Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

Stop ai progetti di morte. No alla base militare a Pisa e Pontedera!

coltano_nodica_receiver_site
La notizia dello spacchettamento di una nuova base militare, inizialmente prevista a Coltano, tra Pisa e Pontedera scuote la Toscana, a poco più di un anno della scoperta del progetto che era stato tenuto segreto dalle istituzioni nazionali, regionali e locali. Dopo le poteste e la nascita del movimento No Base, che il 2 giugno del 2022 aveva portato in strada diecimila persone per opporsi all’ennesima cementificazione del territorio per scopi militari, il piano per la base a Coltano, nel territorio del parco naturale di San Rossore, era stato accantonato in favore di un suo spezzettamento.È così che Governo, Regione, Provincia,...
Continua a leggere
  1591 Visite
  0 Commenti

Si risvegliano nel Tirreno cosentino le paure sulle navi dei veleni . Ma nessuna autorità interviene.

nave
Si risvegliano nel Tirreno cosentino le paure sulle navi dei veleni .  Ma nessuna autorità interviene.di Francesco CirilloE' rimasto nel mistero il passaggio della nave da carico tipo Ro-Ro che da Genova diretta a Misurata in Libia si è aggirata con fare sospetto fra Amantea e Cetraro. Lo stesso aveva già fatto qualche mese prima e nessuno delle autorità costituite al controllo delle imbarcazioni si è allarmata, Al ripetersi del passaggio di questa nave nonostante l'allarme lanciato dal consigliere regionale Ferdinando Laghi sollecitato da diversi ambientalisti ad intervenire nessuno è intervenuto e oramai dai controlli satellitari risulta che l'11 settembre sia...
Continua a leggere
Tag:
  1954 Visite
  0 Commenti

Keu, avvelenati dal profitto. I fanghi della vergogna fra il processo e l’attesa di una bonifica

pelli-3
Il 29 agosto si è tenuto al circolo Arci Il Botteghino (La Rotta, PI) un interessante incontro dal titolo “Keu: avvelenati dal profitto. I fanghi della vergogna fra il processo e l’attesa di una bonifica”[1]. È stata un’occasione di confronto importante e necessaria, a quasi due anni dallo scoppio dello scandalo[2] che ha travolto il settore conciario di Santa Croce sull’Arno (PI).È infatti dal 2021 che il Keu sta avvelenando i nostri territori, senza che vi sia nessuna certezza sulle modalità e sulle tempistiche di bonifica delle aree contaminate. Ad aprile una ricerca svolta dall’università di Pisa, in collaborazione con Arpat...
Continua a leggere
  2057 Visite
  0 Commenti

Le contraddizioni e il business della transizione ecologica

Transizione-ecologica-12-milioni
Le contraddizioni e il business della transizione ecologica  Una pericolosa semplificazione è rappresentata dalla presunta disputa tra fautori dell'ambiente sano e pulito in nome della transizione ecologica e la lobby degli inquinatori legati alle energie non rinnovabili. E molto pesano i certificati verdi richiesti dalle aziende attorno alle quali si muovono interessi finanziari e speculativi con titoli che scommettono sul prezzo dei metalli rari e hanno determinato in un anno il raddoppio dei prezzi. E con la impennata dei prezzi di alcuni metalli anche la riconversione diventa problematica, una situazione surreale che alimenta la spirale speculativa sull'interesse generale.E lo stesso discorso...
Continua a leggere
  1784 Visite
  0 Commenti

Cassandra Crossing...dove è finita la protezione idrogeologica?

alluvione
Cassandra Crossing...dove è finita la protezione idrogeologica?Cassandra CrossingNella distrazione di massa adottata come tecnica di repressione del pensiero critico, il biasimevole presidente del senato invita (e ricatta) gli attivisti di Ultima Generazione a spalare il fango romagnolo. Nel dramma collettivo in corso, il problema dunque sono loro e più in generale tutti quelli che si oppongono all'attuale stato di cose, creando scalpore o disagio per tentare di comunicare la gravità del punto di non ritorno climatico. Si può essere d'accordo oppure no sui metodi della protesta, ma è evidente che coloro che devono essere chiamati in causa non sono "i ribelli" bensì...
Continua a leggere
Tag:
  1930 Visite
  0 Commenti

Diminuzione del 53% delle riserve idriche in 30 anni: il capitalismo sta prosciugando il pianeta e le persone

siccit
Diminuzione del 53% delle riserve idriche in 30 anni: il capitalismo sta prosciugando il pianeta e le personeSecondo un nuovo studio pubblicato su Science, il 56% dei serbatoi di acqua dolce e il 53% dei laghi hanno perso volume in tre decenni. Una crisi che impatterà pesantemente sull'accesso all'acqua delle popolazioni dei paesi sotto dominazione, e che è il risultato di politiche consapevoli e distruttive per i profitti dei datori di lavoro.Seb Nanzhel e James Draust  23 maggio"Tendenze di essiccazione globali più ampie di quanto si pensasse"Il 56% dei serbatoi di acqua dolce e il 53% dei laghi hanno perso volume...
Continua a leggere
Tag:
  1804 Visite
  0 Commenti

La nostra solidarietà alle popolazioni colpite dall'alluvione

alluvione
Con i soldi del Ponte di Messina si combatterebbe il dissesto idrogeologico. La nostra solidarietà alle popolazioni colpite dall'alluvione  Le inondazioni in Emilia-Romagna hanno devastato i territori e prodotto incalcolabili danni economici, il bilancio delle vittime è elevato (una quindicina di morti), oltre 10mila gli sfollati, interi paesi sommersi da fiumi, torrenti. Ci vorranno mesi, forse anni, per tornare a una situazione "di normalità".Una alluvione devastante che non poteva essere prevista al contrario del dissesto idrogeologico che affligge il nostro paese ed è noto a tutte le amministrazioni locali e nazionali, quel dissesto per combattere il quale servirebbero i soldi destinati...
Continua a leggere
Tag:
  1617 Visite
  0 Commenti

La Germania si ritira dal nucleare. In Italia molti pensano sia la soluzione migliore.

centrale
 La Germania si ritira dal nucleare. In Italia molti pensano sia la soluzione migliore. Paesi un tempo nuclearisti hanno cambiato idea e altre nazioni, nelle quali la stragrande maggioranza della popolazione era contraria, stanno indirizzandosi verso questa energia.In Italia il nucleare non è mai arrivato nel senso che la cittadinanza, specie dopo il disastro di Chernobyl nel 1987, si è sempre dichiarata contraria e per non contrariare l'opinione pubblica i vari governi hanno deciso di soprassedere.Anche a sinistra esisteva una sorta di lobby nucleare che oggi riprende corpo nel nome del nucleare pulito e di ultima generazione. Non mancano ambientalisti favorevoli al...
Continua a leggere
  1770 Visite
  0 Commenti

Corrispondenze dai conflitti sociali N. 1

Movilizacion-ciudadana
Diamo avvio ad una sezione che abbiamo titolato “Corrispondenze dai conflitti sociali”. Vi sollecitiamo ad inviarci notizie di lotte sul lavoro, dai territori extraurbani, dalle metropoli. Comunicati possibilmente brevi, convocazioni di assemblee, presidi, scioperi che nascono nel corpo di una società, che dentro il dominio del capitalismo, non crediamo sia pacificata. Come si dice in questi casi, diamo voce a quanto si genera dal basso, dal mondo che non ha voce. L’intenzione è questa. Mandateci corrispondenze scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Pisa 3 febbraio, Assemblea appalto GalileiVenerdi' 3 Febbraio mobilitazione dei lavoratori Cft dell'appalto GalileiVenerdi' 3 Febbraio  2023Assemblea del personale Cft ore 10 ...
Continua a leggere
  1672 Visite
  0 Commenti

I tifosi del nucleare

nucleare
Mentre la guerra in Ucraina ostenta un ulteriore inasprimento e prefigura da ambo le parti un  suo prolungamento che un Kissinger preoccupato azzarda a definire “guerra infinita” (v. qui), si incomincia a riflettere su quanto sia energivoro il “capitalismo della sorveglianza”, che sembra tener banco nella la contesa per la supremazia globale (v. Andreas Maln, Come far saltare un oleodotto, ed,Ponte alle Grazie).Siamo al cospetto di un conflitto armato a tutto campo, in allargamento spaziale e temporale e sempre più energivoro, che si pone di fronte ad un passaggio fatale dagli esplosivi inorganici e chimici, già ad altissima densità energetica, verso...
Continua a leggere
  2029 Visite
  0 Commenti

Per combattere la lobby dei combustibili fossili e consolidare la diffusione delle energie pulite

energie-rinnovabili
Gli scettici dicono che le rinnovabili non sono affidabili ma già oggi possono portare a una rete affidabile e pulita[10 Dicembre 2021]Anche in Italia hanno di nuovo rialzato la testa gli scettici sulle energie rinnovabili (di solito fan palesi o sotto copertura delle energie fossili e del nucleare) che sostengono che, a causa della loro variabilità, eolico e solare non possono essere alla base di una rete elettrica affidabile. Ma l’espansione delle energie rinnovabili e nuovi metodi di gestione e stoccaggio dell’energia possono portare a una rete affidabile e pulita E’ quel che dimostrano Amory  Lovins, professore di ingegneria civile e...
Continua a leggere
  2911 Visite
  0 Commenti

Sai cosa è l’Overshoot Day?

over
Facciamo lieve l’ “impronta” - Francesco Gesualdi -  Il Global Footprint Network ci informa che quest’anno l’Overshoot Day si anticipa di un giorno rispetto al 2021, passando dal 29 al 28 luglio. Cioè oggi. Una notizia negativa non solo perché preannuncia un aggravamento dello stato di salute del pianeta, ma soprattutto perché certifica che il nostro comportamento non è cambiato o sta addirittura peggiorando. L’Overshoot Day, conviene ricordarlo, indica il giorno in cui il nostro 'consumo di natura' raggiunge tutte le potenzialità biologiche e riproduttive di cui le terre fertili presenti sul pianeta sono capaci per l’anno in corso. Ai tempi in cui l’Overshoot Day...
Continua a leggere
  1790 Visite
  0 Commenti

La lotta per la terra e il territorio: che dire delle favelas? Dal Brasile

favela
La lotta per la terra e il territorio: che dire delle favelas? Dal BrasileStiamo affrontando sfide enormi nell'attuale momento di lotta anticapitalista e controcoloniale, che si esprimono sia nell'importanza della terra e del territorio per i popoli in lotta, sia nei violenti contrattacchi contro i territori e le terre recuperate da neri e popoli indigeni che si sono verificati di recente in Brasile. Il maestro Joelson Ferreira e Erahsto Felício in “Por terra e território: caminhos da revolução dos povos no BrasilW (p. 45), tessitori della Rete dei Popoli, scrivono:“Trattiamo il territorio come dice il poeta: come inizio, fine e mezzo....
Continua a leggere
  4120 Visite
  0 Commenti

Riscaldamento globale e future pandemie.

ecologia
Riscaldamento globale e future pandemie.Uno studio pubblicato dalla rivista Nature indica che la migrazione degli animali dovuta all'aumento della temperatura globale e alla distruzione degli habitat causerà una "rete di nuovi virus" che potrebbero influenzare la salute umana. Come possibile piano di mitigazione, esortano i governi a migliorare il controllo zoonotico e la capacità di risposta del sistema sanitario.Il riscaldamento globale potrebbe innescare la prossima pandemia. Lo rivela lo studio scientifico intitolato "Il cambiamento climatico aumenta il rischio di trasmissione virale tra specie", pubblicato sulla rivista Nature . La ricerca analizza una futura "rete di nuovi virus" che salterà da specie...
Continua a leggere
Tag:
  1985 Visite
  0 Commenti

Ecuador: 14° giorno di sciopero generale (paro general). La lotta continua!

ecuadorrb

Conaie ratifica la prosecuzione dello sciopero in Ecuador fino a quando le sue richieste non saranno soddisfatteInizio moduloQuesta domenica, il presidente della Conferenza nazionale delle nazionalità indigene (Conaie), Leonidas Iza, ha confermato che il paro general (lo sciopero generale) continuerà.In Ecuador continuano le proteste del movimento popolare contro il governo di Guillermo Lasso, quando questa domenica ricorre il suo 14° giorno di sciopero, mentre l'Assemblea nazionale si prepara a riprendere la sessione per studiare la rimozione del presidente.Questa domenica, il presidente della Conferenza nazionale delle nazionalità indigene (Conaie) dell'Ecuador, Leonidas Iza, ha confermato che lo sciopero generale a tempo indeterminato e...
Continua a leggere
  2462 Visite
  0 Commenti

Come la Fondazione Gates sta spingendo il sistema alimentare nella direzione sbagliata

BILL_GATES_GRAPHIC_small


Come la Fondazione Gates sta spingendo il sistema alimentare nella direzione sbagliatadi GRAIN | 28 giugno 2021GRAIN è una piccola organizzazione internazionale senza scopo di lucro che lavora per supportare i piccoli agricoltori e i movimenti sociali nelle loro lotte per sistemi alimentari controllati dalla comunità e basati sulla biodiversitàLa Bill and Melinda Gates Foundation ha speso quasi 6 miliardi di dollari negli ultimi 17 anni cercando di migliorare l'agricoltura, principalmente in Africa. Sono un sacco di soldi per un settore sottofinanziato e, per questo motivo, questi fondi esercitano molta influenza. Per capire meglio in che modo la Fondazione Gates sta...
Continua a leggere
  5979 Visite
  0 Commenti

Da qui si può mirare il cielo.

messico









Da qui si può mirare il cielo25 Maggio 2022 nodosolidaleTraduciòn al CastellanoL’esperienza dell’OPFVII (Organizacion Popular Francisco Villa de Izquierda Independiente) nella periferia di Città del Messico (febbraio – marzo 2022) Entrare nella comunità di Acapatzingo è un’esperienza forte in un Messico contraddittorio come quello che amiamo esplorare, perché per la prima volta se si alza lo sguardo non c’è nulla che si frapponga fra il basso e l’alto. Da qui si può mirare il cielo: nessun cavo, groviglio caotico, disturbo dello sguardo pende sulle teste di chi cammina per quello che è un quartiere autonomo alla periferia del Distretto Federale. All’orizzonte un disegno perfetto di...
Continua a leggere
  3002 Visite
  0 Commenti

Rivelati nuovi impatti del glifosato

erbicida



Rivelati nuovi impatti del glifosatoSilvia Ribeiro01 Maggio 2022L’Unione Europea ha deciso in passato di consentire l’utilizzo del glifosato, l’agrotossico più utilizzato nella storia dell’umanità, fino alla fine di quest’anno. La decisione è stata presa malgrado si sia a conoscenza del fatto che possa comportare danni gravissimi per la salute di ogni essere vivente sul pianeta. In primo luogo bisognerà tornare a chiedersene il perché e a rendere chiunque consapevole delle risposte, poi si dovrà impedire, con ogni mezzo necessario, che ci sia una nuova proroga. Oltre alle gravi conseguenze già note derivanti dall’esposizione diretta a questi agrotossici, diverse indagini si concentrano...
Continua a leggere
Tag:
  2501 Visite
  0 Commenti

Ultimo assalto alla natura: gli ecosistemi quotati in Borsa

foresta
Ultimo assalto alla natura: gli ecosistemi quotati in BorsaSi chiama NAC (Natural Asset Company). Con essa la Borsa di New York ha svelato il piano più radicale e potenzialmente più distruttivo per finanziarizzare tutta la natura e la vita nella stessa. Che la relazione fra il capitalismo e la natura sia basata sulla mercificazione di quest’ultima per estrarre profitti non è sicuramente una novità, ma questa volta siamo ad un ulteriore drammatico salto di qualità. La creazione di questa nuova classe di attivi finanziari metterà infatti in vendita non solo le risorse naturali, ma gli stessi processi alla base della vita.Funzionerà infatti...
Continua a leggere
Tag:
  2332 Visite
  0 Commenti

Una nuova base militare: intervista al No Camp Darby pisano

coltano_nodica_receiver_site
Dopo la manifestazione di marzo viene annunciato un nuovo appuntamento alla base militare di Camp DarbyLa manifestazione si terrà il 23 aprile e abbiamo lanciato la parola d'ordine per una nuova liberazione nazionale dalle servitù e dalla militarizzazione dei territori.In verità ci sono state a marzo due manifestazioni, una all'aeroporto militare e una a quello civile, la prima promossa da voi e la seconda da Potere al Popolo con l'adesione di tante forzeSui social, sulla stampa leggiamo di gruppi, liste civiche, sindacati e partiti che rivendicano primogeniture sul movimento contro la guerra attribuendosi meriti e percorsi di vario genere: “siamo stati noi...
Continua a leggere
  2402 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.

Care lettrici, cari lettori: a causa di alcuni problemi, il coordinamento dei vari collettivi redazionali, e quindi l’organizzazione, la struttura del giornale e l’aggiornamento del sito hanno subito un rallentamento. Con molto ritardo stiamo cercando di correre ai ripari, ma nonostante questo alcuni aggiornamenti del software del nostro provider hanno portato a un non corretto funzionamento del sito (lo slideshow degli ultimi 5 articoli non funziona più). A questo va aggiunto che il software con cui il sito è stato sviluppato a breve non sarà più supportato e l’aggiornamento richiederebbe più impegno che fare un sito nuovo con un altro software. Quindi a breve (speriamo) metteremo online la nuova versione.

Sghing - Messaggio di sistema