Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Ecuador: 14° giorno di sciopero generale (paro general). La lotta continua!

ecuadorrb

Conaie ratifica la prosecuzione dello sciopero in Ecuador fino a quando le sue richieste non saranno soddisfatte

Inizio modulo

Questa domenica, il presidente della Conferenza nazionale delle nazionalità indigene (Conaie), Leonidas Iza, ha confermato che il paro general (lo sciopero generale) continuerà.

In Ecuador continuano le proteste del movimento popolare contro il governo di Guillermo Lasso, quando questa domenica ricorre il suo 14° giorno di sciopero, mentre l'Assemblea nazionale si prepara a riprendere la sessione per studiare la rimozione del presidente.

Questa domenica, il presidente della Conferenza nazionale delle nazionalità indigene (Conaie) dell'Ecuador, Leonidas Iza, ha confermato che lo sciopero generale a tempo indeterminato e la mobilitazione nelle province e nella città di Quito proseguiranno. Iza ha ricordato di non essere venuta a Quito per rimuovere il governo, ma di essere nella capitale perché i 10 punti all'ordine del giorno proposti dall'organizzazione indigena siano rispettati.

"Siamo stanchi ma non ci arrendiamo. Quindi continueremo a stare qui. Chiedo molta solidarietà tra tutti noi. Abbiamo rischiato la nostra vita e la nostra libertà, ma continueremo in questa lotta per il 10 punti all'ordine del giorno", ha detto. “Compagne e compagni a livello provinciale, questa mobilitazione in realtà non è finita, resta nei territori e noi rimaniamo qui nella città di Quito”, ha sottolineato. Ha sottolineato che le questioni centrali non sono state ancora affrontate. "Il problema del carburante non è stato risolto, il problema finanziario non è stato risolto, il problema del petrolio minerario non è stato risolto, il problema dei prezzi bassi per i prodotti contadini non è stato risolto".

Inoltre, ha sottolineato che, “grazie a questa lotta”, sono riusciti a dichiarare emergenza sanitaria, raddoppiare il budget per l'educazione interculturale bilingue e condannare debiti fino a tremila dollari, tra l'altro. 

Questo sabato sera, la Conaie ha riferito che nell'assemblea popolare allargata si è deciso di rimanere nella mobilitazione fino al raggiungimento dei risultati dell'agenda in 10 punti.

D'altra parte, la sessione plenaria dell'Assemblea nazionale continua a discutere questa domenica, 26 giugno, la richiesta di impeachment del presidente Lasso, a causa di una grave crisi politica e di tumulti interni, sollevata dalla legislatrice Patricia Núñez, con il sostegno di 47 membri dell'assemblea del caucus di Union for Hope (UNES). Nella prima giornata di lavoro sono intervenuti 32 membri dell'assemblea, per un periodo superiore alle sette ore, dopodiché il presidente dell'Assemblea nazionale, Virgilio Saquicela, ha sospeso la seduta di oggi alle ore 16, in virtù del fatto che le richieste di intervento sono 40.

Resumen Latinoamericano 26 giugno 2022

Intanto la repressione del governo ha ucciso il quarto manifestante, nonostante le manifestazioni siano pacifiche. Una delle condizioni che ha posto la CONAIE (Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador) per iniziare i negoziati con il Governo di Guillermo Lasso è la “cessazione immediata delle azioni di repressione e criminalizzazione”. A questa richiesta si aggiungono “l’abrogazione dello stato d’emergenza e garanzie di non imporre nuovi decreti nell’ambito dell’attuale sciopero nazionale”, la “cessazione dell’attacco e il rispetto delle zone di protezione umanitaria” e “che tutta l’agenda sia posta sul tavolo e non ci siano punti inattuabili per il governo, ma sforzi per esaudire la protesta cittadina”


Gli indigeni e i governi dell'Ecuador

Le organizzazioni comunali indigene sono sopravvissute sia al regime razzista dell'impero spagnolo che a quello dello Stato nazionale, che ha ignorato i diritti dei popoli indigeni.

Nonostante gli indigeni nel corso della storia siano stati vittime dell'oblio, nei loro piccoli territori si mantiene il senso di appartenenza ai runa . Nonostante siano bollati come ritardati, sopravvivono e costituiscono una realtà innegabile nel nostro Paese. Si stima che ci siano più di 2.000 comunità indigene in Ecuador.

I membri della comunità vivono in modo semplice, rispettano il loro ambiente naturale, si fidano dei loro leader, parlano la loro lingua, controllano la loro vita sociale, educano i loro figli ai valori ancestrali. Per l'Amministrazione le comunità sono rimasugli del passato che non sono all'altezza dello Stato.

Storicamente, le piccole organizzazioni comunitarie sono sopravvissute a strutture economiche e politiche ufficiali. In primo luogo, a quelli dello Stato spagnolo, imperiale e cristiano, che distinguevano molto bene tra conquistatori e conquistati; poi a quelli dello Stato nazionale, daltonico di fronte ai diritti delle nazioni originarie.

Il colonialismo e l'esclusione nazionale non sono stati superati, e ora le comunità devono fare i conti con uno Stato liberale il cui mercato e il cui progresso richiedono sempre più risorse naturali, mentre privilegia le grandi aziende nella produzione alimentare, impone leggi, reprime la protesta sociale, incoraggia il razzismo, sostituisce l'identità con cittadinanza.

Il governo non è in grado di rispondere a domande del tipo: perché gli indigeni, proprietari originari di queste terre, non sono considerati attori del cambiamento politico e sociale? Chi è incaricato di riparare e recuperare i campi comunali? A quali condizioni i migranti abitare in quartieri periferici? C'è un'istituzione che li aiuti a trovare lavoro? Esistono centri specializzati per preservare lingue e culture? Quali strutture sanitarie sono disponibili? razzismo per gli indigeni che vengono nelle città?

Sono domande a cui i ritornelli dei governi non danno risposta.

Ileana Almeida:  filologa, professoressa universitaria e scrittrice. I suoi libri includono  miti cosmogonici delle popolazioni indigene dell'Ecuador.

Publicado originalmente en Rebelión.

 

La voce del padrone
Come la Fondazione Gates sta spingendo il sistema ...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 19 Agosto 2022

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema