Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Rinviata al 2023 la rivalutazione delle pensioni, disatteso l’accordo del 2017

pensioni-inferiori-quota-100

Il Governo ha deciso di inserire nella imminente Legge di Bilancio un attacco inaudito alle pensioni.

La maggioranza non mantiene le promesse assunte con l'accordo con le Organizzazioni sindacali del 2017, accordo che prevedeva per l'anno 2020 la rivalutazione delle pensioni che invece viene rinviata all'anno 2023 

Siamo in presenza di una situazione paradossale perché le pensioni attendono da anni di essere rivalutate e dovremmo partire da quelle medie e basse che in prospettiva futura avranno assegni da fame. 

Le modifiche inserite nella bozza della Legge di Bilancio 2021 colpiscono il potere d'acquisto dei pensionati che ormai da anni vedono i loro assegni impoverirsi scollegati da ogni effettivo recupero del potere di acquisto. Sarebbe utile capire il reale ammontare delle pensioni, ebbene sui quasi 18 milioni di pensioni vigenti (siamo un paese di anziani come risaputo), oltre 12,6 milioni sono inferiori a 1.000 euro al mese. Il 61,3% delle pensioni ha un importo inferiore a 750 euro: una percentuale che sale per le donne al 74,5%. E soprattutto nel Sud le donne percepiscono pensioni equivalenti alla metà degli uomini e la pensione media è inferiore a 1200 euro

E i pensionati sono oggi fondamentali per il sostegno economico ai familiari in ammortizzatore sociale o senza occupazione alcuna, una sorta di welfare familiare mai riconosciuto.

Se dovesse andare in porto il progetto Conte i tre anni di tempo per l'adeguamento degli assegni previdenziali diventerebbero 5, un'alternativa esisterebbe ossia una legge Patrimoniale per recuperare i soldi da chi ha accumulato per decenni ricchezze banchettando sui salari e sulle pensioni.

Invece si preferisce inserire qualche articolo nella Legge di Bilancio per fare cassa...sulla pelle dei pensionati soprattutto quelli che percepiscono assegni più' bassi.

Redazione Pisana di Lotta Continua

(da: http://delegati-lavoratori-indipendenti-pisa.blogspot.com/
Se ci fermiamo noi si ferma il mondo!!! # 25 novem...
Il nuovo questore è un "influencer"

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 02 Dicembre 2020

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema