Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

I rider? Per i padroni non sono obbligati a lavorare. Allora di cosa vivono?

I rider? Per i padroni non sono obbligati a lavorare. Allora di cosa vivono?
Stanno uscendo varie letture della sentenza sul caso Foodora ma tra tutte ve ne è una veramente singolare per la quale i rider non sarebbero lavoratori subordinati perché nessuno li obbliga a fare le consegne. Allora di cosa dovrebbero vivere senza effettuare consegne? Non è la prima volta che accade, anni fa ci fu una vertenza analoga per i pony express, per i padroni è una libera scelta  quella dei rider, non importa la soggezione economica alla impresa o il fatto che ci sia una piattaforma digitale che svolge la funzione padronale, nulla giustificherebbe la natura subordinata del rapporto di lavoro. Chi...
Continua a leggere
  543 Visite
  0 Commenti

Licenziare per i profitti? È possibile e "lecito"

Licenziare per i profitti? È possibile e "lecito"
Ne avevamo parlato mesi fa, il licenziamento può avvenire anche solo adducendo la motivazione che l'azienda vuole accrescere i profitti. Ci sembra un’autentica beffa ammettere che il giustificato motivo oggettivo può esserci non solo la riorganizzazione aziendale ma anche al superamento di congiunture di mercato sfavorevoli. Fino ad oggi il licenziamento poteva avvenire in presenza di  crisi d’impresa, oggi invece si potrà licenziare per garantire la «migliore efficienza gestionale o produttiva», o per l' «incremento della redditività d’impresa». Ormai non solo i diritti ma la nostra fonte di sopravvivenza, il lavoro, diventa una variabile dipendente dai profitti di impresa,  non sappiamo...
Continua a leggere
  1281 Visite
  0 Commenti

Mi riconosci? Sono un professionista dei beni culturali (Pisa)

Mi riconosci? Sono un professionista dei beni culturali (Pisa)
Si è tenuta a Pisa nel weekend di fine Aprile, la seconda assemblea nazionale della campagna “ Mi Riconosci? Sono un professionista dei beni culturali” . L'assemblea è stata ospitata nei locali del Polo F presso il Dipartimento di Ingegneria a Pisa, un luogo non casuale perché gran parte dei professionisti dei beni culturali arrivano dal mondo universitario. Una giornata particolarmente intensa, discussioni serrate alla presenza di una cinquantina di "professionisti", tra uomini e donne, addetti ai lavori e non, per discutere collettivamente della situazione dei temi che riguardano (e affliggono) il settore dei beni culturali in Italia. La giornata ha...
Continua a leggere
  538 Visite
  0 Commenti

Di quale occupazione stiamo parlando?

Di quale occupazione stiamo parlando?
Se i dati statistici fossero inappuntabili non sarebbero considerati come lavoratori occupati chi per pochi giorni l'anno presta una qualche attività lavorativa.  Se guardate i siti vi accorgerete di sapere tutto sul trattamento dei dati, sulla riservatezza, ma ben poco sul metodo di ricerca e di raccolta dati, occupato è colui che nella settimana antecedente alla rilevazione risulta avere lavorato almeno una ora. Basta ciò per capire che ogni rilevazione attesterà un numero di occupati decisamente maggiore di quanti siano realmente a lavoro. Ma quanti sono gli occupati che possono vantare un contratto a tempo indeterminato? E quanti coloro che hanno...
Continua a leggere
  459 Visite
  0 Commenti

Primo maggio di festa o di lotta?

Primo maggio di festa o di lotta? - Lotta Continua
Di ragioni per cui festeggiare ne abbiamo ben poche, numerosi invece sono i motivi per indignarsi e lottare. Ma di lotte in giro ne vediamo ben poche, istanze frammentate e scollegate tra di loro, vertenze aziendali legate alla chiusura della produzione, presidi e picchetti contro i licenziamenti. Mentre scriviamo apprendiamo del licenziamento di due delegati nella Sda appartenenti al Sindacato Generale di Base. Anche quest' anno non mancheranno manifestazioni del 1° Maggio, a Bologna, a Roma, a Milano, a Taranto dove all'Ilva è stata sospesa la trattativa per la volontà della nuova società di ridurre salari e organici aziendali. Ma tutte queste manifestazioni...
Continua a leggere
  613 Visite
  0 Commenti

Nuovo attacco al diritto di sciopero: c’è chi dice no!

Nuovo attacco al diritto di sciopero: c’è chi dice no! - Lotta Continua
Il prossimo esecutivo è sempre più convinto di inserire tra le priorità l'ennesima regolamentazione del diritto di sciopero e a prescindere da chi effettivamente governerà il paese siamo certi che i lavoratori saranno sotto assedio. Nei servizi pubblici essenziali l’indizione di uno sciopero  che non preveda l’osservanza di preavviso darà adito al Prefetto di emanare l'ordinanza di precettazione imponendo così ai lavoratori in sciopero l'obbligo di lavorare e non solo in alcune fasce orarie ma in tutti i turni previsti. L'ordinanza prefettizia potrà avvenire anche senza avere espletato la procedura di raffreddamento come prevede la 146\90. Il Consiglio di Stato, con la...
Continua a leggere
  624 Visite
  0 Commenti

Coniugare vita e lavoro? Non come vorrebbero i padroni

Coniugare vita e lavoro? Non come vorrebbero i padroni
Da mesi va avanti la campagna dei padroni mirante a convincerci che lo scambio tra salario e welfare converrebbe ai lavoratori e alle lavoratrici. Ma quello di cui noi abbiamo bisogno è ben altro, ossia salari adeguati al costo della vita, reddito e un welfare universale capace di erogare servizi reali. Il ritornello ricorrente è quello che vorrebbe convincerci che si spende troppo per le pensioni, eppure le pensioni del futuro sono da fame e probabilmente molti e molte non arriveranno neppure a fine mese. Si spende tanto in previdenza ma si spende sempre meno per il welfare, si vuole far passare...
Continua a leggere
  560 Visite
  0 Commenti

Rei, lavoro o salario minimo?

Rei, lavoro o salario minimo?
Hanno ragione quanti scrivono e dicono che a prescindere dalla composizione del prossimo governo, è scontato il rafforzamento del Reddito di inclusione (Rei) come misura atta a contrastare la dilagante e crescente miseria. La forbice si va allargando, parliamo delle differenze tra quanti detengono una ricchezza in aumento e chi invece ha sempre maggiore difficoltà ad arrivare in fondo al mese.  Il Rei ha sostituito il vecchio Sostegno per l’inclusione attiva (Sia) ma le cose non sono cambiate e i soldi continuano a mancare solo per garantire un reddito (o un sussidio?!) ai circa 4.7 milioni di uomini e donne che...
Continua a leggere
  393 Visite
  0 Commenti

Vertenza Foodora: tra riders e tentativi di normalizzazione

Vertenza Foodora - Lotta Continua
Siamo in attesa di conoscere gli esiti della prima assemblea nazionale tenutasi a Bologna lo scorso fine settimana ma anche di leggere la sentenza con la quale il Tribunale di Torino ha respinto il ricorso di sei rider licenziati dopo uno sciopero del 2016. Sicuramente questa sentenza sfavorevole farà giurisprudenza e se un lavoro improntato al massimo sfruttamento viene giudicato legittimo, lo sfruttamento non potrà che rafforzarsi ed estendersi. Un fatto di grande importanza la nascita di un coordinamento nazionale ma già si stanno avvicinando interessati osservatori nell'ottica di non contestare la natura delle piattaforme. Dopo la sentenza di Torino, che...
Continua a leggere
  498 Visite
  0 Commenti

Destabilizzazione, un'arte americana

Destabilizzazione, un'arte americana
Il Medio Oriente, ormai da decenni terra in perenne conflitto a causa delle molteplici linee di frattura intere (in primis quelle religiose) e degli interessi geopolitici internazionali, sta diventando dal 2015 ulteriore terreno di scontro fra l'espansionismo della Nato e dei suoi alleati medio orientali (Israele e le Petromonarchie del Golfo) e le aspirazioni della Russia di Putin di riacquisire lo status perduto di superpotenza mondiale, tramite la difesa del suo ultimo alleato nella regione: la Siria di Assad. All'interno di questo scontro che sta gradualmente estendendo il suo raggio d'azione (dall'Europa dell'Est al Medio Oriente, dall'Estremo Oriente all'America Latina) risulta...
Continua a leggere
  628 Visite
  0 Commenti

Negozi aperti per Pasqua e Natale: boicottare per costruire un nuovo modello contrattuale e di consumo

Negozi aperti per Pasqua e Natale
E' doveroso solidarizzare con chi sciopera in occasione delle aperture dei negozi\centri commerciali (Natale,1 Maggio, Pasqua e Pasquetta, 25 aprile o Ferragosto) non dimenticando tuttavia che i contratti nazionali siglati da cgil cisl uil hanno spianato la strada a rendere obbligatorio , o quasi, il lavoro in ogni giorno dell'anno. Chi oggi, a ragione, sciopera, non sempre ha memoria dei danni recati ai lavoratori da contratti e accordi che prima hanno avallato l'apertura con personale volontario lasciando alla grande distribuzione  campo libero nel pretendere le prestazioni lavorative in questi giorni. Ci auguriamo che le forze politiche che hanno criticato le aperture...
Continua a leggere
  660 Visite
  0 Commenti

La flat tax? Un'imposta di classe

La flat tax? Un'imposta di classe - Lotta Continua
Cosa è l'Irpef? Una tassa sulle persone fisiche in base al loro reddito. In campagna elettorale, la Lega e il centrodestra ha proposto la flat tax, una tassa unica del 15% con deduzione fissa da 3mila euro per componente della famiglia. Dal ministero delle Finanze arrivano alcuni dati secondo i quali la flat tax determinerebbe per lo Stato ben 56,6 miliardi in meno rispetto ad oggi con una tassazione progressiva , a scaglioni, in base ai redditi. Forse questi dati indurranno a rivedere qualche idea in materia di tassazione, resta ineludibile una questione di fondo: con la riduzione delle entrate saranno...
Continua a leggere
  618 Visite
  0 Commenti

La missione italiana in Niger si insabbia prima di partire

Missione militare italiana in Niger - Lotta Continua
Avevamo già denunciato a fine anno attraverso queste pagine (http://www.lotta-continua.it/index.php?option=com_easyblog&view=entry&id=124&Itemid=101) i rischi della missione militare italiana in Niger individuandone le non indifferenti criticità. Provammo ad entrare nel merito dell'intervento stesso, apparso sin dall'inizio agli analisti di questioni militari incongruente rispetto al fine di bloccare i flussi migratori a sud del confine libico ma, ne evidenziammo anche l'inadeguato iter legislativo, in quanto approvata dal governo il 27 dicembre a poche ore dal decreto presidenziale di scioglimento del parlamento e convertita in legge con ampia maggioranza bipartisan alla Camera (ormai sciolta) il 17 gennaio. Una missione che dovrebbe portare in Niger 140 soldati...
Continua a leggere
  726 Visite
  0 Commenti

Dossier “Il Diritto di boicottare Israele - Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni: un legittimo movimento per i diritti umani”

Il Diritto di boicottare Israele - Lotta Continua
Pubblichiamo il dossier “ Il Diritto di boicottare Israele - Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni: un legittimo movimento per i diritti umani ”, a cura di BDS Italia con il sostegno di AssoPace Palestina, Centro Studi Sereno Regis, Pax Christi Italia, Rete Ebrei Contro l’occupazione, Servizio Civile Internazionale Italia e Un ponte per… Lo scopo del documento è di chiarire le ragioni e gli obiettivi del movimento globale nonviolento per il BDS , che si propone di esercitare pressione su Israele fino a quando non rispetterà il diritto internazionale e i diritti umani del popolo palestinese. Il dossier è corredato da una...
Continua a leggere
  573 Visite
  0 Commenti

Fiat-Chrysler Italia 2018: fine corsa?

Fiat-Chrysler Italia 2018: fine corsa?
Il 1° giugno di quest’anno l’AD Marchionne presenterà all’Investitor Day di FCA il decimo piano industriale quadriennale (2018-2022), forse l’ultimo del manager italo-canadese. Quale bilancio possiamo trarre del nono piano (2014-18)? Cosa è stato realizzato di quanto previsto 4 anni fa dal cotanto celebrato e pagato dirigente FCA? Non considerando i marchi statunitensi e i veicoli commerciali, il precedente piano industriale prevedeva 27 novità. Di queste ne sono state realizzate 12, mancano all’appello 15 nuovi modelli. Sono cifre impietose che ci rimandano un bilancio fallimentare che non ha scusanti. Qual è la situazione dei lavoratori FCA degli stabilimenti italiani? Ad oggi...
Continua a leggere
  561 Visite
  0 Commenti

La mia africa: la missione italiana in Niger

La mia africa: la missione italiana in Niger
Il Parlamento italiano a poche ore dal preannunciato Decreto Presidenziale di scioglimento delle Camere, lo stesso il cui Senato lo scorso 23 dicembre ha affossato definitivamente la tanto attesa legge sullo Ius Soli Temperato per mancanza del numero legale, approverà la richiesta del Governo Gentiloni relativa all'invio di una nuova Missione militare in Niger. Al di là delle soggettive riflessioni sulla funzione del Parlamento e del Governo di rispondere ai mutamenti sociali e alle richieste di diritti da parte di oltre 800.000 bambini e adolescenti "Italiani senza cittadinanza" cerchiamo di comprendere le motivazioni, il contesto geopolitico, i costi, i rischi e...
Continua a leggere
  1189 Visite
  0 Commenti

Narrazione della crisi e ottimismo indotto

Narrazione della crisi e ottimismo indotto
Le statistiche Istat arrivano con una tempistica singolare, in coincidenza con l'approvazione della Legge di stabilità in parlamento e diffondono ottimismo sulla ripresa economica e sulla fiducia di famiglie e imprese nel futuro, quindi un sostanziale plauso all'iniziativa  Governativa. Ottimismo indotto o derivante dalla crescita del 10% delle ordinazioni interne? A leggere bene gli stessi dati  (che prendiamo per buoni senza entrare nel merito dei metodi della ricerca) si capisce poi che la situazione in sostanza non cambia almeno nella seconda metà del 2018, con alcuni passi in avanti rispetto alla prima parte dell'anno che sta per finire ma con risultati...
Continua a leggere
  738 Visite
  0 Commenti

Produci, consuma... crepa: a proposito dell'apertura dei centri commerciali a Natale.

1-1-a-consumism_20180917-180549_1
E' civilità lavorare 365 giorni alll'anno? Pensiamo sia una sorta di schiavitu' piu' o meno occultata dalle luci delle vetrine . I negozi sono ormai aperti 365 giorni all'anno, gli orari dilatati, la pausa pranzo soppressa, ma queste innovazioni (si fa per dire ) non hanno prodotto posti di lavoro e contratti stabili ampliando invece la giungla della precarietà. Mentre ogni giorno vengono cancellati diritti individuali e tutele collettive (per dirne una hanno perfino inventato le ferie solidali cedute al collega malato per non corrispondere un trattamento dignitoso ai lavoratore alle prese con gravi problemi di salute) , si racconta la...
Continua a leggere
  775 Visite
  0 Commenti

Contratto del pubblico impiego: un bidone!

1-1-a-bidon_20180917-180440_1
«Un risultato storico. Un contratto che da più diritti e archivia la legge Brunetta». Sono le dichiarazioni della segretaria generale della Fp Cgil, Serena Sorrentino, e stridono con quanto scritto nella bozza di contratto e pubblicata sul sito del Sindacato generale di base nei giorni scorsi al contrario di Cgil Cisl Uil che quella bozza l'hanno tenuta nascosta senza mai discuterla con delegati Rsu e con i lavoratori e le lavoratrici delle funzioni centrali. Non è vero, al contrario, di quanto scrivono i sindacati firmatari, che il contratto archivia la Brunetta, anzi a leggere la bozza è vero piuttosto l'esatto contrario,...
Continua a leggere
  732 Visite
  0 Commenti

Italia 2016: aumentano la povertà e le disuguaglianze

sito-povert-e-disuguaglianza-itali_20180922-124644_1
Italia 2016: aumentano la povertà e le disuguaglianze nonostante cresca la ricchezza prodotta. La crisi economica iniziata nel 2007/08, la più grave registrata dal sistema capitalistico dopo quella del 29', ha provocato una lunga e accentuata recessione dalla quale gli stati sviluppati sono usciti in ordine sparso dopo il 2010, con gli Stati Uniti in testa grazie alle politiche di bilancio espansive attuate da Obama, caratterizzate da un forte intervento dello stato nell'economia. Nell'area dell'Euro, invece, il modello neoliberista associato alle politiche di austerity ha prodotto il duplice risultato di allungare i tempi di uscita della crisi e di aumentare sensibilmente...
Continua a leggere
  796 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema