Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Aumentano le bollette? Chiediamoci il perché

la-stan

 Non lo diciamo noi ma il Ministro Cingolani: in autunno le bollette aumenteranno del 40% e questa decisione viene giustificata con la crescita del prezzo del gas a livello internazionale.

Da mesi registriamo la crescita dei costi di tutte le materie prime, costi per molte piccole aziende ormai insostenibili ma soprattutto insostenibili per le famiglie, aumentando i costi anche i prezzi dei prodotti lavorati cresceranno e numerose merci saranno a vendute a prezzi così elevati da risultare inaccessibili per molti\e.

Le risposte possono essere molteplici, gli industriali di determinati settori invocano detassazioni del lavoro ma anche norme ambientali meno severe che permettano maggiore emissione di gas inquinanti senza alcun costo aggiuntivo

Per far ripartire i consumi e la domanda per taluni la strada da intraprendere è quella usuale tra detassazione del costo del lavoro e libertà di inquinare per non creare ostacoli alla ripresa economica.

I costi aggiuntivi per le famiglie italiane sono evidenti (si parla di circa 1500 euro annui), il rincaro delle bollette avrà un forte impatto su salari già bassi e perderemo ulteriore potere di acquisto.

Esistono soluzioni? Da una parte dovrebbe essere lo Stato a sobbarcarsi dell'onere dei maggiori costi, dall'altra anche le imprese dovrebbero fare la loro parte, poi ci sono i proventi delle aste di mercato dei permessi di emissione di CO2 che potrebbero concorrere all'abbassamento delle bollette. di fatto quello che manca è un investimento reale nelle cosiddette tecnologie verdi, non basta tassare le emissioni di Co2 quando gran parte del tessuto produttivo è ancora legato alle energie tradizionali.

Le bollette del gas intanto crescono del 30%, quelle della corrente elettrica del 20%

Ma la causa dei rincari è legata all'aumento del costo del petrolio?

Non proprio, si dimenticano invece le grandi speculazioni internazionali sulle emissioni Ets di anidride carbonica, gas serra che provoca l'aumento delle temperature e del cambiamento climatico. Esistono speculazioni internazionali attorno al metano ma anche scontri tra multinazionali e nazioni attorno ai corridoi energetici e questi scontri sono alla base delle speculazioni in atto.

Altro salasso per le famiglie italiane è legato all'aumento dei costi del carburante e si sta giocando una partita attorno alle cosiddette penalizzazioni fiscali.

Lo scontro interno tra capitalisti legati alle vecchie risorse energetiche e quello cosiddetto green alimenta la spirale di crescita delle tariffe che ad oggi ricade sulle nostre già risicate buste paga

La soluzione non può essere quella di affidarsi al mercato libero, come consigliato da autorevoli analisti di mercato, finendo nella spirale delle offerte "vantaggiose" per garantirsi tariffe migliori, questi processi di liberalizzazione nel tempo hanno portato solo danni perché mirano al controllo dei privati delle dinamiche dei prezzi e dei consumi nonché alla gestione  privatistica dei beni comuni come acqua, metano, gas, etc.

Siamo quindi certi che i rincari attuali siano l'effetto delle politiche di liberalizzazione che non potranno essere invece la panacea del male da loro stesso prodotto ossia il rincaro delle tariffe.

Redazione Pisana di Lotta Continua  Da: https://delegati-lavoratori-indipendenti-pisa.blogspot.com

 

Cosa accadrà dopo la manifestazione per la Gkn del...
Le bufale studiate arte su povertà e reddito di ci...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 29 Novembre 2021

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema