Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

L'indignazione occidentale per la guerra suona ipocrita nel Sud.

noam-chomsky-politica-filosofia-pensamiento-2020-guerra-nuclear

L'indignazione occidentale per la guerra suona ipocrita nel sud.

08 luglio 2022

La sicurezza della popolazione non è una questione che riguarda i politici. La sicurezza dei privilegiati, dei ricchi, del settore degli affari, dei produttori di armi, sì, lo è, ma non del resto di noi.

Di David Barsamian per JACOBIN

A novantatre anni, Noam Chomsky condivide ancora la sua conoscenza e saggezza con una generazione più giovane di militanti di sinistra. In questa nuova intervista, parla delle ipocrisie dell'impero americano e del perché è davvero essenziale ridurre immediatamente l'enorme budget militare per costruire una società dignitosa. Abbiamo trascritto quest'ultima conversazione che ha avuto con David Barsamian di Alternative Radio, precedentemente pubblicata su  TomDispatch .

—Entriamo nell'incubo più ovvio del momento, la guerra in Ucraina e le sue conseguenze nel mondo. Ma prima, definiamo un po' lo sfondo di questo conflitto. Cominciamo con la dichiarazione del presidente George HW Bush a Mikhail Gorbachev, allora capo dell'Unione Sovietica, che la NATO non si sarebbe spostata di un centimetro a est. Quella promessa è stata mantenuta. Ora, perché Gorbaciov non ha chiesto un impegno formale?

«Ha accettato un accordo tra gentiluomini, il che non è così insolito in diplomazia. Una stretta di mano. Inoltre, il fatto che l'impegno fosse stato formalizzato per iscritto non avrebbe affatto modificato la situazione. Anche i trattati formali vengono continuamente infranti. Ciò che conta è la buona fede. E, infatti, HW Bush, il primo Bush, ha esplicitamente onorato l'accordo. Ha persino stabilito una società pacifica che ha temperato i paesi dell'Eurasia. La NATO non è stata sciolta, ma è stata messa da parte. Paesi come il Tagikistan, ad esempio, hanno potuto aderire alla NATO senza dover formalizzare la loro adesione. E Gorbaciov approvò. Pensava che tutto ciò avrebbe rappresentato un passo verso la creazione di quella che chiamava una patria europea comune senza alleanze militari.

Durante i primi anni del suo mandato, anche Bill Clinton ha aderito a questo accordo. Gli specialisti affermano che Clinton ha iniziato ad avere un doppio standard dal 1994. Ai russi ha detto: "Sì, aderiremo all'accordo". Alla comunità polacca negli Stati Uniti e ad altre minoranze etniche, ho detto: "Non preoccuparti, ti porteremo nella NATO". Tra il 1996 e il 1997, Clinton disse queste cose in modo abbastanza esplicito al suo amico Boris Eltsin, il presidente della Russia che aveva aiutato a vincere le elezioni del 1996. Gli disse: “Non insistere troppo su questa cosa della NATO. Ci espanderemo, ma ne ho bisogno a causa del voto etnico negli Stati Uniti".

Nel 1997 Clinton invitò i paesi del cosiddetto Gruppo di Visegrad – Ungheria, Cecoslovacchia, Romania – ad aderire alla NATO. I russi non erano a loro agio con l'argomento, ma non hanno fatto storie. Quindi, i paesi baltici si sono uniti... Ancora una volta la stessa cosa. Nel 2008, il secondo Bush, molto diverso dal primo, ha invitato Georgia e Ucraina ad aderire alla NATO. Tutti i diplomatici americani sapevano bene che Georgia e Ucraina erano le linee rosse della Russia. Sono in grado di tollerare l'espansione in qualsiasi altra parte, ma non in questi territori che fanno parte del loro centro geostrategico. La storia continua con l'Euromaidan del 2014, che ha rovesciato il presidente filo-russo e ha spostato gli occhi dell'Ucraina verso l'Occidente.

Dal 2014, gli Stati Uniti e la NATO hanno iniziato a inviare armi in Ucraina... Armi moderne, addestramento militare, prove militari e operative congiunte per integrare l'Ucraina nel comando militare della NATO. Niente di tutto questo è segreto. È una politica piuttosto esplicita. Di recente, Jens Stoltenberg, Segretario generale della NATO, si è vantato di questa campagna. Ha detto: "È quello che facciamo dal 2014". Naturalmente lo dice consapevolmente e per provocare. Sapevano che si stavano impegnando in una mossa che qualsiasi leader russo avrebbe trovato intollerabile. Nel 2008 Francia e Germania avevano posto il veto a questa politica, ma la pressione degli Stati Uniti ha mantenuto la questione all'ordine del giorno. E la NATO, cioè gli Stati Uniti, iniziò ad operare per accelerare l'integrazione de facto dell'Ucraina nel comando militare della NATO.

Nel 2019 Volodymyr Zelensky è stato eletto a stragrande maggioranza – credo abbia ottenuto il 70% dei voti – con una piattaforma di pace, con un piano per garantire la pace con l'Ucraina orientale e con la Russia, cioè con l'obiettivo di risolvere il problema. Ha iniziato ad avanzare e in realtà ha cercato di andare verso il Donbas per attuare quello che viene chiamato l'accordo di Minsk II. Ciò avrebbe comportato una sorta di federalizzazione dell'Ucraina concedendo un certo grado di autonomia al Donbas, come volevano i suoi abitanti. Qualcosa di simile a quello che succede con la Svizzera o il Belgio. Ma le milizie di destra hanno bloccato l'azione e minacciato di assassinare Zelensky se avesse insistito con la sua campagna.

Be', è un ragazzo coraggioso. Avrebbe potuto avanzare se avesse avuto il sostegno degli Stati Uniti. Ma gli Stati Uniti hanno negato. Non ha fornito alcun supporto e ciò ha lasciato Zelensky in sospeso e ha dovuto fare marcia indietro. Gli Stati Uniti erano determinati a continuare la loro campagna per integrare gradualmente l'Ucraina nel comando militare della NATO. Ciò è stato accelerato con l'elezione di Biden. A settembre 2021 è stato possibile leggere tutto questo sul sito web della Casa Bianca. Non c'era un rapporto ufficiale, ma ovviamente i russi lo sapevano. Biden ha annunciato un programma, una dichiarazione congiunta per accelerare il processo di addestramento militare e spedizioni di armi, che facevano parte di quello che la sua amministrazione ha definito un "programma esteso" in preparazione all'adesione alla NATO.

Il processo è accelerato ancora di più a novembre. Tutto questo prima dell'invasione. Antony Blinden, Segretario di Stato degli Stati Uniti, ha firmato qualcosa chiamato statuto, che sostanzialmente formalizzava ed estendeva il precedente accordo. Un portavoce del Dipartimento di Stato ha ammesso che, prima dell'invasione, gli Stati Uniti si erano rifiutati di discutere qualsiasi questione relativa alla sicurezza della Russia. Tutto questo fa parte dello sfondo della guerra in Ucraina.

Il 24 febbraio Vladimir Putin ha iniziato la sua invasione criminale. Tutte le precedenti provocazioni, per quanto importanti, non giustificano l'invasione. Se Putin fosse stato un vero statista, avrebbe fatto qualcos'altro. Avrebbe parlato con il presidente della Francia, Emmanuel Macron, studiato le sue proposte e poi cercato di raggiungere un accordo con l'Europa con l'obiettivo di costruire una patria europea comune.

Naturalmente, gli Stati Uniti si sono sempre opposti a quell'idea. Questo risale alla storia della Guerra Fredda e alle iniziative del presidente de Gaulle per stabilire un'Europa indipendente. La sua frase "Dall'Atlantico agli Urali" contiene l'idea di integrare la Russia in Occidente, un programma abbastanza naturale per questioni commerciali e ovviamente di sicurezza. Quindi, se nella cerchia ristretta di Putin ci fosse stato uno statista, il governo avrebbe accettato le proposte di Macron e avrebbe cercato di applicarle per valutare la possibilità di integrarsi in Europa ed evitare la crisi. Invece, il governo russo ha optato per una politica che, dal loro punto di vista, è completamente stupida. Oltre alla natura criminale dell'invasione, ha scelto una politica che ha portato a un'alleanza tra Europa e Stati Uniti. Infatti,

Dunque, criminalità e stupidità da parte del Cremlino, e forti provocazioni da parte degli Stati Uniti. Questo è lo sfondo che ha portato alla situazione attuale. C'è qualche possibilità di porre fine a tutta questa terribile situazione? O dovremmo cercare di approfondirlo? Queste sono le alternative.

C'è solo un modo per porre fine a tutto questo. È diplomazia. Ora, la diplomazia, per definizione, implica la comprensione di entrambe le parti. La soluzione finale non è mai del tutto gradita, ma le parti la accettano perché è il male minore. Un accordo fornirebbe a Putin un'uscita di emergenza. Questa è una possibilità. L'altro è lasciarsi trasportare e guardare il mondo intero soffrire, contare gli ucraini morti, lasciare che la Russia soffra, lasciare che milioni di persone muoiano di fame in Asia e in Africa e lasciare che il pianeta continui a riscaldarsi al punto che l'esistenza umana diventa impossibile. Queste sono le alternative. E capita che gli Stati Uniti e buona parte dell'Europa siano quasi unanimemente d'accordo nell'optare per l'alternativa non diplomatica. Hanno deciso di continuare ad attaccare la Russia.

Le colonne del New York Times e del Financial Times di Londra sono piuttosto eloquenti. Dicono: "Dobbiamo garantire la sofferenza della Russia". Non importa cosa succede con l'Ucraina o chiunque altro. Naturalmente, questa scommessa implica accettare che se Putin viene spinto al limite, senza scampo, ed è costretto ad ammettere la sconfitta, non userà le sue armi per distruggere l'Ucraina.

Ci sono molte cose che la Russia non ha ancora fatto. Gli analisti occidentali sono piuttosto sorpresi. Soprattutto, la Russia non ha attaccato le linee di rifornimento della Polonia, che sono quelle che trasportano armi in Ucraina. Chiaramente potrebbero. Ciò li porterebbe a un confronto diretto con la NATO, cioè con gli Stati Uniti. Le conseguenze sono facili da prevedere. Chiunque abbia anche la minima conoscenza della guerra sa come finisce tutto questo: è un pendio che porta a una guerra nucleare terminale.

Pertanto, stiamo giocando con le vite di ucraini, asiatici e africani, e con il futuro della civiltà in generale per indebolire la Russia, per assicurarci che soffra abbastanza. Se uno vuole giocare a quel gioco, dovrebbe almeno ammetterlo onestamente. Manca di qualsiasi fondamento morale. In effetti, è moralmente spaventoso. E quando capisci cosa c'è in gioco, sei pronto a dire che tutti quelli che sono saltati su questo carro e parlano di sostenere questa situazione sono degli idioti morali.

—Nei media e nella classe politica negli Stati Uniti, e probabilmente in Europa, c'è indignazione morale per la barbarie russa, i crimini di guerra e le atrocità di Putin. È chiaro che la situazione si sta sviluppando come di solito accade in tutte le guerre. Ma questo oltraggio morale non è un po' selettivo?

“L'oltraggio morale è corretto. Va bene che le persone siano indignate. Ma nel Sud del mondo la situazione è incredibile. Condannano la guerra, ovviamente. È un deplorevole crimine di aggressione. Ma poi guardano l'Occidente e dicono: "Di cosa stai parlando? È quello che voi ragazzi fate tutto il tempo".

La differenza nelle analisi è abbastanza sorprendente. Ad esempio, leggi il  New York Times  e leggi un grande pensatore, Thomas Friedman. Qualche settimana fa ha scritto una rubrica in cui giustamente trasmette molta disperazione. Chiedi "Cosa possiamo fare? Come possiamo condividere il mondo con un criminale di guerra? E dice: “Non abbiamo mai sperimentato nulla di simile dai tempi di Adolf Hitler. Abbiamo un criminale di guerra in Russia. Non sappiamo come reagire. Non avremmo mai immaginato di incontrare di nuovo un criminale di guerra”.

Ora, quando le persone del Sud del mondo leggono tutto questo, non sanno se ridere o piangere. Abbiamo criminali di guerra che camminano liberamente per Washington. In effetti, sappiamo come comportarci con i criminali di guerra. La stessa cosa è successa con il 20° anniversario dell'invasione dell'Afghanistan. Tieni presente che è stata un'invasione del tutto gratuita e che l'opinione pubblica è sempre stata contraria. Ricordo un'intervista con il responsabile, George W. Bush - che poi invase l'Iraq, cioè un grande criminale di guerra - nello stile delle interviste che fa il Washington Post, che lo mostrava come un nonno gentile che giocava con i suoi nipoti.  Ha fatto battute e ha mostrato una serie di ritratti fatti da sé di personaggi famosi che aveva incontrato. Un ambiente bello e amichevole.

Quindi sappiamo come comportarci con i criminali di guerra. Thomas Friedman ha torto. Lo facciamo sempre.

Prendiamo ad esempio un altro caso, quello di Henry Kissinger, probabilmente il più importante criminale di guerra della modernità. Non solo lo trattiamo con gentilezza, ma lo trattiamo con ammirazione. Dopotutto, è lui che ha dato l'ordine all'aviazione dicendo che tutta la Cambogia doveva essere bombardata, che "tutto ciò che vola, tutto ciò che si muove" doveva essere bombardato... Questa era la sua frase. Non conosco alcun esempio equivalente di un appello a perpetrare un genocidio. Questo è quello che è successo in Cambogia. Non ne sappiamo molto perché non ci piace indagare sui nostri crimini di guerra. Ma Taylor Owen e Ben Kierman, storici che hanno studiato molto seriamente la Cambogia, hanno scritto sull'argomento. Poi c'è la nostra responsabilità nel rovesciamento del governo di Salvador Allende e nell'istituzione di una violenta dittatura in Cile. E la lista continua. Quindi sappiamo bene come comportarci con i criminali di guerra.

Tuttavia, Thomas Friedman trova inconcepibile ciò che sta accadendo in Ucraina. E nessuno gli ha risposto. Ciò significa che tutti pensano che quello che ha scritto sia abbastanza ragionevole. La parola selettività non basta. È una cosa impressionante. Comunque, l'oltraggio morale va bene. Va bene che gli americani inizino a mostrare un po' di indignazione per i crimini di guerra, anche se sono crimini di altri.

"Ho un piccolo indovinello per te. Ha due parti. L'esercito russo è inetto e incompetente. I loro soldati hanno il morale basso ei loro comandanti sono cattivi. La sua economia è equivalente a quella dell'Italia e della Spagna. Quello per una cosa. Ma d'altra parte, la Russia è un colosso militare che minaccia di sopraffarci. Pertanto, abbiamo bisogno di più armi, dobbiamo espandere la NATO. Come conciliare queste due idee contraddittorie?

— Queste due idee sono molto comuni in tutto l'Occidente. Di recente ho partecipato a una lunga intervista in Svezia sui loro piani per entrare a far parte della NATO. Ho fatto notare che i governanti svedesi avevano due idee contraddittorie, le stesse due che lei ha menzionato. Uno è il vanto che la Russia si è dimostrata una tigre di carta che non può conquistare città che distano pochi chilometri dal suo confine e che sono difese da un esercito composto principalmente da cittadini. Pertanto, sono completamente incompetenti in termini militari. L'altra idea è: sono pronti a conquistare l'Occidente e distruggerci.

George Orwell ha inventato un nome per questo. Ha detto che era "doppio pensiero". Sono due idee contraddittorie che coesistono nella mente di una persona e quella persona crede in entrambe allo stesso tempo. Orwell pensava che questo esistesse solo nello stato ultra-totalitario che aveva deriso nel 1984. Ma si sbagliava. Succede anche nelle società libere e democratiche. In questo momento abbiamo davanti a noi un esempio drammatico e non è la prima volta.

Questo doppio pensiero è caratteristico della Guerra Fredda. Quando leggiamo con attenzione il documento più importante di quegli anni, l'NSC-68 del 1950, capiamo che solo l'Europa, senza gli Stati Uniti, ha legato con la Russia in capacità militare. Ma ovviamente dovevamo avere un programma di riarmo per contrastare le intenzioni del Cremlino di conquistare il mondo.

Questo documento è disponibile ed è stato un approccio consapevole. Dean Acheson, uno dei suoi autori, ha poi affermato che era necessario essere "più chiari della verità", questa era la sua frase, per promuovere l'azione del governo. Vogliamo aumentare il budget militare, quindi dobbiamo essere “più chiari della verità” inventando la storia di uno stato che sta per conquistare il mondo. Questo tipo di pensiero è tipico della Guerra Fredda. Ci sono molti altri esempi, ma è quello che stiamo vivendo in questo momento. Ed è così per dirla: sono due idee che stanno consumando l'Occidente.

—È anche interessante ricordare che, in un articolo d'opinione del 1997 pubblicato sul New York Times, il diplomatico George Kennan aveva previsto il pericolo che la NATO spostasse i suoi confini a est.

Kennan si era anche opposto a NSC-68. In effetti, era stato anche responsabile del gruppo decisionale del Dipartimento di Stato. Fu licenziato e sostituito da Paul Nitze. Il governo pensava che fosse un personaggio troppo tenero in un mondo troppo duro. Era un falco, radicalmente anticomunista, piuttosto brutale riguardo alle posizioni degli Stati Uniti, ma si rendeva conto che il confronto militare con la Russia era inutile.

La Russia, pensava, sarebbe finita per crollare a causa delle sue contraddizioni interne. E aveva ragione. Ma il governo pensava che fosse troppo pacifista. Nel 1952 si dichiarò favorevole all'unificazione della Germania al di fuori dell'alleanza militare della NATO. Quella era la stessa proposta di Joseph Stalin. Kennan era stato un ambasciatore in Unione Sovietica ed era uno specialista della Russia.

L'iniziativa di Stalin. La proposta di Kennan. C'erano europei favorevoli e sarebbe bastato per porre fine alla Guerra Fredda. Avrebbe implicato la neutralità di una Germania non militarizzata al di fuori di qualsiasi blocco militare. Ma a Washington la proposta è stata completamente ignorata.

Uno specialista di politica estera molto apprezzato, James Warburg, ha scritto un libro sull'argomento. Vale la pena leggere. Il titolo è Germania: chiave per la pace. Warburg ha proposto di prendere l'idea sul serio. Ma la sua proposta è stata screditata, ignorata e persino ridicolizzata. Come credere a Stalin? Ad ogni modo, i file sono venuti alla luce e si è scoperto che faceva sul serio. Ora leggiamo i più importanti storici della Guerra Fredda, come Melvin Leffler, e riconoscono che in quel momento c'erano reali possibilità di raggiungere un accordo pacifico, infine scartato a favore della militarizzazione e dell'ampliamento del bilancio bellico.

Consideriamo ora l'amministrazione di John F. Kennedy. Dopo l'elezione di Kennedy, Nikita Khrushchev, che all'epoca era alla guida della Russia, fece una proposta piuttosto importante che prevedeva una notevole riduzione dell'armamento militare offensivo e che avrebbe portato ad un allentamento delle tensioni. A quel tempo, gli Stati Uniti avevano un grande vantaggio in termini militari. Krusciov voleva concentrarsi sullo sviluppo economico della Russia e capì che era impossibile farlo nel contesto di uno scontro militare con un avversario molto più ricco. In primo luogo, lo propose al presidente Dwight Eisenhower, che non vi prestò attenzione. Successivamente, lo propose a Kennedy e la sua amministrazione rispose con il più grande accumulo militare in tempo di pace della storia,

Gli Stati Uniti hanno inventato la "violazione missilistica". La Russia stava per superare gli Stati Uniti nello sviluppo missilistico. Una volta scoperto il divario missilistico, si è scoperto che gli Stati Uniti avevano il sopravvento. La Russia aveva a malapena quattro missili scoperti in nessuna base aerea.

Gli esempi abbondano. La sicurezza della popolazione semplicemente non è motivo di preoccupazione per i politici. La sicurezza dei privilegiati, dei ricchi, del settore degli affari, dei produttori di armi, sì, lo è, ma non del resto di noi. Questo doppio pensiero è costante, anche se a volte è cosciente e altre volte no. È ciò che Orwell ha definito: l'iper-totalitarismo in una società libera.

—In un articolo di Truthout, hai citato il discorso “Cortina di ferro” di Eisenhower del 1953. Perché è interessante per te?

“Dovresti leggerlo. Ti renderesti presto conto del perché è interessante. È il miglior discorso tenuto da Eisenhower. Siamo nel 1953, il governo ha appena ipotizzato. Fondamentalmente, sottolinea che la militarizzazione rappresenta un enorme attacco alla nostra società. Eisenhower, o chiunque abbia scritto il suo discorso, lo dice in modo abbastanza eloquente. Un aereo militare implica tante meno scuole e ospedali. Quando aumentiamo il budget militare, attacchiamo noi stessi.

Eisenhower ha descritto tutto questo in modo molto dettagliato e ha chiesto di tagliare il budget militare. Hai un dossier piuttosto terribile, ma su questo avevi ragione. E quelle parole dovrebbero vivere nella memoria di tutti. Infatti, Joe Biden ha recentemente proposto un enorme budget militare. Il Congresso l'ha ulteriormente ampliato, e questo rappresenta un attacco alla nostra società, nel senso che Eisenhower ha spiegato tanti anni fa.

La scusa: dobbiamo difenderci da questa tigre di carta, così militarmente incompetente che non può nemmeno avanzare entro pochi chilometri dal suo confine senza crollare. Pertanto, dobbiamo fare del male a noi stessi e mettere a rischio il mondo intero sprecando con un mostruoso budget militare molte risorse che saranno inestimabili se vogliamo affrontare le grandi crisi esistenziali che ci attendono. Nel frattempo, convogliamo tutte le entrate fiscali nelle tasche dei produttori di combustibili fossili in modo che possano continuare a distruggere il mondo a un ritmo sempre più rapido. Questo è ciò che stiamo vedendo con l'enorme espansione della produzione di combustibili fossili e con le spese militari. Ci sono molte persone che sono felici. Basta guardare i dirigenti della Lockheed Martin, della ExxonMobil. Sono estasiati. Per loro è una manna. Ottengono persino credito. Ricevono lodi per aver salvato la civiltà quando in realtà stanno distruggendo ogni possibilità di vita sulla Terra. Per non parlare del Sud del mondo. Se ci fossero degli alieni e vedessero cosa stiamo facendo, penserebbero che siamo completamente pazzi. E avrebbero ragione.

*Di David Barsamian per JACOBIN

 

La repressione contro i delegati della logistica d...
Riscaldamento globale e future pandemie.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 29 Novembre 2022

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema