Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Riscaldamento globale e future pandemie.

ecologia

Riscaldamento globale e future pandemie.

Uno studio pubblicato dalla rivista Nature indica che la migrazione degli animali dovuta all'aumento della temperatura globale e alla distruzione degli habitat causerà una "rete di nuovi virus" che potrebbero influenzare la salute umana. Come possibile piano di mitigazione, esortano i governi a migliorare il controllo zoonotico e la capacità di risposta del sistema sanitario.

Il riscaldamento globale potrebbe innescare la prossima pandemia. Lo rivela lo studio scientifico intitolato "Il cambiamento climatico aumenta il rischio di trasmissione virale tra specie", pubblicato sulla rivista Nature . La ricerca analizza una futura "rete di nuovi virus" che salterà da specie a specie e che aumenterà con il riscaldamento del pianeta, a causa della migrazione di animali selvatici dovuta all'aumento della temperatura planetaria. Il lavoro indica che l'epicentro di questo fenomeno sarà l'Africa tropicale, il sud-est asiatico e le aree dove la popolazione umana è più densa nel 2070. Lo studio considera "inevitabile" che il mondo sarà "più caldo e più malato",

Lo studio sostiene che nei prossimi 50 anni il cambiamento climatico potrebbe causare più di 15.000 nuovi casi di mammiferi che trasmettono virus ad altri mammiferi. Attualmente, almeno 10.000 virus capaci di "saltare" nell'uomo circolano "silenziosamente" tra i mammiferi selvatici, afferma il rapporto pubblicato su Nature . Questa indagine è una delle prime a prevedere come il riscaldamento globale cambierà gli habitat della fauna selvatica e aumenterà gli incontri tra specie in grado di scambiare agenti patogeni.

Il cambiamento climatico porterà un gran numero di animali a fuggire dai loro ecosistemi. Mescolandosi tra loro, le specie trasmetteranno più virus, il che favorirà l'emergere di nuove malattie potenzialmente trasmissibili all'uomo, anticipa lo studio. Allo stesso modo, rivela che sempre più animali selvatici stanno fuggendo dai loro habitat che sono stati danneggiati dall'aumento delle temperature, dal regresso delle foreste tropicali, dall'avanzamento dell'urbanizzazione e delle aree coltivate e dal traffico di specie selvatiche .

Gli animali migrano verso nuovi territori, più favorevoli alla loro presenza, ma corrono il rischio di incontrare specie a loro sconosciute. In questo modo gli ecosistemi vengono ridistribuiti geograficamente e potrebbero verificarsi più di 300.000 "primi incontri" tra specie . Mescolandosi per la prima volta, questi mammiferi formeranno nuove comunità. Questo è un terreno fertile per nuovi incroci di infezione, soprattutto virali.

Ad esempio, i pipistrelli giocano un ruolo centrale - afferma lo studio - poiché trasportano numerosi virus ma senza sviluppare la malattia. Tuttavia, possono infettare gli esseri umani attraverso un altro animale. Questo processo è chiamato zoonosi ed è all'origine di diverse epidemie come Covid-19 o Ebola. "I pipistrelli hanno un grande potenziale per la diffusione del virus e possono infettare un gran numero di specie con cui incontrano per la prima volta", sottolinea lo studio. Il team afferma che, in parte perché i pipistrelli possono volare, è meno probabile che incontrino ostacoli al cambiamento dei loro habitat.

Gli autori della ricerca sostengono che il futuro aumento della temperatura globale "è irreversibile, anche se il riscaldamento globale è limitato a 2ºC" . Precisano che saranno interessate la zona del Sahel —a sud del deserto del Sahara, in Africa—, gli altopiani dell'Etiopia e la Rift Valley —nell'Africa tropicale orientale—, l'India, la Cina orientale, l'Indonesia, le Filippine e alcune popolazioni dell'Europa centrale.

La ricerca, che si è svolta nell'arco di cinque anni, ha incrociato vari modelli climatici, dati sulla distruzione degli habitat naturali e sul modo in cui i virus si trasmettono tra le specie. Lo studio è stato condotto tenendo conto di un totale di 3139 specie di mammiferi, questa classe di animali è quella che ospita una grande diversità di virus che possono essere trasmessi all'uomo.

Il team che ha svolto questo lavoro è composto da Colin Carlson, Gregory Albery, Cory Merow, Christopher Trisos, Casey Zipfel, Evan Eskew, Kevin Olival, Noam Ross e Shweta Bansal.

Un pianeta più caldo e più malato: niente da fare?

Durante la pandemia di Covid 19, almeno tre studi accademici hanno ipotizzato che l'epidemia sia iniziata quando un coronavirus precedentemente sconosciuto è passato da un animale selvatico a un essere umano, cioè la trasmissione zoonotica. "Forniamo la prova che nei prossimi decenni il mondo non sarà solo più caldo, ma anche più malato ", ha affermato Gregory Albery, biologo della Georgetown University di Washington e coautore dello studio, all'agenzia DW .

Questo studio è "un primo passo fondamentale per comprendere il rischio futuro del cambiamento climatico e dell'uso del suolo nella prossima pandemia", ha affermato Kate Jones, che modella le interazioni tra ecosistemi e salute umana presso l'University College di Londra.

Jones ha elogiato lo studio ma ha esortato alla cautela nel discutere le sue implicazioni per la salute umana. "Prevedere il rischio di salti virali dai mammiferi all'uomo è più complicato, poiché questi effetti collaterali si verificano in un complesso contesto socioeconomico ecologico e umano", ha affermato. Molti fattori potrebbero ridurre il rischio per la salute umana, incluso un aumento degli investimenti nell'assistenza sanitaria o un virus che non è in grado di infettare gli esseri umani per qualche motivo, ha aggiunto.

Gregory Albery e Colin Carlson, autori dell'articolo Nature, affermano che mentre un certo aumento della trasmissione della malattia è inevitabile, questa non è una scusa per l'inazione. Pertanto, i ricercatori chiedono ai governi e alla comunità internazionale di migliorare il monitoraggio e la sorveglianza della fauna selvatica e delle malattie zoonotiche, in particolare nei futuri hotspot come il sud-est asiatico. Anche il miglioramento delle infrastrutture sanitarie è essenziale, avvertono.

Morti per inquinamento dell'aria e dell'acqua

D'altra parte, la rivista The Lancet ha pubblicato un rapporto in cui si afferma che l'inquinamento ambientale ha causato nove milioni di morti in un anno. Una morte prematura su sei è associata a componenti dannosi nell'ambiente, afferma la rivista scientifica britannica. Il dato è aggravato dalla scarsa qualità dell'aria e dalla presenza di contaminanti chimici, ha evidenziato la Lancet Commission on Pollution and Health.

Secondo una ricerca pubblicata il 18 maggio, nel 2019, circa 6,7 ​​milioni di morti premature sono attribuibili all'inquinamento atmosferico, 1,4 milioni all'inquinamento dell'acqua e 900.000 all'avvelenamento da piombo.

L'autore principale dello studio, Richard Fuller, ha aggiunto che "l'impatto sulla salute dell'inquinamento rimane di gran lunga maggiore di quello di guerra, terrorismo, malaria, HIV, tubercolosi, droghe e alcol. Il numero di decessi causati dall'inquinamento rivaleggia con quello causato dal tabacco.

L'inquinamento e i rifiuti espulsi nell'aria, nell'acqua e nel suolo di solito non uccidono direttamente, ma sono la causa di gravi malattie cardiache, cancro, problemi respiratori e diarrea acuta, indica il rapporto. "Gli effetti sulla salute sono enormi e i paesi a basso e medio reddito sono i più colpiti", ha affermato lo specialista.

Da: https://agenciatierraviva.com.ar/el-calentamiento-global-y-las-futuras-pandemias/

 

L'indignazione occidentale per la guerra suona ipo...
La carcerizzazione come soluzione dei problemi soc...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 30 Settembre 2022

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema