Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Se le banche tengono il cappio al collo dello Stato

disuguaglianze-sociali

Riceviamo e publichiamo da Blog lavoratori e delegati indipendenti

Un quarto del debito pubblico italiano è nelle mani degli istituti di credito, di conseguenza non possiamo aspettarci decisioni radicali da parte del Governo dentro il quale ci sono componenti che tendono ad affievolire il già esiguo prelievo degli extraprofitti escludendo riducendo il numero delle Banche interessate.

 Un quarto del debito pubblico italiano è nel portafoglio degli Istituti di credito e dai fondi e dalle sgr da loro controllati.

SGR ossia “Società di Gestione del Risparmio”, sono  promosse da banche, assicurazioni, grandi società finanziarie. Le Sgr creano i fondi comuni di investimento e gestiscono i soldi loro affidati da risparmiatori e società. Tra i possessori del debito si ritrovano anche alcuni Fondi pensioni.

Da quando è scoppiata la nuova crisi derivante dalla guerra, dall'aumento del costo del denaro e con la fine della politica monetaria espansiva gli Istituti di credito hanno cercato di vendere parte del debito pubblico nelle loro mani. In realtà la decisione è arrivata dopo le nuove direttive della Bce, fino a un anno fa si potevano esibire i titoli di stato per ricevere soldi a tasso agevolato, poi la stretta monetaria della Comunità  ha ridotto i rendimenti su queste operazioni e da qui la necessità di alleggerire i portafogli da parte degli Istituti di credito italiani e di altri paesi della Ue.

Non risulta più conveniente come nel passato acquistare titoli di stato, ci potrebbero essere anche conseguenze negative per gli istituti di credito e da qui la richiesta di addolcire ulteriormente la tassa sugli extraprofitti potrebbe essere accolta dal Governo per non inimicarsi il potere finanziario

Federico Giusti

Vita da stagista
LO STATO CONTRO LA STAMPA LIBERA. ARRESTARE, CONFI...
 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 28 Maggio 2024

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema