Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

Lettera testamento dell'anarchico Willem Van Spronse

ana

Pubblichiamo la lettera - testamento di Willem Van Spronsen, compagno anarchico ucciso sabato scorso durante un assalto al centro di detenzione per migranti di Tacoma, in Usa. L’attacco e’ avvenuto in occasione di un fine settimana di rastrellanti pubblicamente annunciati dal presidente Trump. Ucciso nel corso dell’azione, Van Spronsen aveva comunque lasciato alcune pagine redatte al computer in cui spiegava il gesto e lo inquadrava in una prassi politica di lotta rivoluzionaria. Abbiamo tradotto il documento cercando di rimanere il piu’ fedeli possibile all’originale, anche a costo di una minore leggeibilita’, conservandone l’impaginazione.

Esiste il bene e male.

E’ tempo di agire contro le forze del male.
Il male dice che una vita vale meno di un’altra.

Il male dice che il commercio e’ il nostro scopo qui.

Il male dice che i campi di concentramento per persone ritenute inferiori sono necessari.

Le ancelle del male dicono che i campi di concentramento dovrebbero essere piu’ umani.

Fate attenzione ai centristi.

Ho un cuore di padre infranto.

Un corpo distrutto.

E ho un incrollabile disgusto per l’ingiustizia

Questo e’ cio’ che mi porta qui.

Questa e’ la mia chiara occasione per provare a fare la differenza, sarei un ingrato ad aspettare per un migliore invito.

Io seguo tre maestri:

Don Pritts, la mia guida spirituale, “amore senza azione e’ solamente una parola”

John Brown, la mia guida morale, “quello che e’ necessario e’ l’azione”

Emma Goldman, la mia guida politica, “se non posso ballare, non voglio esser parte della tua rivoluzione”

Sono un sognatore con la testa tra le nuvole, credo nell’amore e nella redenzione

Credo che vinceremo,

Sono gioiosamente rivoluzionario (avremmo tutti dovuto leggere Emma Goldman a scuola invece che le ciance chauviniste che ci propinano, ma sto andando fuori tema). (dovremmo tutti osservare le foto delle eroine YPJ dovessimo vacillare e pensare che i nostri sogni sono impossibili, ma sto di nuovo perdendomi in una digressione. Fight me)

In queste giorni di hooligans fascisti che attaccano i piu’ deboli nelle nostre strade, nel nome dello Stato o supportati e difesi dallo Stato,

In questi giorni di campi di concentramento/detenzione ad alto profitto e di aspre battaglie sulla semantica,

In questi giorni senza speranza, di vuoti obiettivi e infiniti guadagni.

Stiamo vivendo una fase fascismo visibile e in crescita (dico visibile, perche’ chi vi ha prestato attenzione lo ha visto sopravvivere e crescere sotto la protezione dello Stato [vedi il libro di Howard Zinn “Una storia popolare degli Stati Uniti”] che ora segue sfacciatamente la sua agenda con la collaborazione del governo e di altri governi in giro per il mondo.

Il fascismo risponde ai bisogni dello stato che risponde ai bisogni dei padroni a spese nostre. Chi ne trae vantaggio? Jezz Bezos, Warren Buffet, Elon Musk, Tim Cook, Bill Gates, Betsy De Vos, George Soros, Donald Trump, e c’e’ bisogno di aggiungerne altri? Lasciatemelo dire ancora: la gente ricca (che pensa che voi non siate cosi’ in gamba), i grandi governi, (tutti i governi ovunque, inclusi quelli “comunisti”) perche’ fanno regole per rendere i ricchi sempre piu’ ricchi.

Semplice

Non pensateci troppo.

(voi patrioti sullo sfondo ci state pensando?)

 

Per i miei compagni:

Mi spiace che mi perdero’ il resto della rivoluzione.

Grazie per l’onore di essere stato in mezzo a voi.

per avermi dato spazio per essere utile, di sentire che stavo incarnando i miei ideali e questo e’ stato il faro morale delal mia esistenza

ho potuto fare del mio meglio per difendere la mia preziosa e meravigliosa gente  in un’esperienza troppo ricca per essere descritta.

I miei compagni trans mi hanno trasformato, solidificando le mie convinzioni che saremo guidati verso l’agognato futuro da coloro che oggi sono i piu’ marginalizzati tra di noi. Io l’ho sognato cosi’ chiaramente che non ho rimpianti per non vedere come andra’ a finire. Grazie a voi per avermi accompagnato fino a qui.

Io sono antifascista. Io sto con i compagni in giro per il mondo che agiscono per amore della vita in continuo mutamento. Compagni che capiscono che liberta’ significa vera liberta’ per tutti per una vita che sia degna di essere vissuta.

Abbiate fede

Tutto il poter al popolo

Bella ciao

 

(Audio manifesto: theSuper8.bandcamp.com)

Non fate spendere soldi alle vostre patetiche agenzie per  questa investigazione. Io mi sono radicalizzato nelle classi di educazione civica a 13 anni quando ci venivano insegnati i collegi elettorali. E’ stato allora che ho deciso che lo status quo era un castello di carta. Ulteriori letture lo hanno confermato in positivo. Raccomando caldamente la lettura!

Io non sono affiliato con alcuna organizzazione, sono uscito da ogni organizzazione che era in disaccordo con le tattiche da me scelte.

L’arma semiautomatica che ho usato era un economico Ar 15 fatto in casa e non registrato. Aveva sei caricatori. Incoraggio fortemente i compagni ad armarsi da soli. Ora siamo noi i responsabili per difendere il popolo dallo Stato oppressore. Ignorate la legge e armatevi, se ne avete la possibilita’. Io l’ho fatto.

Quando ero un ragazzo, nell’Olanda del dopoguerra, e dopo in Francia, la mia testa era piena di storie sulla nascita del fascismo negli anni ’30. Promisi a me stesso che non sarei stato uno di quelli che stanno fermi quando i vicini vengono prelevati dalle loro case e imprigionati perche’ considerati inferiori.

Non c’e’ bisogno che tu bruci il bastardo, ma davvero ti limiteresti a stare fermo?

Questo e’ un banco di prova per la nostra fondamentale convinzione nella vera liberta’ e nella nostra responsabilita’ verso ognuno di noi.

Questa e’ una chiamata rivolta anche ai patrioti, per opporci a questa parodia che e’ in contrasto con tutto quello che ritenete sacro. Io vi conosco. Io lo so che nel vostro cuore sentite il disonore per questi campi. E’ tempo che anche voi teniate la schiena dritta di fronte ai fiumi di denaro che manovrano quelle dannate marionette che dicono di rappresentarci.

Sono un uomo che che ama tutti voi e questa sfera che gira cosi’ tanto che manterro’ fede alla promessa di nobilta’ d’animo che ho fatto nella mia infanzia.

Eccoci qui, in questi campi di concentramento per profitto

Eccoci qui, nei migranti e nei marginali timorosi di mostrare il loro volto per paura della polizia, della migra, dei proud boys/padroni/infami.

Eccoci qui, con un pianeta quasi al collasso a causa dell’avidita’ del mercato

Io sono un pensatore nero e bianco

I campi di concentramento sono un abominio

Io non posso restare immobile

Davvero non dovrei ripeterlo piu’.

Metto da parte il mio cuore infranto e me ne prendo cura nell’unico modo che conosco – rendendomi utile

Io condivido con efficienza il mio dolore

E con gioia mi appresto a compiere il mio lavoro

(per coloro che dovranno sopportare le macerie causate delle mie azioni, spero che farete il miglior uso possibile di queste conseguenze

Traduzione di Lorenzo Tamberi (Lotta Continua Pisa)

     

 

Il carabiniere e la memoria storica
Migrazioni e politica, per un’alleanza tra umanism...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 18 Settembre 2019

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema