Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Convergere, confliggere, dire no alla guerra

guerra-no

Comunicato della redazione di Lotta Continua sulle manifestazioni in programma per domani

CONVERGERE, CONFLIGGERE, DIRE NO ALLA GUERRA.

Siamo passati dal “Volete i condizionatori o la pace?” di draghiana memoria al “Non arretreremo”, nuova frontiera meloniana. La sola certezza è che questo conflitto per il nuovo posizionamento del capitale lo stanno pagando i lavoratori e i proletari.
Da un anno esatto le armi e la retorica bellica hanno invaso il pianeta e le nostre vite sono state travolte da questa situazione. Intanto procede spedita la militarizzazione dei territori e i governi aumentano le spese militari sottraendo risorse ai servizi sociali.
La scelta del capitale è stata avviare un conflitto di cui non si vede il termine, che rischia di espandersi aprendo altri fronti e che sicuramente avrà ripercussioni di lunga durata.

Questa guerra non ci riguarda!

Ciò che fa comodo ai padroni (di qualunque luogo), alle grandi multinazionali, ai Governi che suonano le fanfare di battaglia, va senza dubbio contro gli interessi dei lavoratori e dei proletari.
Non pensiamo che sia sufficiente un generico appello ai sentimenti di chi ha voluto questa situazione per fermare l’escalation. Non è sufficiente essere pacifisti: il capitale non ha anima, si muove solo per soddisfare il proprio interesse e aumentare i propri profitti.
Quando i padroni si riempiono la bocca con la parola “pace”, per loro significa solamente “pace sociale” all’interno per sfruttare di più e meglio. Quando pronunciano la parola “guerra” intendono guerra ai proletari di ogni Paese per sfruttarli più e meglio.

Quindi la sola risposta è. NO ALLA GUERRA DEL CAPITALE!!!

Per questo abbiamo aderito alla piattaforma che ha indetto l’assemblea milanese di sabato 18 febbraio.
Siamo convinti che solamente creando uno schieramento anticapitalista saremo in grado di contrastare la tendenza irreversibile alla guerra che anima il capitale. Solo individuando quale unico reale nemico il capitale ci sarà modo di liberarci dalla guerra.
Per questo invitiamo tutti a scendere in piazza il 25 FEBBRAIO 2023 partecipando alle manifestazioni indette riempiendole di contenuti di classe e anticapitalisti.

Contro la guerra del capitale la risposta deve essere netta e univoca.

REDAZIONE DI LOTTA CONTINUA

 

Valditara: le dimissioni non bastano.
Considerazioni sulla guerra in corso da un punto d...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 12 Giugno 2024

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema