Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Pronti soccorsi a pagamento: il modello sanitario americano si va affermando

pronto-soccorso-ospedale-fiorenzuola

Pronti soccorsi a pagamento: il modello sanitario americano si va affermando

 La sola idea di un pronto soccorso a pagamento negli ospedali pubblici dovrebbe far rabbrividire e indignare, la opportunità di evitare le attese pagando un oneroso ticket dovrebbe indurci a una riflessione su cosa sia divenuta la sanità pubblica con una disparità di cura su base censocratica.

Dopo anni di privatizzazione della sanità lombarda non ci dobbiamo certo meravigliare, quanti dispongono delle risorse economiche potranno accedere a servizi medici senza attendere lunghe code o prenotare in anticipo le necessarie prestazioni.

L' ambulatorio ad accesso diretto è già stato attivato all’interno delle strutture Sanitarie del Gruppo San Donato, queste strutture sono state accreditate dalla Regione Lombardia e da qui inizia un percorso di differenziazione della cura su base censocratica assai preoccupante. 

Se l'ambulatorio ad accesso diretto è iniziato a Milano, con strutture come il Galeazzi-Sant’Ambrogio e il Policlinico San Donato era scontato che si allargasse ad altre città della Lombardia, da Brescia a Bergamo come poi è avvenuto.

Il pronto soccorso a pagamento è tipico e ricorrente nel modello sanitario statunitense, se paghi avrai servizi rapidi e all'insegna della efficienza, in caso contrario sarai un numero destinato a lunghe attese prima di ricevere le cure necessarie.

Se vuoi essere visitato e ricevere prestazioni rapide dovrai pagare 149 euro, chi non avrà questa somma è destinato a servizi probabilmente minori e in tempi decisamente lunghi. L'ospedale e la sanità pubblica diventano in questo modo soggetti a regole inique in nome delle quali se hai i soldi potrai ricevere attenzioni e cure in tempi rapidi, in caso contrario dovrai armarti di pazienza e aspettare.

Il pronto soccorso a pagamento non è certo la risposta alle lacune nel sistema sanitario pubblico italiano ma piuttosto determina la irreversibile crisi della sanità pubblica e dello stesso concetto che ogni cittadino, a prescindere dalla condizione sociale ed economica, abbia i medesimi diritti. 

Non si tratta solo di etica e di morale ma di sostenere invece un principio basilare, oggi sacrificato, quello dell'uguaglianza di trattamento in caso di cure mediche, principio sacrificato in nome del mercato e della mercificazione di diritti elementari e basilari. 

Dopo i tagli alla sanità e la persistenza del numero chiuso per accedere alle facoltà sanitarie, non sentivamo certo il bisogno di prestazioni differibili in base alla disponibilità economica di quanti necessitano di cure e prestazioni.

Per saperne di più

Pronto Soccorso a Pagamento: Nuova Prospettiva nella Sanità (microbiologiaitalia.it)

Riportiamo una testimonianza diretta

Mi chiamo M G, ho 83 anni e sono una malata oncologica. In agosto ho avuto dolori lancinanti ma la prima radiografia era disponibile solo a metà Settembre, 40 giorni dopo. Ho provato con le strutture private della provincia di… ma erano tutte in ferie o oberate di richieste. Ho resistito per una settimana e poi sono stata costretta ad andare al Pronto soccorso, una attesa di 3 ore per l'ambulanza e il ricovero per 24 ore con le radiografie che hanno scongiurato problemi più gravi. Sono una pensionata sociale, se avessi dovuto pagare 150 euro oggi non avrei fatto la spesa, ditemi voi se davanti alla necessità della cura possono esserci differenze. 

A cura della redazione pisana di Lotta Continua

 

Marco Rossi, Le Ombre di Fiume, tra nazionalismo e...
Gravi minacce alla vita e alla salute di Abdullah ...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti 1

Ospite - Marco il Domenica, 01 Ottobre 2023 16:44

Questo è il punto di arrivo, verrebbe da dire, del declino della sanità. In realtà c'è spazio per ulteriori, drammatici, peggioramenti. La deriva ultra-liberista del ns. paese sta procedendo a grandi passi: fra non molto al Pronto Soccorso (a tutti i Pronto Soccorso) verrà chiesta la carta del bancomat, non più la tessera sanitaria. E chi non ha il becco di un quattrino verrà gentilmente messo alla porta, con buona pace del dettato costituzionale sulla salute. Questo è il risultato della scomparsa di ogni forza di sinistra in Parlamento e dello spostamento a destra sempre più marcato di tutti i partiti organizzati. E' un vero schifo. Uno sconcio. Ma la cosa più incredibile, intollerabile, incomprensibile, rivoltante, è che gran parte dei cittadini elettori continuano a dare il proprio voto a formazioni dichiaratamente di destra! Continuano a dare le proprie preferenze il proprio sostegno a chi li sta ammazzando, a chi gli sta rubando ogni specie di futuro!

Questo è il punto di arrivo, verrebbe da dire, del declino della sanità. In realtà c'è spazio per ulteriori, drammatici, peggioramenti. La deriva ultra-liberista del ns. paese sta procedendo a grandi passi: fra non molto al Pronto Soccorso (a tutti i Pronto Soccorso) verrà chiesta la carta del bancomat, non più la tessera sanitaria. E chi non ha il becco di un quattrino verrà gentilmente messo alla porta, con buona pace del dettato costituzionale sulla salute. Questo è il risultato della scomparsa di ogni forza di sinistra in Parlamento e dello spostamento a destra sempre più marcato di tutti i partiti organizzati. E' un vero schifo. Uno sconcio. Ma la cosa più incredibile, intollerabile, incomprensibile, rivoltante, è che gran parte dei cittadini elettori continuano a dare il proprio voto a formazioni dichiaratamente di destra! Continuano a dare le proprie preferenze il proprio sostegno a chi li sta ammazzando, a chi gli sta rubando ogni specie di futuro!
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 12 Luglio 2024

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.

Care lettrici, cari lettori: a causa di alcuni problemi, il coordinamento dei vari collettivi redazionali, e quindi l’organizzazione, la struttura del giornale e l’aggiornamento del sito hanno subito un rallentamento. Con molto ritardo stiamo cercando di correre ai ripari, ma nonostante questo alcuni aggiornamenti del software del nostro provider hanno portato a un non corretto funzionamento del sito (lo slideshow degli ultimi 5 articoli non funziona più). A questo va aggiunto che il software con cui il sito è stato sviluppato a breve non sarà più supportato e l’aggiornamento richiederebbe più impegno che fare un sito nuovo con un altro software. Quindi a breve (speriamo) metteremo online la nuova versione.

Sghing - Messaggio di sistema