Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

I posti perduti nella Pubblica amministrazione

pa

 

Se 5 mila vi sembran tanti, provate voi a capire quanti posti abbiamo perduto nella Pubblica amministrazione....

È uscita la notizia dello sblocco di alcune assunzioni nella Pubblica amministrazione, parliamo di circa 5 mila posti negli uffici centrali, nei ministeri e nelle agenzie fiscali. 

Tuttavia la notizia trae in inganno soprattutto se guardiamo i numeri reali, infatti dopo anni di tagli e di blocchi in materia di salari e assunzioni, leggere di concorsi nella Pubblica amministrazione e di rapide messe in ruolo potrebbe indurre a facili ottimismi. Prima di parlare dei numeri ricordiamoci che i tempi non saranno così rapidi tra controlli della Corte dei Conti, procedure di mobilità, scorrimento delle poche graduatorie ancora valide e nuovi concorsi che hanno tempi non certo brevi.

Prima di essere indotti a ottimismo, pensiamo alle migliaia di posti di lavoro perduti solo negli ultimi mesi in virtu' della quota 100 e ai colleghi che andranno via nel 2020, del resto con l'arrivo del nuovo Governo e di un quadro politico ed economico in evoluzione, il timore, fondato o no che sia, sulla quota 100 e su una eventuale riduzione temporale dei 3 anni di applicazione potrebbe indurre a ulteriori uscite dalla pubblica amministrazione.

Il gioco di prestigio del Governo uscente è stato quello di spendere tutte insieme le risorse per le assunzioni degli anni precedenti e del 2019, ecco spiegato il numero delle 5 mila unità, una decisione presa in fretta e furia con le varie amministrazioni che potranno avanzare, intanto, richieste di assunzioni nuove, e per diversi profili professionali da quelli decisi dal Dpcm pur sapendo che i soldi sono pochi e i tempi di risposta lunghi.

Prima delle dimissioni il Governo uscente ha cercato di salvare la faccia con questo Dpcm vista la situazione drammatica in cui versano tanti uffici della Pubblica amministrazione ma trascorreranno, se va bene, mesi prima di avere in servizio effettivo queste unità considerato anche il reale budget per le assunzioni con i risparmi del 2018 spendibili solo da metà novembre 2019

Queste assunzioni sono una goccia nel mare rispetto ai posti di lavoro perduti negli ultimi dieci anni e rispetto alle uscite in quota 100, permangono poi tutti i tetti in materia di spesa di personale, le regole costruite ad arte per ridurre la spesa pubblica come per esempio la possibilità di spendere i risparmi solo un anno dopo. Solo negli enti locali, in dieci anni, abbiamo perso oltre 80 mila posti di lavoro, le assunzioni in corso previste dai piani triennali non tengono conto degli organici effettivi perduti negli anni del blocco del turn over o di limitate facoltà assunzionali.

Non si tratta allora solo di sostituire chi va in pensione (e anche sui numeri delle uscite la percezione diffusa è ben diversa da quella del Governo) ma di recuperare almeno una parte dei dipendenti pubblici perduti nei dieci anni di austerità ma ad oggi i vari Governi sono sembrati sordi e ciechi.  Recupero degli organici, riforma e modernizzazione della Pubblica amministrazione dovrebbero essere una delle grandi sfide per il prossimo esecutivo, al contrario si continua a navigare a vista, a ideare tempistiche e modalità di contenimento della spesa che non aiutano i servizi pubblici e men che mai il paese.

Federico Giusti – Pisa

 

 

 

La crisi che nessuno vuol vedere.
Lettera dal carcere

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 18 Settembre 2019

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema