Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Come la Fondazione Gates sta spingendo il sistema alimentare nella direzione sbagliata

BILL_GATES_GRAPHIC_small

Come la Fondazione Gates sta spingendo il sistema alimentare nella direzione sbagliata

di GRAIN | 28 giugno 2021

GRAIN è una piccola organizzazione internazionale senza scopo di lucro che lavora per supportare i piccoli agricoltori e i movimenti sociali nelle loro lotte per sistemi alimentari controllati dalla comunità e basati sulla biodiversità

La Bill and Melinda Gates Foundation ha speso quasi 6 miliardi di dollari negli ultimi 17 anni cercando di migliorare l'agricoltura, principalmente in Africa. Sono un sacco di soldi per un settore sottofinanziato e, per questo motivo, questi fondi esercitano molta influenza. Per capire meglio in che modo la Fondazione Gates sta guidando l'agenda agricola globale, GRAIN ha analizzato tutte le sovvenzioni concesse dalla fondazione a sostegno dell'alimentazione e dell'agricoltura, fino al 2020. Abbiamo scoperto che, sebbene le sovvenzioni della Fondazione siano rivolte specificamente agli agricoltori africani, con il la stragrande maggioranza dei suoi finanziamenti va a gruppi in Nord America ed Europa. Le sovvenzioni tendono anche a favorire pesantemente le tecnologie sviluppate dai centri di ricerca e dalle grandi società del Nord per gli agricoltori poveri del Sud, ignorando le conoscenze, le tecnologie e la biodiversità che questi agricoltori già dispongono. E, nonostante l'attenzione della Fondazione sulle soluzioni tecnologiche, gran parte delle sue sovvenzioni vanno a gruppi che spingono per l'agricoltura industriale e minano le alternative. Il risultato è negativo per gli agricoltori africani e per il pianeta. È ora di porre fine all'enorme influenza della Gates Foundation sull'agricoltura globale. rivolto agli agricoltori poveri nei paesi in via di sviluppo, senza tener conto delle conoscenze, delle tecnologie e della biodiversità di cui dispongono già questi agricoltori.

Nel 2014, GRAIN ha pubblicato una ripartizione dettagliata delle sovvenzioni concesse dalla Bill and Melinda Gates Foundation per promuovere lo sviluppo agricolo in Africa e in altre regioni del mondo. 1 La nostra principale scoperta è stata che la stragrande maggioranza di queste sovvenzioni andava a gruppi negli Stati Uniti e in Europa, non in Africa o in altre parti del sud. La stragrande maggioranza dei fondi è andata a istituti di ricerca piuttosto che agli agricoltori. E miravano principalmente allo sviluppo di politiche a sostegno dell'agricoltura industriale, non dei piccoli proprietari.

Da allora sono successe molte cose. In primo luogo, Bill e Melinda Gates hanno annunciato il loro divorzio a maggio di quest'anno, mettendo in dubbio il futuro della Fondazione e le sue sovvenzioni. La notizia è arrivata quando lo stesso Bill Gates è stato preso di mira per aver sostenuto i monopoli di Big Pharma sui brevetti per i vaccini Covid e per aver efficacemente impedito alle persone di avervi accesso in una grande parte del mondo, e per il modo in cui tratta - o maltratta - le donne . 2Anche la strategia agricola della Fondazione ha ricevuto maggiore attenzione. Un rapporto del 2020 della Tufts University ha concluso che il suo lavoro in Africa non era assolutamente all'altezza degli obiettivi che si era prefissata. 3 Il Centro Africano per la Biodiversità ha pubblicato una serie di rapporti che denunciano la Fondazione Gates per sostenere l'introduzione di OGM e altre tecnologie dannose in Africa. 4 E il collettivo americano Right to Know ha lanciato un “Bill Gates Food Tracker” per monitorare le molteplici iniziative in cui Gates è coinvolto nella ristrutturazione del sistema alimentare globale. 5

GRAIN si chiedeva se la Fondazione Gates fosse stata sensibile alle critiche sui suoi finanziamenti per l'alimentazione e l'agricoltura. Ci siamo quindi impegnati ad aggiornare il nostro rapporto 2014, caricare i registri delle sovvenzioni della Fondazione che sono pubblicamente disponibili e creare un database di tutte queste sovvenzioni nel campo dell'alimentazione e dell'agricoltura per il periodo dal 2003 al 2020, quasi due decenni di sovvenzioni. 6

I risultati sono deludenti. Dal 2003 al 2020, la Fondazione ha distribuito un totale di 1.130 sovvenzioni per cibo e agricoltura per un valore di quasi 6 miliardi di dollari, di cui si prevede che quasi 5 miliardi andranno a beneficio dell'Africa. Non c'è stato alcun cambiamento nel tentativo di raggiungere direttamente i gruppi in Africa, nessuna presa di distanza da un approccio tecnocentrico ristretto e nessuno sforzo per adottare una strategia politica più olistica e inclusiva. Naturalmente, l'attività della Gates Foundation non si limita alla concessione di sovvenzioni. Il Fondo Fiduciario della Fondazione, che gestisce la dotazione della fondazione, effettua importanti investimenti nell'agroalimentare, 7 . Queste e altre attività di Bill e Melinda Gates nel campo dell'alimentazione e dell'agricoltura sono illustrate nell'infografica che accompagna questo rapporto 8 .

La Fondazione Gates combatte la fame nel sud donando denaro al nord

La Figura 1 e la Tabella 1 forniscono una panoramica. Quasi la metà delle sovvenzioni della Fondazione per l'agricoltura è andata a quattro grandi gruppi: la rete globale di ricerca agricola del CGIAR, l'Alleanza per una rivoluzione verde in Africa (AGRA – creata nel 2006 dalla Fondazione Gates e -anche con la Fondazione Rockefeller), il African Agricultural Technology Foundation (AATF – un altro hub tecnologico che spinge per l'uso delle tecnologie della Rivoluzione Verde e degli OGM in Africa) e una serie di organizzazioni internazionali (Banca Mondiale, agenzie delle Nazioni Unite, ecc.). L'altra metà ha beneficiato centinaia di organizzazioni che lavorano nella ricerca, nello sviluppo e nella definizione delle politiche in tutto il mondo. La Gates Foundation afferma che l'80% delle sue sovvenzioni va agli agricoltori africani. Ma dei fondi dati a quelle centinaia di organizzazioni, un enorme 82% è andato a gruppi con sede in Nord America e in Europa e meno del 10% a gruppi con sede in Africa.

La distribuzione delle ONG finanziate dalla Gates Foundation è anche peggiore. Quasi il 90% di questi fondi va a gruppi in Nord America ed Europa; Il 5% va direttamente alle ONG africane. La Fondazione Gates sembra avere pochissima fiducia nelle organizzazioni africane che lavorano per conto degli agricoltori africani. Non che vogliamo che la Fondazione Gates invii semplicemente più delle sue sovvenzioni direttamente in Africa, se viene fornita con la stessa strategia di allevamento industriale. Ma queste cifre ci permettono di vedere dove risiedono le priorità della Fondazione.

In confronto, Oxfam spende più della metà dei suoi fondi totali direttamente in Africa e più di un terzo in Asia e America Latina, principalmente attraverso ONG locali in quelle regioni. 9

La Fondazione Gates concede le sue sovvenzioni agli scienziati, non agli agricoltori

Come si può vedere nella Figura 2, il principale destinatario delle sovvenzioni della Gates Foundation è il CGIAR, un consorzio di 15 centri di ricerca internazionali lanciato negli anni '60 e '70 per promuovere la Rivoluzione Verde con nuove sementi, fertilizzanti e prodotti chimici. La Gates Foundation ha donato 1,4 miliardi di dollari ai centri CGIAR dal 2003. Sostenere la ricerca nelle università e nei centri di ricerca nazionali è un'altra priorità di finanziamento della Gates Foundation. Anche in questo caso, la stragrande maggioranza delle sovvenzioni Gates va a università e centri di ricerca in Nord America e in Europa. Insieme, tutta questa ricerca riceve quasi la metà (47%) dei finanziamenti della Gates Foundation.

Il supporto della Fondazione Gates per la ricerca di tipo Green Revolution non si limita agli scienziati. Uno dei maggiori beneficiari dei fondi della Gates Foundation è un'organizzazione di advocacy di alto profilo, l'Alliance for a Green Revolution in Africa (AGRA). Le fondazioni Gates e Rockefeller hanno lanciato AGRA nel 2006 come istituzione "incentrata sull'agricoltore" e "guidata dall'Africa". La realtà è ben diversa. AGRA attua un programma direttiva Green Revolution il cui obiettivo principale è portare nelle mani degli agricoltori africani i nuovi semi e le nuove sostanze chimiche sviluppate da centri di ricerca e aziende finanziate dalla Gates Foundation. AGRA istituisce, finanzia, coordina e promuove reti di aziende produttrici di pesticidi e sementi, nonché agenzie pubbliche per vendere e fornire input agricoli agli agricoltori in tutta l'Africa. Inoltre fa pressioni sui governi africani affinché attuino politiche favorevoli alle aziende di sementi e pesticidi, come brevetti sui semi o regolamenti che consentono gli OGM.

La Gates Foundation ha donato ben 638 milioni di dollari ad AGRA dal 2006, coprendo quasi i due terzi del suo budget complessivo. Ma i risultati di AGRA sono a dir poco deludenti. Nei paesi in cui opera AGRA, le rese delle colture di base sono aumentate solo del 18% negli ultimi 12 anni, ben al di sotto dell'obiettivo di AGRA di raddoppiare le rese. Nel frattempo, la denutrizione (misurata dalla FAO) è aumentata del 30% in questi paesi. 10

Invece di riconoscere che i loro dati dimostrano una completa incapacità di raggiungere i loro obiettivi e cambiare il loro approccio, Bill e Melinda raddoppiano. All'inizio del 2020, hanno lanciato il proprio istituto di ricerca, "Gates Ag One", per accelerare lo sviluppo di nuove sementi e sostanze chimiche e consegnarle più rapidamente agli agricoltori dell'Africa subsahariana e dell'Asia meridionale. 11 Dove avrà sede l'istituto? Non in Etiopia o Sri Lanka, ma a St. Louis, USA, patria della Monsanto e di altri giganti degli OGM e dei pesticidi.

 

La Fondazione Gates acquista influenza politica

In molti modi, sottili e meno sottili, le sovvenzioni della Gates Foundation vengono utilizzate per spingere i responsabili politici ad attuare la sua agenda direttiva sull'agricoltura industriale.

Il “Dialogo ad alto livello sul cibo per l'Africa”, svoltosi il 29 e 30 aprile 2021, illustra questa situazione. 12Questo forum, finanziato dalla Gates Foundation e organizzato da un certo numero di beneficiari della Gates Foundation come la Banca africana di sviluppo, CGIAR e AGRA, aveva lo scopo di lanciare una politica e un programma di finanziamento per promuovere ulteriormente la Rivoluzione Verde in Africa. L'evento ha attirato non meno di 18 capi di Stato africani e una serie di altre personalità di alto profilo. Ma la cosa più notevole è che praticamente tutte le organizzazioni internazionali che operano in Africa che erano nella lunga lista di relatori al dialogo sono destinatari di sovvenzioni della Gates Foundation. Il forum si è concluso con l'impegno a raddoppiare la produttività agricola, cosa che AGRA e la Fondazione Gates promettono, ma non riescono a mantenere.

Naturalmente, la stessa AGRA sta anche attivamente esercitando pressioni sull'agenda politica africana. AGRA è uno dei principali organizzatori dell'annuale Africa Green Revolution Forum (AGRF), che si autodefinisce il principale forum globale per l'agricoltura africana, e tiene riunioni annuali da dieci anni. I suoi partner includono alcune delle principali aziende agrochimiche del mondo, come Bayer, Corteva e Yara, e, naturalmente, la stessa Gates Foundation. Non sorprende che la sua agenda sia chiaramente intesa a sostenere le politiche del governo che supportano un maggiore uso di prodotti fitosanitari, fertilizzanti e semi ibridi. Sul suo sito web, AGRF ha una sezione speciale che chiama Agrobusiness Trading Room, 13 Questo è chiaramente un incontro di affari al servizio degli interessi delle imprese, non degli agricoltori.

Sebbene la maggior parte delle sovvenzioni Gates siano finalizzate alla promozione di soluzioni tecnologiche, molte sono anche orientate al cambiamento delle politiche. Un totale di 45 sovvenzioni sono sovvenzioni politiche o decisionali. Ad esempio, la Iowa State University ha vinto una sovvenzione per sostenere l'attuazione di cambiamenti politici per aumentare la fornitura di nuove sementi (modificate geneticamente in Iowa?) agli agricoltori africani. Il World Economic Forum ha ricevuto una sovvenzione per sostenere una "piattaforma politica per l'innovazione e lo sviluppo della catena del valore nel settore agricolo". E l'African Center for Economic Transformation si è assicurato una sovvenzione per promuovere la trasformazione del agricoltura in Africa puntando a riforme politiche. Inoltre, la Fondazione partecipa attivamente al finanziamento del progetto “Enabling the Business of Agriculture”, implementato dalla Banca Mondiale, tra le tante altre iniziative. 14

L'entusiasmo della Gates Foundation per gli OGM si riflette anche nel database delle sovvenzioni. La Michigan State University ha ricevuto 13 milioni di dollari per creare un centro in Africa che offra formazione ai responsabili politici africani su come utilizzare e promuovere la biotecnologia. L'African Seed Trade Association si è assicurata una sovvenzione per sensibilizzare gli agricoltori "a vantaggio di sostituire le loro vecchie varietà con semi più nuovi". AATF si è assicurata 32 milioni di dollari per aumentare la consapevolezza dei vantaggi della biotecnologia agricola e altri 27 milioni di dollari per finanziare la licenza e la commercializzazione del mais GM in almeno quattro paesi africani. Quindi la Fondazione Gates non solo finanzia l'accettazione pubblica degli OGM, ma finanzia anche direttamente la licenza e la commercializzazione degli OGM in Africa.

I beneficiari di Gates sostengono chiaramente l'agenda Gates e influenzano la politica agricola globale. In poco più di un decennio, AGRA, creata su iniziativa di B. Gates, è riuscita, da zero, a salire al centro delle discussioni di politica agricola del continente. Allo stesso modo, mentre la resistenza agli OGM in Africa rimane elevata, l'AATF è riuscita a far approvare una legislazione che accetti gli OGM, come si è visto di recente in Ghana. È altrettanto importante guardare a coloro che non sono supportati dalla Gates Foundation (agricoltori africani) quanto a coloro che lo sono. La Fondazione non fornisce alcun finanziamento per sostenere i sistemi di sementi dei contadini, che forniscono l'80-90% del seme totale utilizzato in Africa. Fornisce molti fondi alle iniziative che li distruggono. Un altro esempio importante è il modo in cui la Fondazione Gates sostiene la biofortificazione come soluzione alla malnutrizione, distogliendo fondi e attenzione da sforzi molto più pratici e culturalmente appropriati per aumentare la nutrizione migliorando la biodiversità nelle fattorie e l'accesso delle persone a tale nutrizione. 15 Negli ultimi dieci anni circa, la Gates Foundation ha impegnato 73 milioni di dollari in iniziative di biofortificazione che mirano essenzialmente a incorporare artificialmente i nutrienti nei prodotti delle monocolture.

E poi, naturalmente, c'è lo stesso Bill Gates, che siede al tavolo con capi di stato, politici e leader aziendali per convincerli che la sua visione del mondo è quella che vuole. Il mondo si è abituato a vederlo nelle foto mentre stringe la mano o siede accanto ai leader mondiali. In effetti, molti di questi leader sembrano molto ansiosi di essere in queste foto e seguire il suo consiglio. L'ultimo esempio è il "Climate Leaders Summit", convocato virtualmente da Joe Biden, dove B. Gates ha condiviso la sua visione per affrontare la crisi climatica. 16La sua ricetta per affrontare la crisi climatica è molto simile e pericolosa quanto il modo in cui vuole nutrire il mondo: sviluppare nuove tecnologie, fidarsi del mercato e mettere in atto politiche in modo che le aziende possano accelerare l'intero processo. 17

È chiaro che B. Gates non ascolta le persone sul campo e non impara nulla da loro. Allora perché dovremmo ascoltarlo? Piuttosto che ascoltare Bill Gates e la sua agenda tecnologica sulle direttive, dobbiamo combatterli e fermarli sul loro cammino.

GRAIN desidera ringraziare Camila Oda e María Teresa Montecinos per la loro assistenza nella compilazione del database. Mille grazie anche a “A Growing Culture” per il feedback sul progetto e il lavoro svolto sull'infografica.

 

 

 

 

 

 

Tabella 1: Contributi della Fondazione Gates in agricoltura, per tipologia di beneficiario, 2003-2021

Agenzia

Milioni di dollari

Principali beneficiari

CGIAR

1373

Il CGIAR è un consorzio di 15 centri di ricerca internazionali istituito per promuovere la Rivoluzione Verde nel mondo. La Gates Foundation è ora tra i suoi principali donatori. I principali destinatari sono: IFPRI ($ 223 milioni), CIMMYT ($ 346 milioni), IRRI ($ 197 milioni), ICRISAT ($ 151 milioni), IITA ($ 166 milioni), ILRI ($ 74 milioni). milioni), CIP ($ 91 milioni), e altri. La maggior parte delle sovvenzioni assume la forma di sostegno a progetti in questi centri, molti dei quali riguardano lo sviluppo di nuove varietà di colture.

AGRA

638

Un totale di 20 sovvenzioni di funzionamento destinate alle principali aree di interesse di AGRA: sementi, suoli, mercati e pressioni sui governi africani per cambiare le politiche e la legislazione.

Organizzazioni internazionali (ONU, Banca Mondiale, ecc.)

601

Banca Mondiale - BIRS (192 milioni di dollari); Programma alimentare mondiale (WFP) (99 milioni di dollari); UNDP (54 milioni di dollari); FAO (88 milioni di dollari). Fondazione delle Nazioni Unite (76 milioni di dollari). Le sovvenzioni della Banca Mondiale per promuovere gli investimenti pubblici e privati ​​nell'agricoltura fanno la parte del leone (70 milioni di dollari): il WFP aiuta ad ampliare le opportunità di mercato per i piccoli proprietari, l'UNDP a creare aziende agricole rurali nell'Africa occidentale e il sostegno alla FAO è principalmente per il lavoro statistico e politico .

AATF

170

AATF (African Agricultural Technology Foundation) è un'organizzazione di ricerca apertamente pro-OGM e pro-business con sede a Nairobi. La maggior parte del sostegno della Gates Foundation è per lo sviluppo di mais GM tollerante alla siccità, un progetto che secondo molti commentatori è già miseramente fallito . Ma l'AATF riceve anche sostegno per "aumentare la consapevolezza delle biotecnologie agricole per comprenderle e apprezzarle meglio" e per ottenere l'approvazione della legislazione che consenta gli OGM nei paesi africani.

Università e centri di ricerca nazionali.

1393

Più di tre quarti dei finanziamenti della Gates Foundation per università e centri di ricerca vanno a istituzioni situate negli Stati Uniti e in Europa, come le università di Cornell, Michigan e Harvard negli Stati Uniti e le università di Cambridge e Greenwich nel Regno Unito, tra molti altri. Il lavoro sostenuto è una combinazione di ricerca agronomica di base, zootecnia o ricerca molecolare e ricerca politica. Molti di loro riguardano l'ingegneria genetica. La Michigan State University, ad esempio, ha ricevuto 13 milioni di dollari per aiutare i responsabili politici africani a "prendere decisioni informate su come utilizzare la biotecnologia".

Sebbene la maggior parte delle sovvenzioni della fondazione siano destinate a beneficio dell'Africa, solo l'11% delle sue sovvenzioni alle università e ai centri di ricerca va direttamente alle università e agli istituti di ricerca africani (147 milioni di dollari in totale, di cui 30 milioni per il Forum universitario regionale con sede in Uganda e istituito dalla Fondazione Rockefeller).

Fornitori di servizi delle ONG

1446

La Gates Foundation li vede come agenti incaricati di svolgere il proprio lavoro sul campo. Includono sia grandi ONG che fondazioni di sviluppo e le attività sostenute hanno generalmente un aspetto di sviluppo tecnologico molto forte, o si riferiscono al lavoro politico o educativo in linea con la filosofia della fondazione. Non meno del 70% di queste sovvenzioni finisce con i beneficiari negli Stati Uniti e il 19% in Europa. Le ONG africane ricevono il 4% delle sovvenzioni delle ONG (73 milioni di dollari in totale, di cui 36 milioni di dollari vanno a gruppi in Sud Africa e altri 13 milioni di dollari a Farm Concern International, una ONG con sede a Nairobi la cui missione è sviluppare "modelli di business guidati dal mercato ” per i piccoli agricoltori).

Aziende

244

Una parte relativamente piccola del finanziamento della Gates Foundation va direttamente al settore aziendale. La maggior parte delle sovvenzioni riguarda tecnologie specifiche sviluppate dalle aziende coinvolte. I principali destinatari includono la World Cocoa Foundation (31 milioni di dollari), una struttura aziendale che rappresenta i principali trasformatori di alimenti e cacao a livello mondiale, per migliorare l'efficienza del marketing e della produzione, e Zoetis (una società veterinaria transnazionale con sede in Belgio - 14 milioni di dollari) per fornire prodotti veterinari a agricoltori.

Totale

5865

 

 

 

Tabella 2: Beneficiari di sovvenzioni agricole della Gates Foundation, primi 10 paesi, 2003-2021 (escluse le sovvenzioni a CGIAR, AGRA, AATF e organizzazioni internazionali)

Paese

Milioni di dollari

Principali beneficiari

stati Uniti

1.657

Gli Stati Uniti sono di gran lunga il più grande paese beneficiario delle sovvenzioni agricole della Gates Foundation per aiutare gli agricoltori nei paesi poveri: 1.657 milioni di dollari in oltre 400 sovvenzioni. I beneficiari includono università e istituti di ricerca statunitensi che mirano a produrre varietà vegetali e fare ricerca biotecnologica per gli agricoltori in Africa (ad esempio, la Cornell University ha ricevuto l'enorme somma di 212 milioni di dollari in 26 sovvenzioni), grandi progetti di ONG incentrati principalmente sulla tecnologia e sullo sviluppo del mercato ( ad esempio Heifer, con $ 51 milioni per sviluppare la produttività del bestiame e Technoserve Inc., con $ 51 milioni per promuovere nuove tecnologie) e numerosi progetti politici e di rafforzamento delle capacità volti a promuovere gli obiettivi della Fondazione in Africa e altrove.

UK

466

Un totale di 81 sovvenzioni incentrate sulla ricerca, ad esempio a beneficio dell'Università di Greenwich per lavorare su parassiti e malattie della manioca e di altre colture (10 sovvenzioni per un totale di 73 milioni di dollari) e l'Alliance Global Veterinary Medicines for Livestock Fund (9 sovvenzioni per un totale di 169 dollari milioni ) per produrre medicinali per il bestiame e vaccini venduti dal settore privato agli agricoltori africani.

Germania

154

Otto sovvenzioni all'Agenzia tedesca per la cooperazione internazionale (GIZ) per lo sviluppo di catene di approvvigionamento per i produttori africani di anacardi e riso e altri progetti (57 milioni di dollari) e altre tre sovvenzioni alla Società di investimento tedesca per lavorare, tra le altre cose, sulla coltivazione di cotone e caffè in Africa (47 milioni di dollari ).

India

98

33 sovvenzioni in totale, rivolte a vari beneficiari, di cui tre sovvenzioni a PRADAN (34 milioni di dollari per la formazione delle donne agricoltrici) e tre sovvenzioni a BAIF (16 milioni di dollari ) per dare agli agricoltori l'accesso all'allevamento più recente.

Olanda

95

Principalmente per cinque borse di studio all'Università di Wageningen per la ricerca agricola sui legumi da granella, il sostegno all'agricoltura digitale e altri progetti (57 milioni di dollari ).

Canada

74

Un totale di 20 sovvenzioni, principalmente alle università, per consentire l'adozione di nuove tecnologie, per sviluppare filiere commerciali per i semi di manioca in Tanzania e per produrre vaccini contro le malattie del bestiame, oltre ad altri programmi.

Australia

61

Un totale di 24 sovvenzioni per lo più concesse a università e centri di ricerca (inclusi 30 milioni di dollari all'Università del Queensland) per sviluppare ibridi di sorgo e fagiolo dall'occhio per l'Africa e fornire bestiame geneticamente migliorato, nonché altri programmi.

Cina

48

Principalmente per l'Accademia cinese di agronomia (due sovvenzioni per un totale di 33 milioni di dollari ) per lo sviluppo di nuove varietà di riso per gli agricoltori di tutto il mondo.

Uganda

46

Principalmente per RUFORUM (due sovvenzioni per un totale di oltre 30 milioni di dollari a sostegno delle università di ricerca agricola della regione). RUFORUM è stato istituito come programma della Fondazione Rockefeller nel 1992 ed è diventato un Forum universitario regionale indipendente nel 2004.

Kenia

43

Sovvenzioni a Farm Concern International per creare catene del valore orientate al mercato per un certo numero di colture e ad un certo numero di aziende agroalimentari attive nella regione per fare lo stesso.

Totale dei primi 10 paesi beneficiari

2.742

2,7 miliardi di dollari, ovvero quasi la metà di tutte le sovvenzioni della Gates Foundation nel settore agricolo, sono andate a beneficiari in quei 10 paesi: oltre il 90% ai paesi del nord.

1 GRAIN, “In che modo la Gates Foundation spende i suoi soldi per sfamare il mondo? Novembre 2014. https://grain.org/e/5076

2 Vedi: Luke Savage "Bill Gates Chooses Corporate Patent Rights Over Human Lives" in Jacobin, 2021. https://jacobinmag.com/2021/04/bill-gates-vaccines-intellectual-property-covid-patents e: Tim Schwab, “La caduta della Casa dei Cancelli? », in The Nation, maggio 2021, https://www.thenation.com/article/society/gates-me-too-divorce/

3 Timothy A. Wise, “Failing Africa's Farmers: An Impact Assessment of the Alliance for a Green Revolution in Africa”, Tufts University, luglio 2020. https://sites.tufts.edu/gdae/files/2020/07/20 -01_Wise_FailureToYield.pdf

4 Vedi: https://www.acbio.org.za/publications?search_api_fulltext=Gates&sort_by=field_publication_date

5 Vedi: https://usrtk.org/category/bill-gates-food-tracker/

6 È possibile accedere al database originale della Gates Foundation sul loro sito Web: https://www.gatesfoundation.org/about/committed-grants . Il database GRAIN, che include una raccolta di diverse tipologie di beneficiari, può essere scaricato da https://drive.google.com/file/d/1-ItZGNKANeY00Rv-LRxotRVjStoSXyor/view?usp=sharing e

https://drive.google.com/file/d/1xjg8JYU_TTa2q5VvY9Aob0o_SUOcecE6/view?usp=sharing

7 Vedi anche: GRAIN, “The Barbarians at the Farm Gate: Private Equity Attacking Agriculture”, 2020, https://grain.org / e /6540

8 Per uno sguardo più approfondito a ciascuna categoria, visita la pagina Instagram di GRAIN: https://www.instagram.com/grain_org/

9 Cfr.: https://www.oxfam.org/fr/découvert/qui-sommes-nous/finances-et-transparence

10 Timothy A. Wise, “Failing Africa's Farmers: An Impact Assessment of the Alliance for a Green Revolution in Africa”, Tufts University, luglio 2020. https://sit es.tufts.edu/gdae/files/2020/07/ 20-01_Wise_FailureToYield.pdf

11 Vedi: “Bill & Melinda Gates Foundation Statement on Creation of Nonprofit Agricultural Research Institute”, Seattle, 21 gennaio 2020. https://www.gatesfoundation.org/ideas/media-center/press-releases/2020/01/ cancelli -fondazione-dichiarazione-sulla-creazione-di-istituto-di-ricerca-agraria-senza-lucro

12 Vedi: https://www.afdb.org/fr/evenements/nourrir-lafrique-leadership-pour-intensification-les-innovations-success

13 Vedi: https://agrf.org/dealroom/

14 Vedi: “The unholy Alliance”, Oakland Institute, 2016. https://www.oaklandinstitute.org/sites/oaklandinstitute.org/files/unholy_alliance_web.pdf

15 GRAIN, “Colture biofortificate o biodiversità? La battaglia per soluzioni reali alla malnutrizione è iniziata”, 4 giugno 2019: https://grain.org/e/6244

16 Vedi: https://www.state.gov/leaders-summit-on-climate/

17 https://www.geekwire.com/2021/bill-gates-shares-3-steps-clean-energy-economy-message-leaders-summit-climate/

 

Ecuador: 14° giorno di sciopero generale (paro gen...
Dove inizia la discesa lungo un piano inclinato de...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 10 Dicembre 2022

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema