Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://lotta-continua.it/

Perù: massacro brutale a Juliaca da parte delle forze di polizia e dell’esercito.

per

Almeno 17 morti nella giornata di lotta del 9 gennaio. Sale così a 46 il numero di manifestanti uccisi dal governo golpista di Dina Boluarte dai militari e dal Congresso dall’inizio delle proteste.

Questo lunedì, 9 gennaio, una violenta repressione delle proteste contro il governo golpista del presidente Dina Boluarte ha causato almeno 17 morti nella zona di Juliaca.

La regione ha vissuto una nuova giornata di sciopero a tempo indeterminato nell'ambito delle azioni di protesta, riprese il 4 gennaio, contro il governo golpista di Dina Boluart, diventata presidente dopo il golpe parlamentare che ha deposto Pedro Castillo all'inizio di dicembre.

Questa nuova tappa delle proteste popolari è stata approvata nella Macro Assemblea Regionale del Sud che si è svolta nella città meridionale di Arequipa, alla quale hanno partecipato leader e rappresentanti di regioni come Puno, Moquegua, Cusco, Apurímac, Andahuaylas e Madre de Dios. e Arequipa, regioni in cui le proteste sociali hanno inizialmente raggiunto una forza maggiore.

In questa seconda fase delle lotte sociali (dopo l’interruzione durante il periodo festivo) contro il governo Boluarte, le azioni più forti e dinamiche si stanno svolgendo nelle regioni meridionali del Paese, in particolare nel dipartimento dell'altopiano di Puno, che si caratterizza per i suoi alti indici di povertà profonda causata dai vari governi neoliberisti che si sono succeduti.

Juliaca, si trova in quella regione, e già venerdì scorso c'è stata una forte repressione contro i manifestanti da parte delle forze repressive della polizia nazionale e dell'Esercito, soprattutto nelle vicinanze dell'aeroporto internazionale Inca Manco Cápac, quando i manifestanti hanno cercato di occupare le strutture di detto aeroporto.

Il governo golpista di Dina Boluarte conferma la sua politica di "mano forte" contro i manifestanti e, lungi dal pensare alle dimissioni, ciò che l'Esecutivo sta facendo è rafforzare il suo rapporto con i settori delle forze armate e della polizia, oltre a cercare di aumentare i suoi legami con le grandi imprese e con i settori della destra e dell'estrema destra in Parlamento. È in questi settori reazionari che si sostiene fondamentalmente il governo Boluarte e , insieme a loro, persegue una violenta repressione dei manifestanti.

La nuova ondata di manifestazioni di malcontento continua dopo quelle svoltesi lo scorso dicembre, in seguito alla destituzione e l'incarcerazione del presidente Pedro Castillo per aver tentato di sciogliere il Parlamento. Le proteste contro il governo Boluarte sono riprese il 4 gennaio, dopo una breve tregua per le vacanze di fine anno. Gruppi di manifestanti hanno mantenuto posti di blocco lunedì in sei dei 24 dipartimenti del Paese, comprese zone turistiche come Puno, sulle rive del lago Titicaca; Cusco, Arequipa, Madre de Dios, Tacna e Apurimac. La stazione di polizia della città di Puno si è svegliata con una barricata di sacchi di terra e una guardia della polizia, come misura precauzionale contro le manifestazioni in quella città dell'altopiano.

Di fronte a ciò crescono il malcontento e la delegittimazione del governo, soprattutto nelle regioni più povere dell'interno del Paese. Per questo motivo, e al di là delle future tregue sociali che potrebbero verificarsi, crediamo che il conflitto sociale e le proteste continueranno, esprimendosi in modi diversi e con accenti diversi. In questa prospettiva, è molto importante costruire spazi di articolazione dei diversi settori che sono in lotta per dar vita ad un Comando Unitario di Lotta da lì per affrontare il governo di destra e repressivo di Boluarte e da lì anche lottare per imporre un'Assemblea Costituente Libera e Sovrana che ci permetta di liberarci del regime disastroso del 1993 ereditato dal governo dittatoriale di Alberto Fujimori.

Da: laizquierdadiario.com

Fermiamo il selvaggio sfruttamento in Israele dei ...
Il fascismo indiscreto del Movimento Sociale Itali...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Giovedì, 02 Febbraio 2023

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema