Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Pensioni: dal caos spunta la ennesima beffa

pensione-vivi

Pensioni: dal caos spunta la ennesima beffa

Da tempo sosteniamo che l'obiettivo del Governo, e della Ue, sia quello di tornare velocemente alla piena applicazione della Legge Fornero e la discussione in atto tra Governo e Sindacati conferma che la riduzione dell'età pensionabile e dei coefficienti di calcolo della pensione non sono obiettivi sindacali e Governativi.

In attesa del prossimo incontro con i sindacati complici, si iniziano a scoprire le carte dimenticando che le pensioni calcolate con il sistema contributivo saranno ridotte a tal punto da costringere il Governo, tra 10 o 20 anni, a intervenire con misure di sostegno al reddito.

Il Governo non cancellerà la Fornero, non ridurrà l'età pensionabile nè rimetterà in discussione il modello contributivo e i sistemi di calcolo.  L'attenzione sembra invece rivolta all'ampliamento del silenzio-assenso per destinare il Tfr ai fondi pensione giusto a dimostrare che il potenziamento della previdenza pubblica non rientra tra i piani del Governo e dei sindacati. Nel migliore dei casi avremo una piccola revisione della legge Fornero con pensionamenti anticipati resi possibili solo a condizione del calcolo di tutta la vita lavorativa con il metodo contributivo per chi oggi ancora, e per poco, può vantare un calcolo misto tra contributivo e retributivo. 

E così si pensa all'uscita dal lavoro a 64 anni con almeno 38 anni di versamenti, si pensa al cumulo tra lavoro e pensione e quale piccolo vantaggio per i lavori gravosi. Parliamo di lavoratori e lavoratrici che hanno cominciato a lavorare prima del 1° gennaio 1996 e se vorranno anticipare la pensione subiranno il danno economico dell'intero calcolo con il contributivo. Se confrontiamo una pensione con il retributivo e una con il contributivo la differenza arriva anche al 35%, le pensioni di domani saranno decisamente più basse. 

Un autentico ricatto se pensiamo che ad oggi ci sono solo 192mila lavoratori retributivi e per farli uscire prima dal lavoro si costringeranno a un calcolo della pensione che potrebbe arrivare al 30% in meno dell'assegno, pensiamo allora quale sarà l'importo previdenziale per i quarantenni di oggi. 

Ci sembra evidente che il mix 64+38 (Quota 102) sia una scelta penalizzante per quanto venga invece presentata come un vantaggio.  

Intanto il presidente dell’Inps Tridico ha rilanciato la proposta di un anticipo a partire dai 64 anni d’età (e 20 di versamenti) della sola fetta contributiva della pensione per poi riconoscere la quota retributiva al raggiungimento dei 67 anni

Scenari veramente brutti all'orizzonte!

Ricordiamo alcuni fatti incontrovertibili

  • l'aspettativa di vita dopo due anni di pandemia diminuisce come dimostra uno studio universitario, abbiamo perso quasi 1 anno e mezzo e, ciò nonostante si pensa alla piena attuazione di una legge previdenziale (la Fornero) che si basa sul progressivo aumento dell'età lavorativa ritenendo che l'aspettativa di vita sia ancora in costante aumento. 
  • Quanti anni di vita abbiamo perso nel 2020 per il Covid? (unive.it)
  • Secondo l'Ocse già prima della pandemia l'aspettativa di vita ha iniziato a diminuire giusto a ricordare la tossicità del sistema capitalismo che nella attuale fase spreme ogni essere umano per esigenze di profitto. In Italia per l'Ocse l’aspettativa di vita era diminuita da 83,6 anni nel 2019 a 82,4 anni nel 2020, i dati del 2021 sono poi decisamente peggiori.
  • Nel 2021 hanno pagato 100 mila pensioni in meno nonostante la quota 100 a conferma che si lavora sempre più a lungo 
  • aumenta l'orario di lavoro in Italia mentre diminuisce in altri paesi,,,Svolta Belgio: arriva la settimana lavorativa di 4 giorni - Il Sole 24 ORE
  • infortuni, malattie professionali e morti sul lavoro aumentano nonostante la riduzione delle ore lavorate, il dissesto del sistema sanitario pubblico iniziato 40 anni fa ha portato alla situazione attuale.

Da: https://delegati-lavoratori-indipendenti-pisa.blogspot.com

 

Vita reale, bollette, inflazione
No alla guerra No alla Nato

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 05 Luglio 2022

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema