689 Visite
  0 Commenti

È credibile essere antifascisti e difensori della Costituzione avendo votato il pareggio di Bilancio in Costituzione?

macera004a
Piazza Cavour nel centro di Pontedera, città delle due ruote, piena di antifascisti. In molti (oltre 300) hanno accolto l'invito di Anpi e Arci per manifestare contro l'apertura della sede di Casapound nel quartiere della stazione. Un presidio preceduto dall'appello, a cui ha aderito fin dall'inizio la Cgil provinciale presente con militanti e bandiere ( insieme a Rifondazione, Potere al Popolo, Partito comunista e anarchici). In piazza anche alcuni sindaci della provincia di Pisa in quota Pd, un insieme di forze spesso distanti tra di loro ma per una giornata unite su invito dell'Anpi per respingere ogni tentativo di rinascita del...
Continua a leggere
  389 Visite
  0 Commenti

Brasile 2018: Gli dei rendono pazzi coloro che vogliono perdere

brasile
BRASILE 2018: Gli dei rendono pazzi coloro che vogliono perdere di Rodrigo Rivas Tristeza não tem fim “A felicidade do pobre parece a grande ilusão do carnaval. A gente trabalha o ano inteiro por um momento de sonho pra fazer a fantasia de rei ou de pirata ou jardineira pra tudo se acabar na quarta-feira. Tristeza não tem fin Felicidade, sim…” [1]   Dal momento che le parole sono pietre, conviene sempre misurarle. Da queste parti ultimamente si parla spesso di fascismo, penso spesso a sproposito, almeno per ora. Di fascisti in giro ce ne molti. Si riconoscono dal piacere che...
Continua a leggere
  691 Visite
  0 Commenti

Quella sera a Milano era caldo…

aaaapinell_20180922-222113_1
Pasquale Valitutti, Lello, è un testimone “fantasma”, lo è da 45 anni. Lello è l’unico testimone non appartenente all’Ufficio Politico, non appartenente a nessuna forza di polizia, presente nel piano della Questura milanese da cui venne “suicidato” Pinelli, Pino. Da 45 anni Lello continua a ribadire con fermezza la sua verità perché “la verità non ha una sua variabilità”. Prima del 15 dicembre 1969, non conoscevamo Pinelli. Poi diventò uno di noi, per noi diventò la “Vittima” di quella “strategia della tensione” che fu agita dalle classi dominanti contro le nostre lotte e le nostre speranze. Riportiamo una parte di una...
Continua a leggere
  2421 Visite
  0 Commenti

Tonino Miccichè: la memoria del presente

f20b_20180922-221209_1
Trentotto anni fa, nel quartiere della Falchera, a Nord di Torino, nel corso della più grande occupazione di case della Città, veniva assassinato Tonino Miccichè da una guardia giurata iscritta alla Cisnal, il sindacato fascista del tempo. Da tre anni ricordiamo Tonino; la nostra non è un’operazione “memorialista”. Vogliamo richiamare la memoria di un compagno che, nella sua breve vita, ha sintetizzato un percorso di lotte proletarie condotte in attacco fra la fine degli anni Sessanta e la prima metà degli anni Settanta. Per LOTTA CONTINUA Tonino personifica uno dei passaggi più intelligenti della sua pratica politica: l’elaborazione e la messa...
Continua a leggere
  4749 Visite
  0 Commenti

Trentanove anni fa l’assassinio di Mario Lupo: un giovane partigiano degli anni settanta

barricate-parma-oltrettorrent_20180922-221031_1
Sono passati 39 anni da quella sera del 25 agosto 1972 in cui una squadra di neofascisti aggredì a Parma due compagni, ferendone gravemente uno e colpendo a morte Mario Lupo, militante di Lotta Continua. Quest’omicidio va collocato dentro un contesto generale segnato dalla presenza di robusti movimenti nelle fabbriche, nelle scuole, nel sociale, che reclamano radicali cambiamenti sociali e politici. Questa domanda di trasformazione che si scontra con una forte azione repressiva portata avanti dai diversi corpi del comando capitalista con l’appoggio delle squadre neofasciste del Movimento Sociale Italiano attorno cui ruota una galassia di gruppetti di picchiatori e bombaroli...
Continua a leggere
  1525 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema