Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Navigare nella nostra umanità: Ilan Pappé sulle quattro lezioni dall'Ucraina

palazzo

Navigare nella nostra umanità: Ilan Pappé sulle quattro lezioni dall'Ucraina

04 marzo 2022 Di  Ilan Pappe

USA Today  ha riferito che una foto diventata virale di un alto edificio in Ucraina colpito dai bombardamenti russi si è rivelata essere un alto edificio della Striscia di Gaza,  demolito dall'aviazione  israeliana nel maggio 2021. Pochi giorni prima, l'ucraino ministro degli Esteri si è lamentato con l'ambasciatore israeliano a Kiev che “ci tratta come Gaza”; era furioso che Israele non avesse condannato l'invasione russa ed era interessato solo a sfrattare i cittadini israeliani dallo stato (Haaretz, 17 febbraio 2022). Era un mix di riferimenti all'evacuazione ucraina delle mogli ucraine di uomini palestinesi dalla Striscia di Gaza nel maggio 2021, nonché un promemoria a Israele del pieno sostegno del presidente ucraino all'assalto israeliano alla Striscia di Gaza in quel mese. ( Tornerò su quel supporto verso la fine di questo pezzo.)

Gli attacchi di Israele a Gaza dovrebbero, infatti, essere menzionati e presi in considerazione quando si valuta l'attuale crisi in Ucraina. Non è un caso che le foto siano confuse: non ci sono molti grattacieli crollati in Ucraina, ma ci sono molti grattacieli fatiscenti nella Striscia di Gaza. Tuttavia, non è solo l'ipocrisia sulla Palestina che emerge quando consideriamo la crisi ucraina in un contesto più ampio; quello che va esaminato è il doppio standard occidentale in generale, senza essere, neanche per un attimo, indifferenti alle notizie e alle immagini che ci giungono dalla zona di guerra in Ucraina: bambini traumatizzati, flussi di profughi, vedute di edifici distrutti dai bombardamenti e il pericolo imminente che questo sia solo l'inizio di una catastrofe umana nel cuore dell'Europa.

Allo stesso tempo, quelli di noi che vivono, riferiscono e digeriscono le catastrofi umane in Palestina non possono sfuggire all'ipocrisia dell'Occidente e possono indicarla senza denigrare, per un momento, la nostra solidarietà umana ed empatia con le vittime di qualsiasi guerra. Dobbiamo farlo, poiché la disonestà morale che sostiene l'agenda ingannevole stabilita dalle élite politiche e dai media occidentali consentirà ancora una volta loro di nascondere il proprio razzismo e impunità, poiché continuerà a fornire immunità a Israele e alla sua oppressione dei palestinesi. Ho individuato quattro false ipotesi che sono al centro dell'impegno dell'élite occidentale con la crisi ucraina, finora, e le ho inquadrate come quattro lezioni.

Lezione uno: i rifugiati bianchi sono i benvenuti; altri meno

La decisione collettiva senza precedenti dell'UE di aprire le sue frontiere ai rifugiati ucraini, seguita da una politica più cauta da parte della Gran Bretagna, non può passare inosservata rispetto alla chiusura della maggior parte delle porte europee ai rifugiati dal mondo arabo e dall'Africa dal 2015. La chiara priorità razzista, che distingue tra chi cerca la vita in base a colore, religione ed etnia è ripugnante, ma è improbabile che cambi presto. Alcuni leader europei non si vergognano nemmeno di diffondere pubblicamente il loro razzismo,  come  fa il primo ministro bulgaro Kiril Petkov:

“Questi [rifugiati ucraini] non sono i rifugiati a cui siamo abituati... queste persone sono europee. Queste persone sono intelligenti, sono persone istruite. …Questa non è l'ondata di rifugiati a cui eravamo abituati, persone di cui non eravamo sicuri sulla loro identità, persone con un passato poco chiaro, che avrebbero potuto anche essere terroristi…”

Non è solo. I media occidentali parlano continuamente del "nostro tipo di rifugiati", e questo razzismo si manifesta chiaramente ai valichi di frontiera tra l'Ucraina e i suoi vicini europei. Questo atteggiamento razzista, con un forte sottofondo islamofobo, non cambierà, poiché la leadership europea continua a negare il tessuto multietnico e multiculturale delle società in tutto il continente. Una realtà umana creata da anni di colonialismo e imperialismo europeo che gli attuali governi europei negano e ignorano e, allo stesso tempo, perseguono politiche di immigrazione basate sullo stesso razzismo che ha permeato il colonialismo e l'imperialismo del passato. 

Lezione due: puoi invadere l'Iraq ma non l'Ucraina

La riluttanza dei media occidentali a contestualizzare la decisione russa di invadere all'interno di un'analisi più ampia e più ovvia di come le regole del gioco internazionale siano cambiate nel 2003 è piuttosto sconcertante. È difficile trovare un'analisi che indichi il fatto che gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno violato il diritto internazionale sulla sovranità statale quando i loro eserciti, con una coalizione di paesi occidentali, hanno invaso l'Afghanistan e l'Iraq. L'occupazione di un intero paese per scopi politici non è stata inventata in questo secolo da Vladimir Putin; è stato introdotto come uno strumento politico giustificato dall'Occidente.

Lezione tre: il neonazismo a volte può essere tollerato

L'analisi inoltre non mette in evidenza alcuni punti validi di Putin sull'Ucraina; che non giustificano in alcun modo l'invasione, ma hanno bisogno della nostra attenzione anche durante l'invasione. Fino all'attuale crisi, i media progressisti occidentali, come The Nation, The Guardian, The Washington Post , ecc., ci hanno messo in guardia sul crescente potere dei gruppi neonazisti in Ucraina che potrebbero influenzare il futuro dell'Europa e oltre. Gli stessi media oggi respingono l'importanza del neonazismo in Ucraina.

La Nación  il 22 febbraio 2019 ha riportato:

“Oggi, le crescenti notizie di violenza di estrema destra, ultranazionalismo ed erosione delle libertà fondamentali smentiscono l'iniziale euforia in Occidente. Ci sono pogrom neonazisti contro i Rom, attacchi dilaganti contro femministe e gruppi LGBT, divieti di libri e glorificazioni sponsorizzate dallo stato dei collaboratori nazisti”.

Due anni prima, il Washington Post  (15 giugno 2017) aveva avvertito, in modo molto perspicace, che uno scontro tra l'Ucraina e la Russia non dovrebbe permetterci di dimenticare il potere del neonazismo in Ucraina:

“Mentre la lotta dell'Ucraina contro i separatisti sostenuti dalla Russia continua, Kiev deve affrontare un'altra minaccia alla sua sovranità a lungo termine: potenti gruppi ultranazionalisti di destra. Questi gruppi non sono timidi nell'usare la violenza per raggiungere i loro obiettivi, che sono chiaramente in contrasto con la democrazia tollerante e orientata all'Occidente che Kiev apparentemente mira a diventare".

Oggi, tuttavia, il  Washington Post  assume una posizione sprezzante, definendo tale descrizione una "falsa accusa":

“In Ucraina operano diversi gruppi paramilitari nazionalisti, come il movimento Azov e Right Sector, che sposano l'ideologia neonazista. Sebbene siano di alto profilo, sembrano avere scarso sostegno pubblico. Un solo partito di estrema destra, Svoboda, è rappresentato nel parlamento ucraino e detiene un solo seggio".

I precedenti avvertimenti di un mezzo di comunicazione come The Hill  (9 novembre 2017), il più grande sito di notizie indipendente negli Stati Uniti, sono stati dimenticati: 

“Ci sono, infatti, formazioni neonaziste in Ucraina. Ciò è stato confermato in modo schiacciante da quasi tutti i principali media occidentali. Il fatto che gli analisti possano liquidarlo come propaganda diffusa da Mosca è profondamente inquietante. È particolarmente preoccupante data l'attuale ondata di neonazisti e suprematisti bianchi in tutto il mondo".

Lezione quattro: Colpire i grattacieli è solo un crimine di guerra in Europa

Non solo l'establishment ucraino ha un legame con questi gruppi ed eserciti neonazisti, ma è anche inquietante e imbarazzante filo-israeliano. Uno dei primi atti del presidente Volodymyr Zelensky è stato il ritiro dell'Ucraina dal Comitato delle Nazioni Unite per l'esercizio dei diritti inalienabili del popolo palestinese, l'unico tribunale internazionale che si assicura che la Nakba non sia né negata né dimenticata. 

La decisione è stata avviata dal Presidente dell'Ucraina; non simpatizzava con la difficile situazione dei profughi palestinesi, né li considerava vittime di alcun crimine. Nelle sue interviste dopo l'ultimo barbaro bombardamento israeliano della Striscia di Gaza nel maggio 2021,  ha affermato  che l'unica tragedia a Gaza è stata quella subita dagli israeliani. Se è così, solo i russi soffrono in Ucraina. 

Ma Zelensky non è solo. Quando si parla di Palestina, l'ipocrisia raggiunge un nuovo livello. Un grattacielo vuoto colpito in Ucraina ha dominato le notizie e ha acceso un'analisi approfondita sulla brutalità umana, su Putin e sulla disumanità. Questi attentati dovrebbero ovviamente essere condannati, ma sembra che coloro che hanno guidato la condanna tra i leader mondiali siano rimasti in silenzio quando Israele ha raso al suolo la città di Jenin nel 2000, il quartiere Al-Dahaya di Beirut nel 2006 e Gaza City in un'ondata brutale. dopo l'altro, negli ultimi quindici anni. Nessuna sanzione è stata nemmeno discussa, per non parlare di imposta, a Israele per i suoi crimini di guerra nel 1948 e da allora. Infatti, nella maggior parte dei paesi occidentali che oggi guidano le sanzioni contro la Russia,

Anche quando la genuina solidarietà umana in Occidente è espressa in modo equo con l'Ucraina, non possiamo ignorare il suo contesto razzista e il suo pregiudizio europeista. La solidarietà di massa dell'Occidente è riservata a chiunque sia disposto a unirsi al suo blocco e alla sua sfera di influenza. Questa empatia ufficiale non si trova da nessuna parte quando una violenza simile, e peggio, è diretta contro i non europei, in generale, e i palestinesi, in particolare. 

Possiamo navigare come persone coscienziose tra le nostre risposte alle calamità e la nostra responsabilità di sottolineare l'ipocrisia che in molti modi ha aperto la strada a tali catastrofi. Legittimare a livello internazionale l'invasione di paesi sovrani e autorizzare la continuazione della colonizzazione e dell'oppressione di altri, come la Palestina e il suo popolo, porterà a più tragedie, come quella in Ucraina, in futuro e ovunque sul nostro pianeta. 

– Ilan Pappé è professore all'Università di Exeter. In precedenza è stato professore ordinario di scienze politiche all'Università di Haifa. È autore di The Ethnic Cleansing of Palestine, The Modern Middle East, A History of Modern Palestine: One Land, Two Peoples, and Ten Myths about Israel. Pappé è descritto come uno dei "nuovi storici" di Israele che, dalla pubblicazione di importanti documenti del governo britannico e israeliano all'inizio degli anni '80, ha riscritto la storia della creazione di Israele nel 1948. Ha contribuito con questo articolo a The Palestine Chronicle.

Traduzione a cura della Redazione

 

Sono passati 45 anni dall’assassinio del compagno ...
Occidentali’s Karma. Alcune note sulla russofobia.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 10 Dicembre 2022

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema