Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

A pensar male ci si indovina? A proposito di Renzi in Arabia Saudita alla corte di bin Salman

renzi

Forse l'opinione pubblica dovrebbe riflettere sulla visita di Renzi in Arabia Saudita e dalla stampa apprendiamo che la sua partecipazione alla Future Investment Initiative, la cosiddetta Davos del deserto, è stata pagata migliaia di dollari.

Qualcuno obietterà che Matteo Renzi abbia tutto il diritto di partecipare a convegni dietro lauti compensi, del resto siamo abituati a ex presidenti americani che vanno in giro per il mondo intervenendo in convegni di varia natura ricevendo compensi milionari. Pensiamo ad un futuro incarico come presidente del Copasir o il Ministero degli Esteri, potremmo dormire forse sonni tranquilli?

Ma la visita in Arabia Saudita non dovrebbe passare inosservata per alcune ragioni:

  • Uno studio internazionale, reperibile anche in rete nella traduzione italiana (https://translate.google.com/translate?hl=it&sl=en&u=https://freedomhouse.org/&prev=search&pto=aue), ricorda che l'Arabia Saudita è al settimo posto, su 210 paesi, quanto a repressione, violazione dei diritti civili e politici, migliaia di oppositori sono detenuti, senza notizie ai familiari, nelle carceri, le stesse donne non hanno diritti e basterebbe ricordare anche il divieto di guida loro imposto fino all'estate 2018.
  • Potremmo anche ricordare l'uccisione del giornalista dissidente all'interno di un consolato saudita, a Istanbul
  • E mentre un jet privato prelevava Matteo Renzi per portarlo in Arabia Saudita l'Italia revocava le esportazioni di armi ad Emirati Arabi e Arabia Saudita a causa della guerra in Yemen, una decisione comunque tardiva dopo anni di massicce vendite di materiale bellico ai due paesi utilizzati per bombardamenti che hanno ucciso migliaia di civili. Parliamo di crimini di guerra e le stesse Nazioni Unite, di solito assai caute, dichiarano che la vendita di armi a questi paesi può costituire un crimine di guerra come leggiamo dal sito Rete pace disarmo
  • La decisione italiana avviene in simultanea con quella Usa che ha bloccato la vendita di aerei da guerra in Arabia Saudita, un segnale apparentemente di pace ma funzionale ai nuovi scenari geopolitici con alleanze nuove da privilegiare., inclusa la vendita di armi a paesi attraverso i quali designare la nuova politica imperiale

Redazione pisana di Lotta Continua (http://delegati-lavoratori-indipendenti-pisa.blogspot.com )

 

Il compito della "nuova" storia
Se dietro alla flessibilità si occulta la precarie...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 04 Agosto 2021

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema